Care mamme,

dopo alcuni ultimi episodi di allontamento da luoghi pubblici di mamme che allattavano, volevo condividere con Voi un mio pensiero:

ALLATTAMENTO al SENO: una donna che allatta è una Madonna che rappresenta il simbolo della continuità della vita.

Non si può parlare di comune senso di pudore in presenza di una donna che allatta … è Vita.

Perchè allora non ci vergogniamo quando immagini di seni scoperti e involgariti ci vengono proposti dalla Tv, dal Virtuale, dalla Pubblicità?

Per celebrare le Donne, bisogno celebrare la femminilità, la maternità, il seno delle donne come Trionfo della Vita.

 

E Voi cosa ne pensate?

5

Care amiche,

quante volte da bambine abbiamo pensato: ” Quando sarò grande, potrò…”
Ce lo ricordiamo ancora, una frase che ci ripetevamo ad ogni proibizione, ad ognuno di quei no, che detti dai genitori, educatori, ci facevano un po infuriare….
Ci piace questa filastrocca – come avete visto “focus”della settimana- per riassumere questo sentimento, mistura di desideri e rivincite…
.
Quando sarò grande potrò……..
Mangiare la pizza ogni volta che mi pare,
aprire il computer,
cambiare il cellulare.
.
Buttare quella felpa
che proprio non sopporto,
viaggiare su una barca
fermarmi ad ogni porto.
.
Giocare ai videogiochi
senza nessun permesso,
tenere barba e baffi
che va bene lo stesso.
.
Comprare l’automobile
aver due biciclette
truccare il motorino
scegliermi le magliette.
.
Lavarmi se ne ho voglia
oppure star sporco 
senza sentirmi dire
che assomiglio ad un porco.
.
Andare a far la spesa
pulire, cucinare
fare la lavatrice
andare a lavorare.
.
Svegliarmi sempre presto
ogni storto mattino………
………beh forse ho dei vantaggi
ad essere bambino!

4

Care amiche, vorrei mostrarvi una filastrocca che parla di confini…in modo semplice…come farebbero i bambini.
.
Parole confinanti
.
Sei un duro o un pappamolle?
Il coraggio non è il branco 
è l’amico che in silenzio
ti difende e sta al tuo fianco.
.
Il coraggio son parole
senza tanti paroloni,
senza vanterie,
senza fare gli sbruffoni.
.
Il coraggio è una fatica
che ti fa sentire bene
e decidi che la fai
anche se non ti conviene.
.
Il coraggio è stare soli
dalla parte di chi perde,
il coraggio è dire rosso
quando tutti dicono verde.
.
La paura e il coraggio 
son parole confinanti
ma con una torni indietro
e con l’altra ………….. vai avanti.

1

Quante volte abbiamo parlato di gelosia per il/la nuovo/a arrivata….ecco una filastrocca per raccontare i sentimenti dei bambini:
 
Accidenti che ci sei!
 
Accidenti che ci sei,
marmocchio caccoloso!
Accidenti che ci sei,
ma quanto sei lagnoso!
.
Che sei venuto a fare 
dentro lo spazio mio?
Qui fino all’altro ieri
ci stavo solo io!
.
E tutti quanti intorno
ti dicono “che bello”
e a me niente di niente
che sono tuo fratello!
.
Ma visto che ci sei,
bel muso di rospetto,
ti dico solamente:
tu cresci e io ti aspetto.
.
Avremo ricordi
che sono solo nostri
e armati con le scope
si andrà a caccia di mostri.
.
Però facciamo un patto,
la mano sopra il cuore:
succeda quel che vuoi….
….ma io resto il maggiore!!!
.

2

“Ma tu, da quando sei diventata mamma, sei cambiata?”
La risposta di Claudia De Lillo ci ha particolarmente fatto sorridere….solidali…
  • “Cambiata?!?
  • Ho imparato a maneggiare cacca e vomito senza cadere a pezzi per l’orrore, ho imparato a non dormire per un tempo infinito e poi andare in ufficio e dire “buon giorno a tutti!”, fingendo di aver conservato il senno, ho imparato a fare il poliziotto buono ed il poliziottocattivo senza soluzione di continuità e ho imparato a tenere in mano i vermi, ragni e bacherozzi senza scompormi.
  • Ho imparato il distacco ascetico, quello per cui quando un nano lancia le polpette al sugo contro il muro della cucina appena imbiancato o, sempre il nano, ricopre Batman con la crema anti-età all’acido ialuronico che costa quanto un week end al mare in quattro, invece di scoppiare in singhiozzi isterici, pensi che le cose veramente importanti sono altrove; pur non avendo ancora localizzato esattamente quell’altrove.
  • Ho trovato il coraggio di uscire di casa con i capelli a carciofo, i sandali da tedesca e le occhiaie e ho scoperto che fregarsene di quello che pensa il prossimo è sano e liberatorio.
  • Ho imparato a non sentirmi in colpa ad avere una fame da lupi e ad avventarmi con voluttà su un gelato al cioccolato, perchè l’amore per i figli è amore per la vita, cibo compreso.
  • Ho imparato a conoscere gli X-man, i Gormiti ed il Signore degli Anelli, a calciare il pallone, a fare la lotta.
  • Ho scoperto quanto un cucciolo maschio puo essere spavaldo e indifeso, virile e delicato, semplice e sottile.
  • Ho imparato a riconoscere chi c’è e chi non c’è, a fare da sola, a essere forte, ad avere una soluzione ad ogni problema, o almeno a fingere di averla.
  • Ho imparato a contenere, a disarmare a costruire e a camminare sul filo ad occhi chiusi, sorridendo.
  • Ho conosciuto l’ansia e la paura e non mi hanno piu abbandonato, ho conosciuto la felicità ed il terrore di perderla, ho conosciuto la vertigine dell’eternità che da un senso agli anni che passano.

Se sono cambiata? Cambiare è un verbo piccolo quanto ti passa sopra un tir.”

 
E voi siete cambiate :) ?
 

BUONA FESTA DELLA MAMMA

 
 

5

Care amiche,

vorrei sottoporre alla vostra attenzione i risultati di una ricerca effettuata con un campione di 700 bambini che la scorsa estate hanno frequentato i campi avventura organizzati nelle varie oasi WWF.
E’ sempre molto interessante per i genitori poter verificare cosa dicono/pensano ed in questo caso MANGIANO i bimbi lontano da casa.

Ecco quindi che gli amici del WWF hanno ben pensato di raccogliere delle vere e proprie schede “pagelle” compilate liberamente dai bambini…
Quante volte ci e’ capitato di apprendere che i nostri bimbi a scuola, dai nonni, dagli amichetti mangiano cose che a casa non vogliono nemmeno assaggiare??
Percio analizziamo insieme i risultati delle loro pagelle……
Verificheremo insieme nei prossimi giorni INSIEME i dati e trarremo conclusioni e suggerimenti….

http://www.campiavventura.it/news/dimmicosamangi.pdf

0

 

Non credo affatto nella maternità e nella paternità biologica, credo piuttosto che ogni essere umano possa incontrare nella sua vita “genitori e “maestri” dell’anima, che aiutano la crescita della persona con l’esempio e con l’amore.

 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

1


Switch to our mobile site