Clicca su ogni foto e scopri le mie ricette preferite di quest’anno!
Buon Anno e Felice 2012

2 commenti

Pochi giorni fa io e mio figlio siamo stati alla prima festicciola natalizia con altre mamme e relativi figli.
Tutte dovevamo portare qualcosa per la merenda/aperitivo di auguri.
Io, oltre alla frutta secca speziata, ho portato degli sformatini di zucca alla cannella e, come vi avevo accennato, un budino di riso. Ma non sono mica l’unica mamma al mondo a saper cucinare, anzi!
Tra le mie amiche c’è Marina che ci ha regalato dei fantastici Baci di dama fatti da lei. Non sono mai stata un’amante di questo tipo di biscotto, ma mi sono dovuta ricredere non appena ho fatto schioccare nella mia bocca la frolla alle mandorle dei Baci di Marina.
Buonissimi!
E cosa fa un’appassionata di cucina, alla continua ricerca di ricette nuove da presentare a tutte voi?
Ovvio, chiede subito ingredienti, dosi  e preparazione e poi li trascrive in un post.
Ed ecco qui la ricetta dei Baci di Marina, una dama deliziosa.
P.S. Anche questi biscottini sono perfetti per l’ora del caffè, magari dopo il brindisi di fine anno.

Ingredienti: 100 gr di mandorle macinate, 100 gr di zucchero, 120 gr di farina, 100 gr di burro ammorbidito a temperatura ambiente.
Preparazione: impastate tutti gli ingredienti seguendo l’ordine in cui sono stati menzionati e formate delle palline che disporrete in una teglia rivestita di carta da forno. Fate cuocere per 20 minuti a 100° e per altri 10 minuti a 170°. Togliete dal forno e lasciate raffreddare. Fate aderire poi i due biscottini con del cioccolato fondente fatto fondere a bagnomaria.

5 commenti

Non c’è cosa che vada più a ruba, a Natale e durante le cene tra amici, del mix di frutta secca salata e tostata. Un aperitivo per scaldare l’atmosfera e qualche nocciolina da sgranocchiare in attesa del grande pasto di famiglia.
In questo periodo, però, salmone, pandori, lenticchie, spumanti, panettoni e tutti quei cibi relegati ai giorni di festa vengono venduti a prezzi assurdi solo perché la gente ama comprarli e mangiarli come da tradizione.

Lo stesso accade con la frutta secca: i mix da party già pronti, salati e tostati, sono piuttosto cari, non trovate? La cosa migliore è andare al mercato, comprare la frutta secca che più ci piace e poi tostarla e insaporirla nella propria cucina.
Continua dopo il click...

2 commenti

Quando vado a mangiare nei grandi ristoranti, una delle cose che amo di più è la buona abitudine di accompagnare il caffè con un dolcino dedicato.
Spesso si tratta di cioccolatini o piccole frolle fatte in casa – e che casa – che deliziano il palato prima dell’ultimo atto, quello del caffè (o dell’ammazzacaffè).
Questo Natale ho pensato di riproporre in casa questa consuetudine, anche perché sono diventata un’incallita creatrice di biscotti. Ho scoperto una ricetta niente male e mi sembra l’ideale per queste feste: quelli che vedete nella foto sono dei biscottini con marzapane e pinoli, veloci da fare e buonissimi!

Veloci da fare soprattutto se vi fate dare una mano da una planetaria che impasti per voi. In questi giorni io e altre foodblogger siamo state invitate da Bosch a testare il nuovissimo robot da cucina MUM5 e quale migliore occasione se non questi biscottini?
La MUM è molto bella, un oggetto che fa piacere tenere in cucina, ma soprattutto ha tantissimi accessori, dal frullatore (vedi la ricetta di Juls’ Kitchen) al tritacarne (vedi la ricetta delle polpette di Un tocco di Zenzero), tra i quali ovviamente non mancano fruste e gancio per impastare.
Per la mia ricetta servono delle fruste belle toste che, prima di tutto, sbriciolino a dovere il marzapane e in pochi minuti il gioco è fatto.

Ingredienti: 200 g di marzapane, 120 g di zucchero, 2 albumi, 1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia, 5 cucchiai di farina, 120 g di pinoli, zucchero a velo q.b.
Preparazione: scaldate il forno a 180°. Fate sbriciolare con le fruste la pasta di mandorle e lo zucchero. Quando il composto assomiglierà al pangrattato aggiungete, sempre facendo andare la frusta, gli albumi e la vaniglia. Dopo aver amalgamato il tutto aggiungete, un cucchiaio alla volta, la farina, fino a ottenere un composto omogeneo e molto appiccicoso,
Foderate una teglia con la carta forno e cominciate a fare delle palline, aiutandovi con un cucchiaio, che immergerete a metà nei pinoli e poi metterete sulla teglia con i pinoli rivolti verso l’alto. Un altro modo per realizzare i biscottini è quello di inserire tutto il composto nella sac à poche e poi fare dei ciuffetti sulla teglia, a circa 5 cm di distanza l’uno dall’altro, sui quali appoggerete poi una manciatina di pinoli per ogni biscotto. Fate cuocere in forno per circa 15 minuti, lasciate raffreddare su una griglia e poi spolverizzate con lo zucchero a velo.

Buon Coffee Time!

P.S. Se voleste vedere le ricette preparate dalle altre foodblogger basterà andare sulla pagina Facebook della Mum.

5 commenti

Uso privato del mezzo pubblico, ma è per una buona causa.
Non so voi, ma il Convivente – nonostante ormai mi conosca da tempo – non ha mai l’idea pronta per farmi un bel regalo. L’altro mio problema è che lui compra sempre tutto online e, sperando che tra i suoi giri finisca su questo blog, vorrei dargli qualche consiglio.
Un’amante della cucina ha voglia di regali che possano essere utili, ma mica passo tutto il mio tempo in cucina. Se anche il vostro lui avesse bisogno di qualche suggerimento inviategli (o fategli arrivare) il link a questa mia prima “Lettera a Babbo Convivente”.
Una serie di regali per passare un felice Natale insieme.

Caro Babbo Convivente,
sono stata brava quest’anno e vorrei, vorrei…


- Fare un viaggio a casa di Babbo Natale. Lo sapevi che esiste, e soprattutto che non si trova solo al Polo Nord?
- Insegnare a mio figlio a mangiare e cucinare.
- Ah, poi uno paio di (facciamo tre) corsi di cucina per tenermi allenata.
- Un momento di relax tutto per me.
- Potrei porre fine a tutte le questioni tra te e me con una teglia simile.
- Ecco come ritrovare le ricette perdute tra libri e riviste.
- A volte poi “Basta il pensiero“.

Buon Natale, amore!

P.S. Se vuoi dimostrarmi tutto il tuo amore, poi, potresti anche fare un regalo con le tue manine. Se avessi bisogno di uno spunto guarda qui.

Commenta

Non avete idee per il dolce che servirete a Natale?
Siete in crisi tra torte secche e pannose? In casa mia accadono di queste cose.
Siete combattute interiormente nell’eterna lotta tra pandoro e panettone?
Calme, fate un bel respiro, e pensate semplice.
Nei giorni di festa vi abbufferete, mangerete antipasti, primi e secondi a non finire per cui, ve lo assicuro, al dolce arriverete stremate e vi ritroverete a scegliere tra una pastiglia digestiva e un ultimo boccone di torrone.
Considerando che sulla tavola non mancheranno i dolci tradizionali (anche se non li comprerete c’è sempre un parente che ne porta uno o più di uno), il mio consiglio è di fare una cosa piccola, semplice e di grande effetto.
Un esempio? I bicchierini di cioccolato, da riempire come vorrete, meglio se con la crema al mascarpone: un classico da abbinare con il pandoro.
Non abbiate paura, non è affatto difficile prepararli e farete un figurone.
Potrete anche servirli con il caffè, magari riempiti di semplice panna montata, e gli ospiti troveranno il modo più congeniale per mangiarli.

Avete altre idee simili? Consigli per ricette veloci, ma di effetto?
Dai, scambiamoci qualche consiglio… altro che auguri!

Passiamo alla realizzazione.

Ingredienti: 200 g di cioccolato fondente e 8 bicchierini da caffè in plastica.
Preparazione: tritate grossolanamente il cioccolato e fatelo sciogliere a bagnomaria, mescolando, finché non sarà completamente sciolto. Versate il cioccolato nei bicchierini facendoli roteare fino a ricoprirne bene le pareti. Ripetete l’operazione un paio di volte e poi sistemate i bicchierini capovolti su un vassoio e fateli raffreddare in frigorifero. Toglieteli dal frigo e sformateli.

1 commento

Tra pochi giorni arriveranno i miei genitori per trascorrere insieme il Natale.
È stato un anno importante: il Convivente ed io siamo diventati genitori e loro nonni. Questo sarà il primo Natale di famiglia che avrà la forma del Natale, perché – si sa – la presenza di un bambino rende tutto più magico.
Quando ero incinta, però, la bambina ero ancora io, soprattutto quando andavamo (il mio pancione e io) a trovare i futuri nonni a Roma e mia madre, per coccolarmi un po’, mi faceva trovare ogni volta qualcosa di speciale.
Tra le ricette che mi ha proposto nell’arco dei nove mesi – dal pollo a pezzettini allo sformato di verdure che ho già raccontato all’interno di “Due cuori e un fornello” – c’è stata una new entry deliziosa: il budino di riso.
La ricetta l’aveva trovata chissà in quale rivista e poi l’ha migliorata. Il tocco della mamma ha sempre un qualcosa di unico!
Continua dopo il click...

4 commenti

Volete prima leggere la ricetta o la buona notizia?
Be’, diciamo che le due cose sono correlate, e questa è già una buona notizia. Partiamo con la ricetta degli alberelli di natale, un’idea carina per addobbare la propria tavola nei giorni di festa senza avere il problema di dover sparecchiare il centro tavola, perché di certo qualcuno se lo sarà mangiato, quel centrotavola.

Ingredienti: un albume, un cucchiaino di bicarbonato, 150 g di burro, 260 g di zucchero a velo, 100 g di zucchero semolato, un cucchiaino di cannella e uno di zenzero, 500 g di farina, 500 ml di latte, 3 cucchiai di miele, mezzo limone spremuto, sal q.b., 2 uova, zuccherini colorati per decorare.
Preparazione: sciogliete il burro con il miele. Setacciate in una ciotola farina, bicarbonato, zucchero semolato, le spezie e un pizzico di sale. Impastate gli ingredienti secchi con il mix di burro e miele, il latte e le uova intere. Avvolgete la pasta nella pellicola e fatela riposare per un’ora in frigo. Stendete la pasta dello spessore di 2-3 mm, incidete 60 biscotti a stelle di dimensioni crescenti e cuoceteli in forno a 180° per 15 minuti. A parte mescolate l’albume con 250 g di zucchero a velo e un cucchiaino di succo di limone. Una volta cotte, fissate con la glassa le stelle in ordine decrescente e ultimate con confettini zucchero a velo rimasto.

Vi è piaciuta questa ricetta? È solo una delle tante che potrete trovare da domani navigando nella nuovissima App per smartphone e tablet di Sale&Pepe.

Dopo il recente restyling della famosa rivista di cucina, ecco una versione 2.0 tutta da scoprire. Ho avuto modo di testarla in anteprima e da domani potrete averla anche voi!

Cosa troverete all’interno dell’App?

- Più di 7000 ricette.

- Consigli per menu dedicati alle grandi occasioni.

- Ricette divise per ingrediente principale.

- Una ricerca precisa e puntuale sulla quale fare affidamento.

- Tanti video realizzati alla Cook&Books Academy di Mondadori

- La possibilità di mettere immediatamente gli ingredienti in una lista della spesa virtuale.

- Tanti aggiornamenti che arriveranno nei prossimi mesi rendendo sempre più ricca la vostra raccolta.

Il più grande ricettario si tiene in una mano!

Commenta

L’ha detto Cracco. Mr. Carlo Cracco, lo chef. E se l’ha detto lui allora posso fare uno strappo alla regola. Detto con parole mie, nell’ultima puntata di Masterchef Italia, Cracco ha affermato che non sempre si può cucinare solo quel che ci piace mangiare e potete immaginare – se leggete da tempo questo  blog – quale sia stata la reazione del Convivente a questa dichiarazione culinaria. Per chi non lo sapesse il Convivente e io non abbiamo proprio gli stessi gusti, soprattutto per quanto riguarda i campo dolci e dolciumi. Non appena è finita la finale del programma (gli era stato vietato di parlare durante la messa in onda del mio programma preferito) mi ha guardata dritto negli occhi e ha detto: “Lo vedi! Non devi solo fare quelle torte secche che piacciono a te.” Come potevo, a quel punto, controbattere?

Ho deciso di fare qualcosa che gli potesse piacere davvero, ma dato che nella vita esistono i compromessi (specie se in cucina ci sto io, e non lui) ho realizzato un dolce che potesse piacere un minimo: un rotolo al cioccolato (con l’impasto come piace a me) farcito con crema chantilly (come piace a lui). Un successone, anche a detta degli amici che avevamo invitato a cena.
L’unica vera difficoltà che potreste trovare in questa ricetta arriverà nel momento in cui dovrete arrotolare la pasta sulla crema, personalmente ho esagerato con la quantità di crema e il rotolo non è venuto stretto come avrei voluto, ma era una prova e devo dire che l’ho superata egregiamente.
Magari per Natale ci riprovo e le crepe le copro come si farebbe con il classico tronchetto natalizio, mischiando panna e crema di nocciole per creare una cremosa corteccia!

Rotolo ripieno di crema chantilly
Continua dopo il click...

1 commento

Parliamoci chiaro, per quanto una possa amare la cucina, e ami cucinare per gli altri e per sé stessa ogni giorno, ogni tanto tutti hanno bisogno di una pausa.
Questo lungo ponte, che siate in vacanza o meno, dovete spassarvela.
Ci sono da fare troppe cose per pensare a cosa cucinare: i regali da comprare, gli addobbi da montare, le passeggiate da fare tutti belli imbacuccati, il blocco del traffico… E poi c’è da fermarsi un attimo a riflettere su cosa mangeremo a Natale e Capodanno, per cui oggi restiamo semplici.
E cosa c’è di più semplice di due uova al tegamino?
Continua dopo il click...

Commenta