0

 Cerca la divina che è in te!

Care amiche,

in questi giorni di eventi,  feste all’aperto,  fiere in molte citta,  passeggiando

allegramente all’aperto,  potreste incrociare,  BAMBINE tra i 6 e i 14 anni addobbate

con cappellini luccicanti, truccate con lucidalabbra scintillanti, in atteggiamento da giovani STAR….

Se pensate di essere sul set di un film, oppure di esservi mancate un colpo di coda di carnevale….siete in errore. Trattasi semplicemente di fan in erba, in delirio per la Divina Antonella.

Ho dovuto faticare davvero poco per capire “Chi” fosse questa Divina Antonella….Mamme in adorazione, in pieno stupore per la mia ignoranza sul tema, mi hanno raccontato di questa serie TV trasmessa ormai non solo sul digitale….”Il mondo di Patty”.

Una sorta di telenovela dai contenuti poco infantili, in cui viene regalato al mondo delle fanciulle uno spaccato di vita idealmente suddiviso tra “popolari e divine”.

Prima di commentare quello che appare evidente, vorrei conoscerne un po di piu, cosi mi affido alla vostra conoscenza/esperienza per chiacchierare insieme…nel frattempo ho trovato un vademecum, mi pare una buona base di apertura per un dibattito….
Continua dopo il click...

0

Vediamo spesso sulle riviste bambini abbigliati con accessori caratteristici dell’età adulta come scarpe con il tacco, borse griffate e trucco; cosa c’è dietro?

Semplice, di solito c’è un adulto problematico. Una persona che non ha vissuto un’infanzia positiva, libera e spensierata, può cercare di recuperare il tempo perduto quando diventa genitore. Inconsciamente vive di nuovo l’infanzia attraverso i figli. E in più la realizza, la pensa con il cervello da adulto, con desideri da persona adulta. Va da sé che il bambino non ne trae vantaggio.


Continua dopo il click...

6

Abbigliamento e capricci

Si parla di: abbigliamento, bambini

Care Amiche,

quante volte abbiamo sentito dai nostri bambini a proposito dell’abbigliamento: “voglio, voglio, voglio!!” oppure “non lo voglio, non lo voglio, non lo voglio!!”?

E’ colpa dei genitori se il «piccolo» non ne vuol sapere di mettere quel paio di scarpe?

Sicuramente la confusione fa entrare in disagio il bambino. Per esempio nel caso in cui al figlio vengano comperate più paia di scarpe, lui automaticamente entrerà in confusione.

Regola numero uno: dare poche regole, ma chiare. Uno, due paia per l’ inverno, dicendo ci sono queste e basta. Insomma… meno scarpe, meno storie. Attenzione però, non dobbiamo essere noi a sceglierle. Possiamo farlo insieme ai bambini.

E di fronte ai capricci che fare?


Continua dopo il click...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

0


Switch to our mobile site