Quante risate e battute suscita sempre la mia frase: “possiamo fare le escort cards!”…

Oggi voglio spiegare bene di che cosa si tratta, in ambito matrimonio ovviamente!

I tableau de mariage si dividono sostanzialmente in due categorie:

all’ ITALIANA quando è composto da un biglietto per ogni tavolo riportante i nomi degli ospiti seduti;

all’AMERICANA (con le famose “escort cards”) che consiste nell’insieme di biglietti indicanti ciascuno il nome dell’ospite e il relativo tavolo. Nel secondo tipo l’ospite può prendere il proprio biglietto e portarselo con sè, anche come “memo” nel caso di nomi di tavoli complicati.

Il mio consiglio è questo: se siete tanti ordinate i biglietti in ordine alfabetico e gli ospiti impiegheranno pochissimo tempo a trovare il proprio nome!

Divertitevi a inventare le vostre escort cards!!!

Commenta

La magia del Natale rende tutto più romantico, perchè allora non scegliere proprio il pranzo con la famiglia per annunciare ai parenti stretti la decisione di volersi sposare?

Le possibilità sono moltissime, l’effetto sorpresa a Natale è molto facile da ottenere. Ecco alcuni esempi:

- Appendere all’albero di Natale una pallina “speciale” all’interno di cui inserire l’annuncio. Al momento giusto la farete cercare da qualcuno che leggerà il messaggio a tutti i commensali.

- Nella grafica del menù potrete inserire una riga aggiuntiva con una pietanza insolita: ” fiori d’arancio con tanto amore”, ” nozze in bellavista”…e via con la fantasia!

- Consegnare al capofamiglia un pacchetto da aprire a tavola davanti a tutti: dentro avrete inserito in vostro annuncio di matrimonio.

Il risultato è garantito e nessuno scorderà questo momento… io ho fatto proprio così! :)

Commenta

Direttamente dall’America, in particolare da Miami, arrivo oggi con una piccola ma originalissima idea…subito da copiare!

Si tratta del “wellcome box” o più semplicemente della scatola (o borsa) di benvenuto che gli sposi donano agli ospiti invitati al matrimonio che vengono da fuori città. Si tratta di una gentilezza che gli sposi fanno nei confronti di coloro che arrivano magari qualche giorno prima delle nozze e si ritrovano in una località sconosciuta.

All’interno del box solitamente si inserisce:

mappa della località

elengo dei ristoranti consigliati

bottiglietta d’acqua

qualche dolcetto (possibilmente fatto in casa)

qualche cerotto (in caso di piccole ferite o più semplicemente se le scarpe del matrimonio fanno male)

qualche aspirina per il mal di testa (da dopo matrimonio)

e tutto ciò che vi viene in mente per far sentire “a casa” i propri ospiti.

Ovviamente anche in questo caso sarebbe di grande stile decorare i sacchetti o le scatole con i colori e i temi che distinguono il matrimonio.

La consegna di questo pensiero viene fatta durante la cena delle prove oppure si può decidere di far trovare il box nella camera di albergo dove risiederanno gli ospiti del matrimonio.

Commenta

Che bello quando gli amici si sentono coinvolti dalle nozze fino ad organizzare piccoli scherzi per gli sposi. Sono tradizioni, che entro il limite dell’educazione e del buon gusto, vanno rispettate.

Ma che cosa vogliamo dire dei manifestini che vengono attaccati selvaggiamente in ogni angolo delle strade, sul tragitto che porta delle rispettive case degli sposi ai luoghi della cerimonia?

E’ una di quelle usanze che se fatte con le dovute accortezze potrebbero essere simpatiche ma purtroppo nella stragrande maggioranza dei casi ricadono nel trash!

Ci tengo a ricordare a tutti gli amici simpaticoni che stiamo sempre parlando di una cerimonia, con le sue regole e con il suo galateo, non di una festa campestre! Quindi, se proprio ci tenete a “pubblicizzare” il matrimonio dei vostri amici sposi ricordate qualche regola di base:

- Il nome dello sposo va SEMPRE prima di quello della sposa

- Non si scrive in nero (porta sfortuna!)

- Cercate di non inserire foto degli sposi al fine di evitare l’effetto “ricercati” o “chi l’ha visto”

- E’ meglio fare pochi manifesti ma di dimensione più grande (non metterne 20 nello stesso punto sperando di farsi notare di più)

- Ricordate che in alcuni comuni è severamente vietata l’affissione

- IMPORTANTISSIMO: al termine della cerimonia levate assolutamente tutti i manifesti…nulla di più brutto che vederli marcire settimana dopo settimana.

Ecco un esempio da NON SEGUIRE!

Oggi ho voluto trattare questo tema perchè, abitando in una zona celebre per i matrimoni, il Lago d’Orta, mi ritrovo a settmbre con l’orrore di questi manifesti in ogni angolo delle strade. Immagino che sarà lo stesso anche per voi che mi leggete da altri luoghi gettonati per il matrimonio. Mi è sembrato quindi doveroso trattare l’argomento!

Buona giornata!

Commenta

Sognate la classica atmosfera da matrimonio all’americana??

In questo caso non potete scordare di mettere nella vostra play list questo grande classico tratto dal mio film preferito: “il matrimonio del mio migliore amico“…

Un’idea originale per le damigelle a caccia di un’idea per fare una sorpresa agli sposi potrebbe proprio essere quella di imparare questo facile balletto e replicarlo a sorpresa durante il banchetto… ma siate sicure di avere il tempo di provarlo parecchie volte per realizzarlo in maniera gradevole!

Commenta

Pensando al matrimonio in inverno, di cui si è parlato ampiamente anche qui su DonnaModerna.com, mi è tornato in mente un matrimonio davvero speciale cui ho partecipato in veste di invitata. Protagonisti una coppia di amici appassionati di alpinismo.

Luogo dell’incontro per la cerimonia: Cortina d’Ampezzo.  Location per il ricevimento: un rifugio tra la neve.  Dress code: tipici abiti tirolesi.

I due sposini infatti  hanno pensato di invitare i parenti e gli amici più intimi per una giornata in montagna assolutamente speciale. Al mattino ci siamo ritrovati tutti in una suggestiva chiesetta innevata, in tipico stile alpino, e dopo una cerimonia intima e molto romantica, tramite una seggiovia aperta solo per noi, siamo saliti fino in cima alla montagna. Ad attenderci, in un altrettanto tipico rifugio, golosi manicaretti, bevande calde, liquori e fontane di cioccolata calda.

Dopo il pranzo luculliano, nel tardo pomeriggio, la discesa a valle: i parenti più anziani hanno preferito la seggiovia mentre i più giovani si sono lanciati con sci, slittini e perfino buste di plastica lunga la pista oramai deserta.

Ma la vera chicca è stata la richiesta da parte degli sposi di indossare tutti il loden, la mantella di lana tipica dell’abbigliamento tirolese. Un matrimonio davvero speciale e divertente, forse il più divertente cui ho partecipato.

1 commento

Sempre più spose vogliono assicurarsi che gli invitati si presentino al matrimonio con un dress code elegante e ricercato e, spesso, per evitare brutte sorprese, lo specificano negli inviti del matrimonio. Insomma che il cugino ventenne non si azzardi a venire vestito in jeans e felpa. E che tanto meno la zia Maria osi indossare un abito bianco da gran soiree. Ma al di là dello scopo precauzionale, molte altre sposine richiedono agli ospiti di adottare uno stile ben preciso, magari di indossare il colore-tema del matrimonio: tutti vestiti in tonalità pastello, le donne tutte con il cappello, signori in frac e signore in lungo.

Ci sono poi coppie di sposi, appartenenti all’affascinante e spesso stravagante mondo dei VIP, che non hanno paura di osare. E allora perché non prendere spunto dai loro matrimoni? I coniugi Beckham, ad esempio, richiesero espressamente agli invitati di presentarsi alle nozze da favola, celebrate in un fiabesco castello irlandese, vestiti di bianco (ma come non era il colore riservato solo alla sposa?).

Stessa pensata per la popstar Beyonce e suo marito, il rapper JZ: solo bianco candido per gli illustri invitati all’esclusivo party.

Più recente la trovata del tennista Boris Becker (o meglio dei suoi wedding planner), al suo matrimonio con la modella Lilly Kerssenberg: per le donne ammesso solo il rosso fuoco, per gli uomini il nero. E gli sposi? Lui impeccabile in tight, lei in tailleur bianco e ombelico in bella vista.

E voi? Pensate di imporre un dress code o vi affiderete al buon senso dei vostri invitati?

Commenta