Alla prestigiosa manifestazione PANNI ALTI di Schio dello scorso weekend ho avuto il piacere di incontrare una vera e propria esperta della moda Vintage.

Chi è? Si chiama Fabiana Gabellini ed è una fashion modeller-designer, dopo 15 anni nel mondo della moda,  fonda 3 anni fa  GIEFFE ATELIER,  all’interno di cui realizza  il progetto GIEFFE BRIDAL , un spazio creativo basato sul recupero della tradizione sartoriale Made in Italy, con un’accurata ricerca di  lavorazioni artigianali,  materiali eco-sostenibili. La mission di Fabiana è rendere  attuali linee retrò: dal bozzetto alla scelta del tessuto, fino alla realizzazione dell’abito-accessorio, progetta a 360° un total look cucito sulla sposa e su tutto l’entourage (madre, demigelle e testimoni).

Ho chiesto a Fabiana di raccontarmi con precisione le caratteristiche che deve avere il look della sposa in stile vintage…

” La tendenza al recupero della tradizione sartoriale è tornata  in auge nella cerimonia, la sposa come vera protagonista aspira ad un abito cucito sulla sua persona, per rappresentare la sua personalità  esclusivamente “fatto a mano“ seguendo le tecniche artigianali Made in Italy.

Il Vintage esprime a 360° questa concezione, attraverso il recupero di un’eleganza senza tempo.

Grace Kelly, Audry Heptburg, Jackie Kennedy …icone Vintage per eccellenza fungono da muse ispiratrici per classe ed eleganza, con un gusto raffinato al quale si aspira anche oggi.

Damigelle, testimoni, la madre e la sorella vogliono vivere questo sogno insieme alla sposa valorizzando il proprio stile  personale, scegliendo capi fatti su misura seguendo il tema del matrimonio e scelto dagli Sposi. L’abito su misura ha un valore aggiunto: sarà sempre un pezzo unico, inimitabile!!!

Uno stile Vintage raffinato, elegante e  di qualità è fatto di accessori imprescindibili da accostare all’Abito, come:

- Il copri spalle è essenziale per completare l’abito da sposa, in seta, broccato, pizzo abbinato o nello stesso tono;

- L’Hats, tornato in voga, è un accessorio significativo nella storia della moda: rappresentava la nobiltà fin dall’epoca dei greci. Oggi è richiesto con veletta, fiocchi, fiori con gusto retrò abbinato  ai guantini  in tulle o pizzo, corti al polso;

- La pochette a sacchettino, con catenella di piccole dimensioni in tessuto e toni dell’abito, può essere accostata ai toni dell’hats o della scarpa;

Per le testimoni è immancabile il bracciale floreal così come la fusciacca in seta che segue il colore guida della cerimonia.

Le damigelle Bambine che aprono e chiudono la cerimonia, divertenti con abiti in tulle e taffetà ricordano i matrimoni Regali di un tempo….”

Grazie Fabiana per i tuoi preziosi consigli e torna presto a trovarci!

Elisabetta

Commenta

Oggi si apre una nuova raccolta di blog: “Parola d’ordine: personalizzare“.

In questi articoli si parlerà di tutte le cose più strane che si possono personalizzare in occasione del matrimonio

Iniziamo dalle calzature della sposa

E’ un’usanza tipicamente americana, quella di scrivere qualche frase sulla suola delle decoltè della sposa ma da un po’ di tempo anche in Italia abbiamo iniziato a copiare!

Ecco qualche foto presa dal web:

Al prossimo articolo!

Commenta

A gennaio parte la corsa delle spose verso gli atelier: ma che cosa è di tendenza nel 2012?

Sfogliando le numerose riviste di matrimonio e sbirciando le vetrine degli stilisti più blasonati si potrebbe dedurre che abbiamo un po’ un ritorno alla romanticità. Tessuti leggeri come l’organza, il pregiato pizzo ed elaborati ricami stanno piano piano tornando alla ribalta…ma le spose saranno pronte a questa inversione di tendenza?

Vediamo insieme qualche modello

Ecco che cosa propone Elisabetta Polignano:

Dalla collezione di Antonio Riva invece

Dalla collezione Pronovias

Dalla collezione Acquachiara

E tu? Ti senti abbastanza romantica?

1 commento

Nel complicato iter della scelta dell’ abito da sposa è sempre necessario tenere in considerazione diversi fattori. Ad esempio la scelta del rito cattolico nella classica Chiesa porta a qualche obbligo nel dress code e allo stesso tempo la volontà di sentirsi affascinanti e a proprio agio durante tutto il ricevimento.

In questo le opzioni possone essere molteplici e numerosi atelier propogono diverse soluzioni: una su tutte l’abito componibile che consente di essere trasformato per i diversi momenti della giornata.

Altra opzione che sta prendendo piede, soprattuto quando si sceglie un ricevimento notturno, è quella di scegliere un secondo abito da cerimonia, non necessariamente informale ma magari più allineato al temperamento della sposa e…. ai gusti dello sposo!

In questo modo sarete sicure di accontentare tutti: genitori e suoceri soprattutto per la cerimonia e sposo e amiche per la festa.

A voi la scelta!

Il mio consiglio è quello di, nel caso si scelga un secondo abito, identificarne uno colorato in linea con la tematica e le nuace del matrimonio.

Commenta