dsc06357.jpgSono passati dieci giorni da quando è morta la mia nonna e mi sembra già una vita.
È stata la prima e unica donna che ho avuto l’onore di chiamare nonna: era toscana, divertente, un po’ pazza, un’ottima cuoca (quando ne aveva voglia), sbatteva dovunque e canticchiava in giro per la casa.
Dieci giorni fa sono arrivata a Lucca con due crostate di riso: per una volta ho voluto cucinare per lei, dato che non ho avuto mai modo di farle vedere quanto mi ha insegnato. Dopo il funerale abbiamo mangiato la crostata e pensato a lei, tra lacrime e risate.
Mia cugina mi ha regalato una lettera che ha scritto per ricordare a suo modo la nonna Marì: ogni tanto rileggo quelle righe e mi tornano alla mente le estati passate nella casa di campagna. La torta di riso è uno di quei ricordi: appena la sfornava l’aria profumava di buono. Ogni agosto mia nonna preparava le crostate (di riso, al cioccolato e con la marmellata) per festeggiare tutti assieme i tre compleanni consecutivi che si susseguivano in famiglia: prima festeggiavamo la nonna, poi mia madre e infine mio nonno. Una torta dietro l’altra, un pranzo dietro l’altro: l’estate quando si è bambini è sempre più bella.

Torta di riso

Ingredienti: pasta frolla, 150 gr di riso arborio, 500 ml di latte, 200 gr di zucchero, un limone, 4 uova (3 tuorli e quattro albumi), 1 bustina di vanillina (o meglio una stecca di vaniglia)

Per la pasta frolla: 300gr di farina, 150 gr i burro, 2 tuorli, 100 gr di zucchero, un pizzico di sale, la buccia grattugiata di un limone. Unite la farina e lo zucchero, aggiungete le uova, il limone e il burro fatto a pezzetti e tenuto a temperatura ambiente. Mischiate tutti gli ingredienti con la punta delle dita, con molta energia e create un impasto sferico, compatto e liscio. Coprite con la pellicola trasparente e lasciate riposare almeno per 30 minuti in frigorifero.

Per la farcitura: in una casseruola mettete il latte, lo zucchero e la scorza di mezzo limone e portate ad ebollizione, quindi aggiungete il riso e lasciatelo cuocere finché non avrà assorbito quasi tutto il latte. Mescolate di tanto in tanto per evitare che il riso si attacchi sul fondo della pentola. Fate raffreddare il composto e poi aggiungete i tre tuorli e la vanillina mescolando bene. Montate a neve i bianchi d’uovo e poi uniteli alla crema di riso con delicatezza. Foderate una teglia per crostate con la pasta frolla stesa bene e non troppo alta. Riempite con la crema di riso e infornate a 180° per circa 25 minuti. Sfornate e lasciate raffredare.

18 commenti