Il tema: le mamme e il sonno

Si parla di: sonno

donne mamme sonno gravidanza

Dormire di notte con un neonato in casa, incubi in gravidanza, bambini insonni, notti agitate o tanto bisogno di riposare per  8 ore filate?

0

Ho letto che il 50% delle morti bianche sono avvenute dopo che il neonato si era addormentato nel lettone tra i genitori.

La morte per soffocamento accidentale ha una bassissima incidenza nel fenomeno della sindrome della morte improvvisa del lattante. La vicinanza e il contatto con il corpo della madre hanno, invece, vantaggi così evidenti sul benessere del bimbo che penso sia necessario contrastare il timore dei genitori di essere causa di danno, suggerendo di ricercare informazioni più precise sui fattori di rischio più frequenti (quali la posizione prona o problemi silenti di importanti reflussi gastroesofagei) e sostenendo l’istintiva disponibilità del genitore ad accogliere e proteggere il proprio figlio.

 

6

Quando metto mio figlio nella culla ci sono posizioni che devo evitare o che possono danneggiarlo?

Evita la posizione prona (pancia in giù) perchè aumenta il rischio di morte bianca. Non esistono particolari controindicazioni a porre il bambino sdraiato su un fianco, anche se questa posizione non risulta altrettanto sicura di quella a pancia in su. Infatti, è semplice per il bimbo nel proseguire dei mesi rotolare nel sonno dal fianco alla posizione prona (da evitare). Esistono dei morbidi cuscinetti da porre in culla lateralmente al bambino per evitare imprevisti rotolamenti. Inoltre, la pressione esercitata sul cranio del lattante dal tenere la testa nel lettino prevalentemente girata a destra o a sinistra, può essere ridotta alternandone la posizione.

0

Mio figlio non dorme mai, di notte piange e io mi alzo per prenderlo in braccio e accertarmi che stia bene. Dovrei lasciarlo piangere?

Continua a prenderlo in braccio. Nei primi mesi il bimbo, non avendo ancora sviluppato le funzioni della memoria, ha estremo bisogno di contatto. I bimbi che piangono di più e a lungo sono quelli a cui è stato impedito di godere, specie nei primi anni, del conforto e del calore degli abbracci di mamma e papà. È pur vero che molti bambini “deprivati” delle carezze fanno fronte al vuoto e alla mancanza con un apparente precoce autonomia ma, come diceva il grande Marcello Bernardi, “un bimbo che non piange più non è un bimbo buono, è soltanto un bimbo sconfitto”. Il piccolo che piange e protesta è un figlio che nutre fiducia nell’affetto dei genitori e li sente disponibili ad accogliere e soddisfare i suoi bisogni. Cresciuto, conserverà questa sicurezza e solidità nella mente e nel corpo e difficilmente manifesterà bisogni “morbosi ” di verificare, con comportamenti di sfida o di chiusura, l’affetto e la considerazione dei suoi familiari.

 

0

Io sono all’ottavo mese di gravidanza e a volte arrivo a casa dal lavoro verso le 17.30 con un sonno incredibile.
La notte invece mi capita spesso di svegliarmi per andare in bagno e quando torno a letto ci metto dalla mezz’ora a un’ora per riaddormentarmi!!!!!
Ma non è detto che questo succede quando riesco a dormire un pochino prima di cena, mi capita anche se sono stanchissima!!!
A volte penso che sia il mio corpo che inizia a prepararmi a quando dovrò allattare di notte!

di casper80 dal forum mamme. Vuoi raccontarci la tua storia? Parliamo insieme di sonno della mamma e del bambino.

1

Il mio bimbo non fa sonni tranquilli

Si parla di: sonno

Il mio bimbo non fa sonni tranquilli. Quando si muove piange e si lamenta. Quando si sveglia perchè ha fame, strilla e si mangia le manine. Durante il sonno si spaventa, se lo accarezzo, lo copro o provo a cambiargli posizione salta in aria e sbarra gli occhi.

Il sonno leggero e frammentato è frequente nei primi mesi di vita, non c’è da preoccuparsi ma da essere accorti a cogliere eventuali segnali di disagio. Inoltre è possibile che il bambino protragga uno stato di eccessiva allerta perché ha fatto esperienze “sgradevoli” proprio durante il sonno: prolungate separazioni dal corpo della madre o continui e repentini cambiamenti ambientali. Ripristinare delle confortanti e rassicuranti condizioni per favorire il sonno, può essere una strada da percorrere con attenzione e perseveranza. Nei casi di frequenti disturbi del sonno è consigliabile rivolgersi al pediatra, ricordando che molti disagi emergono con dolorosa chiarezza proprio quando il bambino prova ad addormentarsi: dalle classiche e diffuse coliche gassose a brucianti problemi di reflusso gastroesofageo o a piccole e grandi difficoltà respiratorie.

0

La gravidanza è proceduta bene ho sempre dormito bene. Angela, ormai ha un anno e mezzo, ogni tanto si sveglia la notte; fino ad ottobre l’allattavo poco ma anche di notte.
Adesso quando si sveglia non ha fame, piange e mio marito la mette in mezzo pur di dormire dato che si alza alle 6 tutte le mattine per andare a lavorare.
Se continuerà a svegliarsi la voglio far piangere pur di lasciarla nel suo letto con il rischio poi che mio marito passi la notte sul divano anzichè dormire nella cameretta nel letto singolo.
Lei dorme in camera con noi anche perchè ho provato l’altro giorno la culla entra ma ci chiude tutti i passaggi….

di Laura rodi dal forum mamme. Vuoi raccontarci la tua storia? Parliamo insieme di sonno della mamma e del bambino.

1

Sono una mamma single e lavoratrice, quando torno a casa dopo il lavoro sono così stanca che la notte ho paura di non svegliarmi ai pianti del piccolo.

Immagino che la tua preoccupazione non sia associata unicamente alla stanchezza. Forse, la condizione di neo mamma, lavoratrice e anche single, può farti sentire un po’ sovraccarica e incapace di assolvere, appieno e bene, a tutti i tuoi compiti. Il senso di inadeguatezza e la paura di non essere in grado appartengono nei primi mesi a molte mamme ma questo timore, che nasce anche dall’inesperienza, diviene “funzionale” allorquando attiva nella donna uno stato di vigile attenzione, quasi di allerta, e la rende pronta ad intervenire soprattutto nelle situazioni improvvise o impreviste.

0

Il sonno è la nota dolente per i miei pupetti e di conseguenza anche per me. Luca ha 2 anni e l’unico sistema per farlo dormire è quello di tenerlo nel lettone. Ma guai ad alzarti anche solo per la pipì, si sveglia subito. 6 mesi fa è nata Isabel. A lei, per addormentarsi basta la sua routine di ninne nanne e coccole e dorme nel suo letto beata fino alla poppata al seno, ancora 2 / 3 volte. Mio marito dorme con il maschietto e io nella cameretta della bambina, divisi dunque!
Stiamo aspettando che la piccola dorma tutta la notte per farli dormire insieme ma sicuramente prevedo notti in bianco e piagnistei a go go. Esauriti abbiamo chiesto aiuto al pediatra ma l’aiuto può venire da un sciroppo e, sinceramente per il momento, preferiamo non usarlo.
E pensare che in gravidanza di entrambi mi facevo di quelle ronfate! Bei tempi! Bacioni. Emanuela.

di mopsiemanu dal forum mamme. Vuoi raccontarci la tua storia? Parliamo insieme di sonno della mamma e del bambino.

1

Sono incinta e dormo moltissimo

Si parla di: sonno

Sono alla 24+6 settimane di gravidanza… per ora dormo benissimo, forse anche troppo..
soprattutto quando torno la sera a casa da lavoro, crollo letteralmente a letto.
L’unico inconveniente è che almeno una volta mi alzo per andare in bagno, ma evidentemente lo faccio in catalessi, perchè ritorno a letto e mi riaddormento di botto.

di sonietta_1976 dal forum mamme. Vuoi raccontarci la tua storia? Parliamo insieme di sonno della mamma e del bambino.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

0


Switch to our mobile site