Questo weekend mi sono dedicata alle cupcake, le dolci tortine americane, che ormai sono di moda anche in Italia.
Il bello di questi dolcini, che non sono altro che muffin ricoperti di glassa, è che si possono realizzare in mille modi diversi e tutti buonissimi.
Questo fine settimana ne ho realizzate in quatto versioni diverse per stupire i bambini della scuola di mio figlio durante il buffet natalizio e per deliziare le mie amiche durante il brunch, anch’esso natalizio.
Oggi vi racconto la ricetta più “nuova”  tra quelle che ho realizzato, ma nelle prossime settimane arriveranno anche le altre, non temete.
Quelle di oggi le ho scoperte grazie alla solita Martha Stewart, ma poi le ho modificate a mio piacimento raggiungendo la perfezione (scusate, ma la modestia a volte proprio non mi si addice!)
Queste cupcake, che la Stewart chiama Hi-Hat cupcake, non sono altro che muffin alla vaniglia, con glassa alla meringa italiana ricoperta di cioccolato.
La meringa italiana e la sua preparazione l’ho scoperta circa un anno fa, quando preparai la crema chiboust, ricordate?
Da allora non l’ho più rifatta, ma me ne pento ogni volta che ci affondo il dito dentro: bisognerebbe averne sempre una scorta in casa.
La meringa italiana è una meringa, cotta, spumosa, dolce, e perfetta come base per tantissime preparazioni. La sua migliore caratteristica? Resta sempre gonfia e pronta all’uso!
Ma passiamo al dolce.
Per 12 cupcakes
Ingredienti: 125 gr burro ammorbidito, 125 zucchero semolato, 2 uova grandi, 125 gr farina autolievitante, 1/2 cucchiaio estratto di vaniglia, 2-3 cucchiai di latte
Montate il burro e lo zucchero, unite le uova una alla volta, e poi la farina setacciata, il latte e la vaniglia. Riempite i pirottini fino a 3/4 e fate cuocere per 25 minuti a 180°
Per la glassa
Ingredienti: 200 g di cioccolato fondente, 3 cucchiai di olio vegetale, 200 zucchero + 60 g acqua (per lo sciroppo), 175 albume + 100 g zucchero (da montare).
Fate sciogliere il cioccolato con l’olio a bagno maria. A parte cominciate a sbattere gli albumi con lo zucchero, mentre preparate lo sciroppo riscaldando l’acqua e lo zucchero fino a ottenere uno sciroppo la cui temperatura deve raggiungere i 121° (se non aveste un termometro da cucina vi consiglio di seguire i consigli di questo video, io l’ho fatto e ci sono riuscita senza problemi). Versate poi lo sciroppo ottenuto a filo sugli albumi che avrete già iniziato a montare a neve nella planetaria. Lasciate poi che la meringa continui a montare fino a completo raffreddamento.
Mettete la meringa in una sacca da pasticcere e create dei riccioli corposi di glassa, lasciate freddare in frigo circa mezz’ora e poi, tenendo i cupcake per la base e facendo attenzione affinché la glassa non cada, colate su ognuna la glassa al cioccolato, facendo aderire alla meringa.

Creazione della cupcake

1 commento

Una nuova colazione con un gusto diverso dal solito, ma molto piacevole: i muffins con pesche noci e ribes rosso. Questa volta mi faccio i complimenti da sola per essere riuscita a sfruttare al meglio i frutti di luglio. Avevo in caso un bel cestino di ribes, ma non so mai come usarlo e così, non avendo in previsione torte di compleanno da decorare con bacche di ribes, ho deciso di usarli come dei qualsiasi mirtilli e li ho tuffati nei muffins.
Per addolcire il sapore agre e pungente delle bacche ho preso qualche pesca noce. Il risultato? Vi basti sapere che non avevo mai visto il Convivente prepararsi la colazione da solo pur di mangiare uno dei miei muffin.
Ne ho fatti un bel po’: alcuni li ho congelati, altri li ho glassati e altri ancora li ho mangiati così com’erano.
Se decidete di congelarli quando li vorrete vi basterà lasciarli fuori la notte prima per trovarli pronti la mattina a colazione.


Continua dopo il click...

2 commenti

Mentre scorrono sul televisore, ma anche in streaming sul mio computer dal sito “Matrimonio Reale“, le immagini del matrimonio di William e Kate, non posso fare a meno di pensare a cosa mangeranno al banchetto reale.
Il matrimonio del Secolo, l’hanno ribattezzato: trovo questi eventi molto divertenti, sembra tutto così surReale, ma non mi vergogno a dire che sono incollata allo schermo per curiosare e commentare i volti, i mille cappellini e i vestiti degli ospiti. Vista dall’alto Westminister Abbey sembra una distesa di pasticcini colorati, macarons o cupcakes con glassa a voi la scelta.
Se avete avuto l’occasione di sbirciare i primi ospiti in arrivo sono certa che avrete anche voi spalancato la bocca al passaggio di David Beckam, tanto per dirne uno.
Ma tornando al cibo, argomento Principe di questo blog, vi voglio lasciare con una piccola raccolta ricordo delle ricette anglosassoni che fino ad oggi vi ho proposto. Un piccolo ripasso e un suggerimento per sentirsi subito Oltremanica, almeno con la mente e con lo stomaco.
Nell’ordine:
1. Torta di carote
2. Scones
3. Rhubarb Bars
4. Muffins ai mirtilli
5. Fish&Chips
6. Lemon Bars
Buon appetito.
God save the Royal Wedding!

1 commento

5

Birthday Cupcakes

Categorie: Ricorrenze e Feste

Oggi è il mio compleanno, o meglio della donna che vi racconta ogni giorno le mie avventure. Per il suo compleanno ho deciso di preparare 31 cupcake con la glassa al burro. Tempo fa sono stata alla festa di un’amica, c’era un sacco di gente, e al momento della torta sono arrivate tante piccole cupcake colorate. La cosa mi è piaciuta parecchio: gli invitati avevano a disposizione un paio di cupcake a testa, ognuno si poteva servire da solo, non c’è stato alcun taglio della torta e soprattutto nessun piattino di plastica sporco appoggiato in giro sul quale sedersi distrattamente e ritrovarsi il vestito sporco di panna e fragole.
Credo li abbia preparati una società di catering, se ne trovano sempre di più in giro e sempre più spesso i dolci che vanno per la maggiore sono quelli della tradizione americana: dalla semplice apple pie alle più elaborate cake con glassa allo zucchero, stile “Il boss delle torte“.
Anche le cupcake possono essere decorate con la glassa allo zucchero, si possono addirittura realizzare dediche personalizzate scrivendo su ognuna qualcosa, ma io per questa occasione ho preferito una glassa più morbida e soffice nella quale affondare i denti che sono certa piacerà anche al Convivente.

Ingredienti per 12 cupcakes: 125 g di farina, 125 g di burro, 125 di zucchero semolato, 2 uova, 50 ml di latte, 1/2 cucchiaino di lievito per dolci,  1/2 cucchiaino di bicarbonato, 1 cucchiaino di essenza di vaniglia e ½ cucchiaino di sale. Per la glassa: 360 di burro a temperatura ambiente, 450 g di formaggio morbido, 450 g di zucchero e due cucchiaini di estratto di vaniglia.
Preparazione: mischiate nella planetaria lo zucchero, il burro, la farina, la vanillina e le uova. Unite poi il latte e amalgamate fino a ottenere un impasto morbido che verserete nei pirottini riempiti fino a 3/4 già disposti nella teglia. Fate cuocere in forno a 200° per 15 minuti e poi lasciate raffreddare fuori dal forno. Preparate la glassa: mischiate insieme burro, formaggio e zucchero e montateli bene con una frusta, poi aggiungete a poco, a poco lo zucchero e se le desideraste colorate aggiungete qualche goccia di colorante alimentare.

(Foto di schnaars)

5 commenti

Art By Steve JohnsonI frutti di bosco sono una vera delizia e anche se oggi li possiamo trovare praticamente tutto l’anno al supermercato è in questo periodo che dovremmo mangiarli. Occhio al prezzo!
I mirtilli poi sono nel loro momento più rigoglioso e così ho riempito il cestino della frutta di queste palline nere. O blue? O viola? Ma secondo voi di che colore sono i mirtilli? A dar retta agli anglosassoni che li chiamano blueberry sono blue, mentre nel film “Willy Wonka e la fabbrica di cioccolata” la ragazzina che si trasforma in un mirtillo gigante per ingordigia si chiama Violet. Vabbè, bando alle ciance…
Avendo come mio solito esagerato con le quantità e non essendo i mirtilli uno di quei frutti che mangio più volentieri solo dopo una sciacquatina, come mi capita con ciliegie e lamponi, ho pensato che il modo migliore di impiegarli fosse anche il più classico: muffins ai mirtilli.
In realtà ho trovato anche queste ricette qui (una e due): le trovo molto interessanti e così, se non vi andassero i muffins, potete sempre ripiegare su di loro, non credo rimarrete deluse.

Muffins ai mirtilli

Ingredienti: 250 g di farina, un cucchiaino di sale, 100 g di zucchero, 1 cucchiaini di lievito, 1 cucchiaino di bicarbonato, 2 uova, 80 g di burro ammorbidito, 180 ml di latte, circa 200 g di mirtilli.
Preparazione: lavate i mirtilli e scarico. Cospargete un canovaccio con la farina e rotolatevi sopra i mirtilli. Riscaldate il forno a 220°. Come ogni ricetta di muffins che si rispetti ci sono le parti secche e quelle liquide, infine gli ingredienti aggiuntivi. Per la parte secca: mettete in una ciotola la farina, il sale, lo zucchero e il lievito. Per la parte liquida: in un’altra ciotola sbatterete le uova, alle quali aggiungerete il burro fuso e poi il latte. Mischiate poi velocemente gli ingredienti liquidi con quelli secchi. Aggiungete ora i mirtilli infarinati e mischiate un’ultima volta il composto. Trasferite con un cucchiaio la pastella nella teglia per muffin riempiendo ogni scomparto fino a 2/3 della sua capienza. Fate cuocere per circa 15-20 minuti.

(Foto di Art By Steve Johnson)

11 commenti

Monet, PicnicE alla fine arriva il venerdì e molte di voi, come me, staranno decidendo cosa fare durante il weekend. In molte avranno sperato che il primo maggio cadesse di venerdì o di lunedì per godersi un lungo weekend, magari al lago o al mare, purtroppo quest’anno non è andata così, ma nulla ci toglie la possibilità di trascorrere un bel sabato di maggio al sole, sul prato, sedute su un plaid, mangiucchiando tramezzini e sorseggiando una fresca spremuta.
Dopo aver parlato di cosa occorre e dei cestini perfetti per il nostro picnic eccoci arrivate al cibo, ovvero l’aspetto più godurioso di questa esperienza culinaria all’aperto che andrebbe riscoperta.
Cover PicnicPanini, paste fredde, ma anche sformati, arrosti e frittate: tutto da mangiare rigorosamente a temperatura ambiente.
Per preparare i vostri sandwich vi consiglio un libro che casca a fagiolo in questa occasione: Picnic di Isabel frittataBrancq-Lepage, edito dalla Guido Tommasi (22,00 euro). La copertina attrae quanto il contenuto: 120 ricette facili e veloci per non dover ripiegare sul solito panino al prosciutto. E proprio per non trovarvi nel cestino solo dei panini vi consiglio delle frittate miste: preparatele la sera prima e lasciatele asciugare in un piatto con della carta assorbente, così saranno belle sode; tagliatele poi a fette o a quadratini per cominciare il pranzo con uno stuzzichino molto saporito e nutriente. Ecco due ricette che fanno al caso nostro: frittata di cipolle e frittata ortolana.
Continua dopo il click...

Commenta