Summer readingEd eccoci di nuovo ai consigli per la lettura da spiaggia. Come per i primi tre libri anche oggi voglio consigliarvi delle letture diverse, sempre legate alla cucina, ma che non abbiano a che fare solo con le ricette.
Per questo mese, se sentiste l’estremo bisogno di ispirazioni culinarie fossi in voi mi affiderei alle riviste, più leggere e comode da portare in spiaggia del classico ricettario, o nel caso foste munite di iPhone aggiornatelo con le mille applicazioni culinarie che trovate nell’AppStore.
Se poi voleste comunque fare un piccolo ripasso delle basi vi consiglio un libricino agile che ho ritrovato da poco: Il Contaminuti di Elena Spagnol (Edizioni TEA), un ricettario di base alla sua seconda edizione. Mia madre ha la prima edizione ed è talmente consumata che non si legge quasi più il titolo. Vademecum.

Se niente importa. Perché mangiamo gli animali? di Jonathan Safran Foer, edito da Guanda, è il libro serio che vi Foerconsiglio per quest’estate. Se avete lo stomaco debole non compratelo. Il racconto-inchiesta di Foer spiega il percorso affascinante e istruttivo di un padre che con la nascita del figlio decide di capire cosa vuol dire nutrirsi e, soprattutto, cosa significhi mangiare carne. Otto capitoli costellati da piccole note che sembrano a prima vista marginali, ma che una volta lette rimangono impresse a fuoco nella mente perché citano numeri e percentuali del consumo di carne in America e dei problemi enormi che questo consumo comporta alle persone e all’ambiente. Se avevate già intenzione di diventare vegetariani sarete convinti da questo libro, se invece non avete la minima voglia di abbandonare la vostra bistecca settimanale questo libro vi farà comunque riflettere, molto. Istruttivo.

Piccolo ricettario per cuochi perdigiorno di Roberta Deiana, edito da Bietti. Passiamo ora a un libro un po’ pRoberta Deianaiù divertente e insolito. Roberta Deiana è una foodblogger e foodstylist al suo secondo libro (il primo per chi non lo conoscesse si intitola “In cucina con la maga delle spezie“) e ci propone ora un piccolo ricettario composto da 73 ricette. Vi avevo promesso libri da leggere, non ricettari. Promessa mantenuta! Il ricettario per cuochi perdigiorno è diviso in due parti: la prima è composta da una serie di racconti, poesie, sonetti, testi di canzoni e giochi di scrittura che hanno tutti a che fare con la cucina, metre nella seconda parte troverete le ricette vere e proprie legate ai racconti proposti nelle prime pagine. Una lettura divertente, un nuovo modo per presentare i piatti facendo il verso a cantanti, autori, scrittori, ma anche ad annunci erotici o articoli di cronaca nera. Divertissement per golosi.

(Foto di bulinna)

E tu cosa ne pensi?