cioccolatiniSe pensate che San Valentino sia solo una festa per arricchire le fabbriche di cioccolato è perché non avete mai provato a fare i cioccolatini da sole.
La soluzione migliore e più economica per mangiare degli ottimi cioccolatini, confezionati proprio come ci piace e che possano piacere sicuramente anche a lui, è quella di realizzarli in casa.
Per prima cosa dovrete comprare uno stampo: questa è la spesa più grande, ma lo stampo lo terrete a vita e potrete rifare i cioccolatini ogni volta che ne avrete voglia, vi consiglio gli stampini in silicone della Silkomart o quelli di Tescoma.
Comprate un buon cioccolato, quello che preferite, e poi nocciole, mandorle, praline, tutto quello con cui vorrete riempire i cioccolatini.
Sciogliete il cioccolato a bagnomaria e sbizzarritevi! Sul sito Silkomart ho trovato la ricetta dei cioccolatini con le nocciole, ma ce ne sono davvero per tutti i gusti.

Prima di darvi la ricetta, ricordatevi di comprare una bella scatola di cartone o di latta dentro alla quale metterete i vostri cioccolatini.

Cioccolatini con le nocciole

Ingredienti: 400g cioccolato fondente (300g per i cioccolatini + 100g per la chiusura), 300g cioccolato bianco, nocciole intere, crema di nocciole 300g.
Preparazione: sciogliete il cioccolato fondente a bagnomaria e spennellatelo all’interno dello stampo. Mettete lo stampo in frigo per qualche minuto in modo che il cioccolato si rapprenda, quindi ripetete l’operazione una o due volte. Sciogliete il cioccolato bianco e mischiatelo alla crema di nocciole, versate la crema nei gusci lasciando un margine di un millimetro dal bordo e aggiungete una nocciola per cioccolatino. Lasciate raffreddare e poi con gli altri 100g di cioccolato fondente fuso ricoprite lo stampo per tappare tutti i cioccolatini. Lasciate riposare in frigo per qualche ora.

(Foto di Kirti Poddar)

2 commenti

Ballarini iloveSono diversi anni che la Ballarini realizza una linea speciale di padelle associate a prodotti gastronomici di ottima qualità, il tutto ben confezionato all’interno di una grossa scatola che recita “iLove…”
Che si tratti di pasta, pizza, crêpes, risotto poco importa, l’importante è amare la buona cucina, o almeno provarci.
Mi ricordo che regalai la scatola “iLoveCrêpes” (la prima ad uscire nei negozi) a mio padre per la Festa del Papà di tanti anni fa: lui ha ricevuto un mega barattolo di Nutella e io una padella nuova di zecca per preparargli le crêpes al Grand Marnier come piacciono a lui.
Poi alla Ballarini devono aver pensato che l’idea funzionava e così hanno continuato.
Creuset cuoreNon c’è solo la Ballarini ovviamente, ma loro hanno avuto l’idea più originale. Personalmente amo le cocottine della Creuset a forma di cuore o le formine della Silkomart, sempre a cuore, per torte e muffin perfette per la colazione del 14 febbraio.
Il mio primo consiglio di San Valentino per chi si ama è: compratele o comprategli (nel caso aveste un convivente molto diverso dal mio) una pentola (anche più di una) di ottima fattura, di marca e molto costosa.

Sul biglietto vi basterà scrivere “Il nostro amore è come questa pentola: un investimento solido, resistente ad ogni sbalzo di temperatura e impossibile da scalfire…!

Commenta

3

Crea il tuo ricettario (-10)

Categorie: Senza categoria

ricettario-lulu.jpgScusatemi! So di aver saltato qualche casella, ma il Convivente è arrivato prima di me durante il weekend, approfittando della mia assenza.

Nel mio calendario oltre ai consigli, dietro ogni casellina, c’è un cioccolatino e Lui ha visto bene di aprire tutte quelle chiuse (fortunatamente ha avuto il buongusto di fermarsi prima del mio ritorno), grattare via il consiglio e mangiarsi il dolcetto.
Ed eccoci qui ad aprire il 15 di dicembre. Mancano solo dieci giorni al Natale, ma se ancora non aveste idea di cose regalare ad amici e parenti ve lo dico io: scrivete un libro!
Non sono impazzita, per esperienza so che ci vuole un bel po’ di tempo, ma se avete qualche ricetta da parte e qualche foto di famiglia grazie a siti come Lulu o Ilmiolibro potrete autopubblicare il vostro ricettario.
Per capire come funziona Lulu qui trovate la spiegazione per farlo e il punto di partenza per realizzare la vostra raccolta. Se invece vi convince di più Ilmiolibro scegliete il formato, la rilegatura, il colore degli interni, la copertina e in pochi semplici passaggi andate in stampa.

Una volta creato il vostro ricettario potrete stamparlo e spedirlo a tutti.

 

3 commenti

1

Natale tra i libri (-18)

Categorie: Libri cotti

Libri da non perdere. Già che siete qui, in Rete, potreste approfittarne per comprarvi un paio di libri di cucina che si vendono quasi esclusivamente online e che non dovreste perdervi.

Il libro del cavolo” (Cibele, 256 pagine, 28,00 euro). Prima di tutto dove trovarlo: online cliccando qui oppure in uno dei punti vendita qui elencati. Passiamo al “cos’è”: bn-senzarighelli2.jpgè il libro di Sigrid Verbert, la splendida fotografa e foodblogger meglio conosciuta al pubblico come “Cavoletto di Bruxelles“. Finalmente qualcuno, ovvero la casa editrice Cibele, ha deciso di raccogliere le ricette (nel libro ne trovate 98), ma soprattutto le foto (quelle sono 160), che in questi anni molti di voi hanno potuto vedere solo sul blog. Un libro bellissimo, curato in ogni particolare con ricette semplice e ovviamente foto perfette. Sono molto felice di poter dire che conosco (poco) Sigrid e che merita tutto il successo che ha!

Mangiabbinando – Ghiotte considerazioni” (Colorama, 64 pagine, gratuito solo spese di spedizione). Altro foodblogger è Stefano Buso,mangiabbinando2.JPG critico enoculinario, membro dell’Accademia Italiana Gastronomica Storica, wineblogger, studioso di storia e tradizioni della cucina, associato ad A.S.A. (Associazione Stampa Agroalimentare Italiana). Le sue “ghiotte considerazioni” le trovate su Mangiaeabbina, mentre per collezionare tutti gli abbinamenti fino ad oggi consigliati basterà farsi recapitare il suo libro (gratuito e inviato solo in contrassegno postale, gli unici soldi richiesti sono quelli per le spese di spedizione). Un bel regalo per Natale, ma affrettatevi perché sono rimaste poche copie!

1 commento

1

Un armadio è per sempre.

Come sarà la nostra casa? Come sarà vivere in una casa costruita insieme al Convivente? Come sarà la mia cucina? Dove metterò le scarpe?
Queste e non solo sono le domande che mi attraversano la mente da quando ho deciso di andare a vivere con il Convivente.
Abbiamo una bella casa, ma stiamo pensando di allargarci per fare un po’ di spazio al futuro. E a qualche altra persona.
Ovviamente sono tutte fantasie per ora, ma intanto ci divertiamo a confrontare i progetti che abbiamo in mente.
Convivente: “Vorrei allargare lo studio per metterci due televisori, magari comprare un proiettore. Potrei farmi una stanza multimediale.”
Signorina Fiamma: “Scusa, ma non ti bastano le tre consolle, i due schermi per il computer, sei hard disk e quattro webcam? Più multi di così”.
C: “Ma tu non volevi una cabina armadio, come quella del film di Sex & the City? Quando sei tornata dal cinema mi hai fatto una testa così.”
SF: “Ah, sì. Hai ragione, può essere un’idea…”

Mai far notare quanto possa essere importante per te avere tre pareti attrezzate piene di grucce e scaffali.
Dopo questo scambio di battute mi sono chiusa in bagno, mi sono guardata allo specchio e poi “Evvai!” ho sussurrato con tutto il fiato che avevo in gola.

A quanto pare tra le cose che desiderano ricevere le donne dal proprio uomo al primo posto sale la cabina armadio. Guardate un po’.

E voi cosa mettete in cima alla vostra lista dei desideri? Rispondete al sondaggio

P.S. Se poi non avete ancora una “wishlist” cliccate qui: cominciate a mettere da parte un po’ di desideri e rendeteli ben visibili al vostro uomo così non avrà più scuse e saprà sempre cosa regalarvi.

1 commento