5

Nevica: cioccolata calda al telefono (-5)

Categorie: Senza categoria

Milano. Nevica. Tanto.

Tra poco dovrei essere a casa, tra lecioccolata calda braccia del Convivente, al quale ho espressamente ordinato una tazza di cioccolata calda.
“E come si fa?”
“È facile amore, dai ti prego che arriverò congelata!”
“Ci provo, tu dimmi.”
“Allora: prendi il cacao in polvere che trovi nello scaffale in basso vicino al frigorifero. È una confezione gialla e blu con scritto “Cacao amaro”, non puoi sbagliarti. Poi nello scaffale sopra la macchinetta del caffè trovi una tazzona con un beccuccio, dentro noterai che ci sono disegnate le tacche per calcolare i millilitri, ecco lì ci versi il latte che è nel frigo. Devi metterene circa 150 ml. Infine, dove hai trovato il cacao, dovresti prendere anche l’amido di mais.”
“E che è?”
“Una cosa, tu non preoccuparti. È una polverina che serve a rendere più densa la cioccolata.

“Ma è commestibile?”
“Certo! A questo punto prendi il pentolino, quello che uso per il tè, e versaci dentro 6 cucchiaini di cacao, 2 di amido e 3 di zucchero. Mischia bene le polverine e aggiungi il latte. Gira sempre con il cucchiaio di legno mentre versi il latte altrimenti ti vengono i grumi.
“Come si fa con il Nesquick?”

“Eh, bravo!”

“Ma non ci metteresti un po’ più di zucchero?”

“No, per ora mettine così, poi casomai te lo aggiungi. Ora accendi il gas e tienilo basso, basso. Cuoci, mescolando sempre, fino a quando non ti sembrerà più densa e non vedrai le prime bollicine.”
“Ma quando la preparo?”
“Ti chiamo quando sono a circa cinque minuti da casa, tu intanto trova gli ingredienti così sei pronto. Ah, poi ci mettiamo un po’ di cannella!”
“NO!”
“Che palle. Vabbè, ce la metterò a parte. E i marshmallows?”
“Ma sei matta?”

“Guarda che ci stanno benissimo, gli americani li mettono sempre nella cioccolata.”
“Amore, dai, falla finita.”

“E la panna?”
“Ecco la panna va bene, quella però la fai tu. È già tanto se riesco a preparare questa cioccolata. Tu esci da quell’ufficio e torna a casa, ma sta attenta a non scivolare.”
“Ok. Grazie. Baci

Ora scappo, domani vi faccio sapere come è andata.

Incrociate le dita per me e mi raccomando: attente a non scivolare!

(Foto di spaceamoeba)

5 commenti

  1. 1.

    non ci ho provato ma deve essere buona!
    Bye Bea

  2. 2.

    grazie mille, è favolosa!!!!!!!!!!!!!!!
    l’ho fatta, era davvero buonissima, non ero mairiuscita a farla così densa la ciocccolata.

  3. 3.

    grazie mille!
    ci proverò presto!
    sai che sei la prima che mi fa venire voglia di cioccolata senza usare i preparati in busta?
    ero cosi scettica nei confronti della possibilità di far da sè…ma come dice il detto chi fa da sè fa per tre…e così è stato con la tua ricetta!
    grazie ancora!
    1 bacio

  4. 4.

    Beh, per più persone regolati con una tazza: circa una tazza di latte a persona piùna per il pentolino, come si fa con il tè. Poi aggiungi circa tre o quattro cucchiani di cacao a testa (dipende da quanto la vuoi “cioccolatosa”) e idem per lo zucchero idem: bastano un paio di cucchiaini a testa. Pensa che io non ne metterei neanche un po’, quindi lo aggiungo solo nella tazza del Convivente… che senza lo zucchero neanche la toccherebbe!

  5. 5.

    scusa fiamma, ho provato a fare la tua cioccolata ed è fantastica…ma come faccio a farla x 2 persone o più?
    ho raddoppiato la dose del latte e agiunto solo 1 cucchiaino in più di cacao…perchè se no era 1 mattonella…è venuto bene ma 1 pochetto amaro perchè nn ho saputo regolare bene lo zucchero….mi dai 1 aiutino?
    grazie

Mostra messaggi precedenti

E tu cosa ne pensi?