champagnePrendo spunto dai propositi di inizio anno elencati sul blog di Maricler e da quelli discussi su Dissapore (a sua volta presi in prestito da quelli per il 2010 stilati da Eataly) per mettere per iscritto i miei buoni propositi culinari del 2010.
Sono già passati dieci giorni dall’inizio dell’anno e li ho presi per schiarirmi le idee e capire cosa voglio veramente quest’anno. O meglio, vi rivelo cosa vorrei realizzare in ambito culinario. Poi però tocca a voi!

1. Fare la fondue bourguignonne (ho la pentola adatta e non l’ho mai usata. Pensate che fu il primo regalo in assoluto che mi fece il Convivente, ancor prima di essere un convivente).
2. Comprare (o meglio farmi regalare) il robot Artisan della Kitchen Aid.
3. Prendermi il tempo per prepararmi il pranzo anche quando sono fuori casa. E quindi imparare a farmi il bento.
4. Preparare un pollo arrosto perfetto.
5. Insegnare al Convivente almeno tre ricette base, facciamo un primo, un secondo e un dolce.
6. Frequentare almeno altri tre corsi di cucina.
7. Trovare una macelleria e una pescheria di fiducia.
8. Imparare a fare una torta “pannosa” perfetta prima che sia il compleanno del Convivente.
9. Mangiare più insalata, pur sbizzarrendomi nel condimento.
10. Imparare a fare il cous cous della madredilui. (Chi è? Come chi è?Ah, già per saperne di più dovrete aspettare il 10 febbraio: data di uscita di “Due cuori e un fornello).

(Foto di Velo Steve)

Un commento

  1. 1.

    ti dico il mio: 1)mangiare meno carne.
    2)cucinare meglio le verdure

Mostra messaggi precedenti

E tu cosa ne pensi?