Chiudiamo l’anno (e per un po anche il nostro blog) con uno dei nostri beniamini: il gatto Maru. Pasticcione, maldestro, amante delle scatole in cui riesce a malapena ad entrare ma indiscutibilmente uno dei mici più simpatici che ci hanno accompagnato durante questi mesi. Il modo migliore per festeggiare il Capodanno: con un bel sorriso!

Video: Youtube

4 commenti

1

Un 2012 a 4 zampe

Si parla di: Di tutto un po'

Tra poche ore ci lasceremo alle spalle il 2012 e vogliamo ricordarlo con le buone notizie che ci hanno accompagnato durante questi mesi: partiamo innanzitutto della liberazione dei Beagle di Green Hill. Dopo mesi di battaglie, infatti, i 2600 cani allevati per la vivisezione sono stati liberati ed hanno iniziato una nuova vita grazie alle molte famiglie che li hanno adottati.

Sempre più facile, inoltre, viaggiare con i nostri amici animali e trovare locali dove possono entrare anche loro. Un modo, questo, per combattere il triste fenomeno dell’abbandono ma anche per riconoscere il sentimento sempre più forte che ci lega ai nostri pet, diventati ormai a tutti gli effetti membri della famiglia.

Per chiudere con un sorriso il 2012, qualche curiosità: dai pet più strani trovati in aereo, come sciami di api e vermi, alle stranezze del mondo animale. Gli elefanti, per esempio, hanno orecchie che raggiungono una superficie di 2 mt quadrati. Non scordiamoci, infine, di dire grazie ai nostri pet: perché ci danno tanto amore, perché ci fanno stare bene e perché aiutano i nostri bambini a crescere bene. Non si meritano per questo qualche carezza in più?

Foto:

1 commento

Sono bastati una pallina e una piscina per creare uno dei calendari più originali del 2013. Il fotografo Seth Casteel ha infatti scattato una serie di fotografie subacquee ai nostri amici a 4 zampe: un modo simpatico per ricordarci da Gennaio a Dicembre che i cani seguirebbero una pallina in capo al mondo!

Un altra idea originale è quella del calendario “Naturalia 2013: Nudi per loro” che ha riunito biologi, veterinari, ricercatori ed erpetologi. Tutti senza vestiti per aiutare il Centro recupero fauna del Salento, che cura in media 800 animali, alcuni di passaggio, altri in affido permanente presso la struttura pugliese.

Non dimentichiamoci, inoltre, delle tante associazioni che grazie alle vendite dei calendari raccolgono fondi per la loro sopravvivenza e ci sensibilizzano sulle tematiche animaliste: la Lega nazionale per la difesa del cane ci ricorda il contributo prezioso di chi lavora per combattere il randagismo, la LAV ci mostra le foto dei cani salvati dalla sperimentazione animale e l’AAE dedica il 2013 ai piccoli pelosi in cerca di casa.

Foto: Neil Kremer

1 commento

Conosciuto in tutto il mondo per essere stato scelto dal WWF come suo animale simbolo, il panda gigante è oggi una delle specie maggiormente a rischio di estinzione. Le minacce di questo bellissimo “orsetto” bianco e nero riguardano soprattutto la distruzione del suo ambiente naturale: gli esemplari di panda gigante sono ormai confinati in aree piccole e frammentate tra loro. Per questo rischiano di subire un isolamento di tipo genetico e di morire di fame.

A causa della deforestazione, infatti, le foreste di bambù stanno scomparendo. E per un animale che non fa altro che mangiare tutto il giorno, arrivando a pesare da adulto oltre 100 kg, la mancanza del suo cibo preferito potrebbe rivelarsi un serio problema. Per capire quanto è goloso basti pensare che, nascosto fra il fitto fogliame della foresta, il panda gigante mangia fino a 14 ore al giorno.

A peggiorare le cose, appena il panda gigante esce dai confini delle riserve è esposto ai fucili di cacciatori e bracconieri. Per questi motivi sono fondamentali gli sforzi per la sua conservazione, grazie ai quali oggi circa 1.600 esemplari sono protetti in oltre 15 riserve della Cina centro meridionale.

Foto: gill_penney

Commenta

Cani, topi e anche maiali. Sono gli animali che aiutano le forze armate nel loro lavoro. Ma non solo. E’ dai tempi della guerra del Vietnam che la marina militare degli Stati Uniti usa i delfini nell’identificazione e segnalazione di bombe subacquee. Una volta trovato l’ordigno questi intelligentissimi cetacei rilasciano una boa galleggiante che permette ai militari di individuarlo.

Un lavoro pericoloso che ha suscitato non poche perplessità etiche. Per questo motivo entro 5 anni l’intero battaglione di delfini sarà messo a riposo e verrà rimpiazzato da un piccolo sommergibile con le stesse capacità.

Non dimentichiamoci, inoltre, dei pennuti che operano sulle piste degli aeroporti di tutto il mondo per tenerle sgombre da piccioni, gabbiani e uccellini vari, pericolosi soprattutto durante il decollo e l’atterraggio degli aerei. Anche i piccioni, che nella seconda guerra mondiale consegnarono intatte il 90% delle comunicazioni, sono di nuovo utilizzati: la Cina ad esempio ha appena addestrato 50mila corrieri volanti.

Foto: tolomea

Commenta

A volte la fame è così tanta che possono succedere…ehm…incresciosi incidenti. E a voi non è mai capitato di fare un salto dentro al piatto?

Video: Youtube

Commenta

Natale è un periodo di festa e di serenità per noi e per i nostri amici animali. Attenzione però a luci e addobbi: palline e statuine del presepe possono essere masticate come fossero dei giocattoli. Ugualmente le lucine potrebbero essere morse da Fido con il rischio di prendere la scossa. In commercio comunque ci sono dei copricavi a prova di morso. Per le decorazioni evitiamo vetro o plastica, preferendo invece gomma o feltro.

La stella di Natale è da sempre la classica pianta che si regala per le feste. Purtroppo, è anche un fiore estremamente tossico se ingerito dai cani. È meglio quindi rinunciarvi o, in alternativa, metterlo fuori della portata del 4 zampe.

Torrone, panettoni, torte e frutta secca imbandiscono la nostra tavola. Non facciamoci commuovere se il nostro cane ce ne chiede un pezzettino (al limite facciamolo festeggiare con un snack fatto apposta per lui): questi alimenti, infatti, sono dannosi per la sua salute. Il cioccolato, soprattutto, può essere tossico per i cani, se ingerito in grande quantità.

Foto: llimllib

Commenta

E’ chic, è comoda e può diventare un vero e proprio pezzo del nostro arredamento. Parliamo della cuccia a forma di cartone del latte: un pezzo che non può mancare a casa degli amanti dei gatti e del design. Per chi ama passare una serata giocando con gli amici, inoltre, consigliamo Cat-opoly: la versione felina del Monopoly. Tutto richiama gli amici gatti, dalle carte che contengono simpatiche curiosità, alle pedine a forma di sardine, gomitoli di lana, topi e bottiglie di latte.

Anche la nostra casa può essere personalizzata con gadgets dedicati ai piccoli pelosi: un grembiule da cucina, dei guanti da forno o uno zerbino per accogliere i nostri ospiti. Queste alcune della idee che ci offre il sito The Cat Gallery.

I gatti possono essere protagonisti di opere d’arte. Dagli astratti picasso, ai tropicali Gauguin, all’urlo “miaesco” di Munch, tante le idee per un regalo originale e spiritoso. Infine, sul sito di Simon’s cat, il gatto animato più famoso del web, possiamo trovare orecchini, peluche, album per le foto, magliette e agende.

Foto: justj0000lie

Commenta

Due passi in avanti nella battaglia di civiltà che vede protagonisti i nostri amici animali e i loro diritti. Il primo successo riguarda l’entrata in vigore di un decreto attuativo del codice della strada che sancisce l’obbligo di fermarsi in caso di incidente con un animale.

Il trasporto di un animale ferito, inoltre, è equiparato al trasporto di una persona, permettendo l’utilizzo di sirena e lampeggiante per ambulanze veterinarie e mezzi di vigilanza zoofila. Fissate, infine, anche le attrezzature di cui dovranno essere dotati i mezzi di soccorso.

Il secondo successo riguarda invece la zooerastia, ovvero la pratica di avere rapporti sessuali con animali. Secondo la Cassazione, che ha condannato un allevatore di Bolzano che sfruttava i suoi cani per girare film hard, questo comportamento è una vera e propria forma di maltrattamento. Un importante sentenza per il nostro Paese in cui, al contrario di Germania, Austria e Olanda, il codice penale non prevede la zooerastia come reato.

Foto: POHAN

2 commenti

Una delle cause più frequenti dei litigi tra condomini è la presenza di un animale domestico. Solo l’anno scorso, infatti, sono state oltre 50.000 le segnalazioni arrivate allo sportello che l’Aidaa ha creato per regolare queste controversie. Dai dati forniti dall’associazione i principali protagonisti dei litigi sono i cani, con il 65% del totale, seguiti dai gatti con il 29%.

I motivi che portano alla lite sono l’abbaiare notturno dei cani, l’uso degli spazi comuni, in particolare dell’ascensore da parte degli animali e le vicende legate alle colonie feline o ai gatti di proprietà che girano per i giardini privati e condominiali.

Le regole della convivenza civile ci impongono quindi di mettere in pratica tutti gli accorgimenti necessari per evitare che il nostro cane disturbi gli altri condomini, magari abbaiando perché lasciato troppo da solo, o che danneggi o sporchi gli spazi comuni. Per questo, l’Aidaa ci suggerisce alcune regole per convivere serenamente: tra queste ricordiamo l’importanza di tenere sempre al guinzaglio Fido negli spazi condominiali, nell’ascensore e nelle scale, e di pulire in caso di…ricordini imprevisti!

Foto: Soggydan

Commenta