2

Granita con l’anguria

Categorie: Ricette semplici

Qualche tempo fa ho scoperto una roba assurda: il Convivente non aveva mai mangiato una granita con panna.
Primo: la cosa è assurda perché lui avrebbe origini siciliane.
Secondo: di granite e grattachecche ne ho parlato spesso, e quando ne scrivo di solito è perché le preparo o le mangio. Possibile che non mi sia capitato di mangiare una granita con il Convivente? Chissà con chi ero…
Terzo: nella vita, prima di morire, tutti dovrebbero sapere che sapore ha una granita, vera! Non quella delle macchinette dei bar. Poi il gusto sceglietelo voi.
Dato che quella al caffè ormai dovreste sapere come si fa, parliamone di una che è l’apoteosi dell’estate: la granita al cocomero. Un surplus di freschezza, gusto e bontà.
Farla è semplicissimo, solo che dovrete prepararla un giorno che passate la giornata in casa perché ogni mezz’ora, per almeno quattro volte dovrete toglierla dal freezer e mescolarla.

Ingredienti per 4 persone: 200 ml di acqua, 50 g di zucchero, 300 g di anguria frullata e privata dei semini.
Preparazione: ottenere uno sciroppo facendo bollire l’acqua e lo zucchero. Una volta pronto in una pirofila di vetro o di metallo versate lo sciroppo e unitelo all’anguria: mescolate e lasciate freddare prima di mettere il contenitore nel freezer. Dopo un’ora tirate fuori la granita dal frigo e rimestatela con una forchetta, poi rimettete il tutto in freezer. Ripetere l’operazione almeno altre quattro volte, lasciando correre circa mezz’ora tra una rimestata e l’altra. Appena noterete la consistenza tipica della granita potrete servirla in bicchieri freddi, con una spruzzata di panna. Sì, panna, anche con l’anguria. Fidatevi!

(Foto di quinn.anya)

2 commenti

Granita al caffèC’è qualcosa di più godurioso di una brioche calda e soffice affondata in una granita siciliana saporita e gelata?
Non lo sapete? Beh, ve lo dico io: non c’è.
Mi spiego meglio. È agosto, fa caldo e per risvegliare i sensi ci vogliono le cannonate, oppure una bella granita. Quando ero piccola passavo spesso qualche giorno delle mie vacanze a casa di una cara amica di infanzia a Milazzo, in Sicilia. L’amica in questione aveva una famiglia numerosa, in parole povere aveva altri quattro tra fratelli e sorelle, e con me le bocche da sfamare diventavano sei, ma i suoi genitori sapevano bene cosa offrire la domenica mattina a colazione a questa folla di bambini golosi e affamati: un vassoio di classiche granite siciliane accompagnate dalle brioche, quelle tonde e cicciotte con una specie di tappo sopra. Noi piccoli mangiavamo solo granita alla fragola, alla mandorla o al limone, ma poi crescendo ho potuto affondare il mio cucchiaio anche in quella “da grandi”: la granita al caffè.
Ora, se passate per la Sicilia vi consiglio di sedervi in uno dei tanti bar e di ordinarvi una granita, ma se i chilometri che vi separano dalla Sicilia fossero troppi vi consiglio di imparare a farvi la vostra colazione siciliana in casa, o alle brutte di cercavi una buona gelateria in città, perché sono molti i gelatai sparsi per l’Italia che hanno capito la bontà della combinazione granita+brioche e che la propongono nel proprio negozio. Occhio però a non incappare in una brioche industriale! Per quanto riguarda la granita posso darvi qualche consiglio io stessa, ma per la brioche dovrete affidarvi a chi ha già sperimentato come farla. Il procedimento non è certo di quelli brevi, ma vale la pena perdere un po’ di tempo per questa squisitezza. Seguite le indicazioni di Anice&Cannella o di Gennarino e avrete realizzato l’altra metà della colazione.

Granita al caffè con panna

Ingredienti: 100g di zucchero, 250 ml di acqua, 150 di caffè espresso, 125 ml di panna da montare.
Preparazione: fate sciogliere in un pentolino lo zucchero nell’acqua fino a quando non avrete ottenuto uno sciroppo che veli il cucchiaio. Lasciate intiepidire e aggiungete il caffè. Versate il liquido in una bacinella di metallo (potete usare anche le vaschette d’alluminio) e mettete in freezer per almeno mezz’ora. Passati i primi 30 minuti togliete il contenitore dal freezer e rimestate con l’aiuto di una forchetta rompendo il ghiaccio che si sarà formato sui lati e in superficie e riponete nuovamente in freezer. Ripetete l’operazione ogni 15/20 min finché il composto non avrò assunto una consistenza granulosa o granitosa. Montate a parte la panna fresca e versatela su ogni coppa di granita al momento di servire.

2 commenti