caffe.jpgCome ogni anno l’estate ha il suo tormentone musicale, ma esistono anche i tormentoni gastronomici. Non siete d’accordo?
Non parlo delle mozzarelle blu che hanno tenuto banco nelle pagine di cronaca, ma di veri e propri must estivi, ogni anno diversi e nuovi.
Un tempo c’era il Cucciolone, prima ancora il gelato fatto a forma di pantera rosa con il naso da masticare, la cedrata, la spuma, il gelato al puffo, il gelato morbido come quelli americani, il gelato allo yogurt… Mi sono spiegata?
Beh, quest’anno il mio tormentone, o meglio quello del Convivente, è stato la crema di caffè fredda: quella cremina un po’ spumosa, fredda come un gelato, dal sapore simile a una Coppa del Nonno ma sciolta, che si trova in molti bar. Questa cremina nel periodo che abbiamo trascorso al mare è stato un vero incubo: dopo pranzo e dopo cena (a volte anche a colazione) il Convivente voleva che andassimo al bar a prenderne un bicchiere. A me piace, per carità, ma alla lunga annoia. In molti forse ancora non lo sanno, ma il Convivente è un caffeinomane e la sua passione per la bevanda nera è a trecentosessanta gradi: tutto ciò che sa di caffè è degno di essere quantomeno assaggiato. Ho scoperto che alcuni bar la preparano con delle miscele “da bar”, questa cremina, altri invece si affidano a marchi di caffè molto noti come Illy o Lavazza. Il problema è che solo i bar hanno quella macchina particolare che miscela di continuo la granita di turno o, come in questo caso, il sorbetto al caffè ed io, ora che siamo tornati a casa, non ho idea di come fare a riproporre in casa al Convivente  la cremina  tanto amata.
Onde evitare il rischio, molto più reale di quanto possiate immaginare, che il Convivente voglia comprarsi il miscelatore da bar occupandomi tutta la cucina ho fatto un po’ di ricerche e trovato un paio di ricette che potrebbero essermi molto utili: la crema ghiacciata al caffè e lo spumone al caffè.
Li devo ancora provare, ma dato che il sapore della cremina da bar è simile a quello della cremina che si prepara con lo zucchero e il primo goccio di caffè che esce dalla moka credo che quella dello spumone sia la ricetta più vicina alle mie esigenze. Che ne dite?
Avete qualche consiglio? E soprattutto: quale è stato il vostro tormentone gastronomico?

(Foto di tacoekkel)

9 commenti