L'alimentazione per i bambini dai 3 ai 10 anni

Fin dal primo anno di vita, la varietà a tavola e la scelta di alimenti sani, freschi e di stagione contribuisce al completo sviluppo delle facoltà psichiche.

Ecco alcuni suggerimenti per creare una dieta sana ed equilibrata per i nostri bambini:

  • Inserire sempre alimenti diversi. Frutta e verdura di stagione possono essere proposte in vari modi per renderli più appetibili: macedonia, purea di frutta, centrifugati, verdure in pastella, crema di verdure, meglio ma stufate piuttosto che bollite per conservare tutte le proprietà e i minerali.
  • Le proteine sono essenziali per sostenere la crescita. 100-130gr di carne, non solo rossa ma neppure sempre il pollo, o il pesce possono essere inseriti a pranzo e cena, cucinate solo con olio extravergine di oliva, oppure una porzione di formaggio stagionato come il parmigiano Reggiano, oppure la ricotta o lo stracchino. Evitare i formaggi freschi, tipo formaggini, confezionati con sali di fusione che riducono l’assorbimento di calcio. Anche l’uovo è molto utile, ricco di vitamine e ferro, specie in caso di inappetenza perché può essere proposto sia salato che dolce tipo zabaione.
  • Limitare al massimo le merendine industriali con oli vegetali, i cioccolati industriali tipo snack, meglio una crostata fatta in casa con del burro oppure un pezzo di tavoletta di cioccolato.
  • Attenzione alle bibite gassate: impoveriscono l’osso di calcio e apportano troppi zuccheri.
  • Non dimenticare di inserire, come primo piatto, il riso, il miglio, le patate, la polenta per ridurre l’impiego della pasta di frumento. Anche i legumi sono graditi se presentati come passati o creme, importanti per il contenuto di minerali utili all’osso come il silicio, il boro, il magnesio, il calcio.
  • Proporre qualche frittura ai bambini è sano e utile perché accelera i processi metabolici, purché si utilizzi olio extravergine di oliva di ottima qualità e si eviti di cuocere troppo gli alimenti.

Gli esperti di Fondazione Movimento Bambino sono a vostra disposizione per chiarire ogni dubbio sull’alimentazione dei vostri figli.

Dott.ssa Sara Farnetti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Related posts:

Related posts:

  1. Cosa fare se mio figlio non vuole mangiare nulla?
  2. Quale alimentazione estiva durante lo svezzamento?
  3. L’alimentazione per mamme in attesa
  4. Alimentazione in gravidanza: c’è troppo allarmismo?
  5. I cibi dell’estate per mamme e bambini

15 Commenti a “L’alimentazione ideale per i bambini dai 3 ai 10 anni”

  1. 1

    Perchè non ci date delle ricette?

  2. 2

    sintetizzare l’alimentazione di mia figlia (3 anni e mezzo),non è facile…..da giugno non mangia più la sogliola fresca che le comprava il nonno (dopo un infezione alla gola x cui ha smesso di mangiare e bere x 3 giorni) e ripiego con le formine di pesce evitando il pesce a fette pare colmo di mercurio….l’ho allattata al seno ed ha rifiutato il biberon se non per un sorso d’acqua e,se fino a qualche tempo fa mangiava una crema di latte che le preparavo con latte,biscottini,miele ed orzo,ad oggi,forzatamente mangia 1 yougurt con 1 cucchiaino di miele….
    il ricorso alle merendine,da me scongiurato fino a che è stato possibile,soprattutto fresche,da banco,diventa un esigenza dovuta allo scarso appetito o alla fretta al mattino…abbiamo provato con dolci preparati in casa….ma nulla
    x fortuna mangia volentieri 2 uova a settimana,soprattutto ad omelette nella quale metto più formaggio grattuggiato possibile (che non mangia a pezzi),preferendo tanto la pasta con olio d’oliva (uso solo quello) ma senza formaggio grattuggiato…
    petto di pollo a cotolette,fettina di carne,passato di verdure e/o legumi…pochissima frutta
    Il consiglio di fornirci di ricette sane e veloci c’aiuta,così come,letto quanto scritto,qualche consiglio in più rispetto all’alimentazione di mia figlia…
    grazie molte

  3. 3

    mia figlia di 3 anni mangia quasi tutto, non in grandi quantità pero’. A pranzo mangia all’asilo e sono tranquilla dato che il menu è molto vario. Di sera alterno carne rossa a carne bianca, verdure cotte a insalata e pomodorini, pesce ( di solito nasello con olive e capperi). Ogni tanto anche un po’ di dolce, compero o fatto in casa da me o da mia suocera.
    Al mattino beve sempre il latte con biscotti o con i cereali.

  4. 4

    alessia mangia un biberon di latte intero a colazione, a pranzo un pò di pasta con ragù o pesto o olio o ricotta, un paio di uova a settimana, carne solo frullata imboscata in altro, molta frutta e verdura fresca, non mangia zucchero quindi niente biscotti o merendine o altro di dolce.solo yogurt bianco con frutta fresca senza altro.

  5. 5

    Carissime,
    grazie per i vostri interventi, stiamo realizzando un piccolo menu settimanale,
    con qualche associazione alimentare consigliata e qualcun altra da evitare…
    Nei prossimi giorni, lo posteremo e ne parleremo insieme…mi piacerebbe
    aggiungere qualche indicazione sulla cottura degli alimenti, fondamentale elemento nutrizionale a volte trascurato.
    Un affettuoso saluto,
    Maria Rita e gli esperti Fondazione Movimento Bambino

  6. 6

    Penso che se ci fornite qualche ricetta per bambini inappetenti ( come il mio! ) che, se mangiano, mangiano qualcosa di cucinato in modo semplice ( lasagne delle nonne a parte!…ma non si possono mangiare sempre e solo quelle!!! )…bisogna stare lì ad inventare chissà cosa anzitutto per variare il menù e poi per rendere il piatto gustoso ed invitante ma di sostanza….
    Grazie…un saluto

  7. 7

    Io forse sto messa peggio di tutte quante voi. mio figlio ha 2 anni e mezzo e cosa mangia? Boh……….non vuole masticare troppo, dopo 4 /5 pezzetti di carne inizia a sputare. Sono costretta a ncora a dargli le pappe che lui non vuole perchè chiaramente si è stancato.
    Ma io non so proprio cosa preparare: il pesce non lo vuole, l’uovo neanche, le verdure peggio…….e così con la solita pappa riesco a fargli mangiare un po tutto ma che fatica preparare sempre a parte solo per lui!

  8. 8

    mia figlia di tre anni e mezzo mangia per sopravvivere! latte e cereale a colazione.. un po di pasta al sug a pranzo e a cena o l’uovo o la fettina di carne impanata o le polpette . niente verdure ne pesce uno spicchio di mela al mese…

  9. 9

    Cara Anna, niente drammi!
    La dieta di sua figlia comprende carboidati e proteine, per cui ha un buon equilbrio. Frutta e verdura sono la bestia nera di moti bambini, per cui la Fondazione ha sviluppato progetti specifici.
    Provi a coinvolgerla operativamente nel preparare frullati e simili o nell’inventare fiabe a tema o, ancora, nella coltivazione di un piccolo orto.
    La creatività è la principale risorsa dei bambini.
    Se l’inappetenza si aggrava, consulti un medico specialista.
    Cari saluti
    Maria Rita Parsi

  10. 10

    IO HO 10 ANNI E HO UN PESO UN PO TROPPO X LA MIA ETA E VORREI FARE UN PO DI DIETA GRZ A CIò IO SEGUIRO QUESTA DIETA

  11. 11

    Caro piccolo amico, spero che tu seguirai una dieta giusta per la tua età. ATTENZIONE … dieta significa avere ogni giorno un regime alimentare equilibrato. Guarda pure questa tabellina http://blog.donnamoderna.com/donna-mamma/2012/01/20/per-essere-un-campione-lalimentazione-giusta/ e segi i consigli degli esperti. Un caro saluto.

    Staff FMB

  12. 12

    che è una cavolata

  13. 13

    Beh! Leggere che i bambini a 3 anni prendono ancora il biberon e terrificante.
    Non potete lamentarvi se non solo con Voi stesse e con il Vostro pediatra.
    devo dire che mi ritengo fortunata averne trovato una “alla vecchia maniera”
    Ho una bambina di 2 anni e mezzo che e stata svezzata al compimento del sesto mese e non prima, dove l’introduzione degli alimenti e avvenuta in maniera veloce e veria da subito. Escludendo i cibi come uovo,crostacei e fragole, abbiamo cominciato subito con un passato di verdure di tutti tipi (“e solo il gusto del bambino…non esiste un ordine esatto” diceva). Subito alla seconda settimana tre tipi di carne a vapore, nella terza tre tipi di pesce. Cereali introdotti quasi da subito, tanto c’era un intolleranza differenza di due settimane cambia poco, alla fine la frutta fresca sbucciata e frullata e yoghurt. Non mi ha mai consigliato un omogenizzato ne cose simili, quando noi erevamo piccoli non c’erano e siamo vivi. subito alla fine del settimo mese fine con i frullati- si mangia a pezzettini,che stimolano lo sviluppo dei denti e della lingua ( utile per il linguaggio, via assolutamente il biberon, cannuccia o il bicchiere. A un anno il latte intero e non latte di crescita.
    Morale della favola, ho una bimba che se le metti d’avanti un piatto di verdure e degli dolci , sceglliera le verdure, beve litri di latte, mangia da sola da piu di un anno e di tutto ( comodo quando vuoi andare a mangiare fuori).Ha un linguaggio ben sviluppato e non si ammala mai,nonostate il nido.
    Quello che consiglierei alle mamme e non state addosso agli bambini,il cibo deve essere un piacere non una tortura fatta di pappe tutte dello stesso colore e sapore,se non hanno fame non fa niente, giorno dopo recuperano, sanno autoregolarsi ( noi purtroppo non piu)
    magari stimolati da varie forme e colori anche loro preferiranno le verdure e legumi, date a loro libera scelta. E vi prego, a colazione meglio avena che i biscottini con il latte.
    fidatevi e vedrete che stare a tavola con i piccoli e divertente e piacevole, e cucinare con loro e ancora di piu.

  14. 14

    Scusa ma è una gran cavolata che il linguaggio si sviluppa perchè “si mangiano cose da adulti o non si usa il biberon”..io ho visto mamme dare pappine e biberon fino a quattro anni e i loro figli parlavano benissimo e non si ammalavano comunque..mia figlia invece che mangia come noi da un bel pò(ha quasi tre anni)ha un problema molto serio di linguggio..finitela di dare messaggi sbagliati e dire scemenze..lo sviluppo cognitivo,linguaggio e immunitario è un altro paio di maniche..

  15. 15

    Cara Francesca forse mi sono espressa male? Oppure ci sono dei problemi di comprensione? Non ho detto che mangiare a pezzettini sviluppa il linguaggio ma la lingua, la lingua e un organo formato da un muscolo, il quale e fondamentale nell’articolazione fonica, di conseguenza sollecitato in un modo adeguato favorisce la pronuncia corretta e quindi lo sviluppo dell’linguaggio ( sempre come pronuncia) cio non significa che i bambini parleranno come degli universitari, non a caso in logopedia si prevedono come parte terapeutica degli esercizi direttamente focalizzati sulla posizione di questo muscolo. inoltre siccome la digestione comnicia nel nostro cavo orale masticazione stimola la produzione della saliva,comportando un adeguato livello degli enzimi, quindi nella fase successiva l’apparato digerente tende ad assimilare meglio i principi nutritivi di qui necessita.
    Per quanto riguarda il biberon e ciucciotto, non e dannoso quel che si beve ma quel che si succhia. Scusa per espressione banale ma cosi forse e piu comprensibile, I ciucciotti, tettarelle o anche il famoso ditino in bocca comporta con tempo una deformazione palatale con la conseguente deformazione degli archi dentali ( i denti a coniglio). Risultato dannaoso non solo dal punto di vista estetico, ma anche funzionale in quanto l’occlusione errata comporta delle conseguanze all’livello posturale come anche nell;articolazione fonica. Inoltre e dannoso per le nostre tasche ( trattamento ortodontico).
    Per quanto riguarda il sistema immunitario , come ben sai, visto che ritieni il mio commento una scemenza, necessita di un adeguato numero di stimoli ( esempio sono proprio i vaccini, che non sono altro che i virus stessi) affinche possa produrre un numero necessario degli anticorpi. Tornando all’alimentazione, se noi diamo a nostri bambini tutto sterile o processato negli omogenizzati, rischiamo di non abituarli a quei microorganizmi presenti negli alimenti freschi, cio comporta come conseguenza un piccolo problema di gastroenteriti e diarrea appena poi toccano il cibo non lavato perfettamente, non togliento neanche i problemi delle stomatiti. Credimi ne ho viste di mamme, ed e ridicolo vedere una mamma che al bambino di 2-3 anni da omogenizzato e pappina e poi li da da bere la coca-cola. Purtroppo l’educazione alimentare in Italia e molto scarsa visto i dati sull’obesita. Inoltre manca la cultura del sano vivere, ” perche perdere il tempo a cucinare, si fa prima aprire il vasetto”- mi ha detto una mamma. Che serve fare la ginnastica con i bambini cosi piccoli, e poi li vedi crescere con il sovrappeso. E piu facile aprire un amerendina piuttosto di preparare un bel frullato di frutta e verdure per merenda -Vero?
    Quindi per favore risparmiaci i tuoi commenti scettici e rifletti. Nessuno dice che il mio sia un ordina alle altre come devono vivere, e solo un consiglio, basato sull’espedienza di una mamma che fa crescere la propria figlia senza aiuto di nessuno dall’esterno.
    Inoltre dal punto di vista della competenza penso di avrene abbastanza nel campo maxilo-facciale da poter esrimermi sulle conseguenze delle abitudini sbagliate.
    Grazie

...

E tu cosa ne pensi?

Notify me of followup comments via e-mail. You can also subscribe without commenting.


Switch to our mobile site