E’ quasi una richiesta un’anime quella che gli sposi mi fanno: “Vorremmo fare un banchetto a buffet per limitare il tempo che si trascorrerà seduti a tavola”.

Certamente il buffet è la parte del pranzo di matrimonio più divertente e coreografica ma è una scelta giusta solo se si rispettano alcune condizioni.

Prima di tutto è necessario fare una valutazione oggettiva della tipologia di invitati al matrimonio: se ci sono molti giovani (la generazione degli happy hour) è chiaro che la scelta del buffet sarà vincente, molto meno se gli ospiti sono principalmente parenti over 50. In questo caso consiglio vivamente di prevedere il servizio a tavola per la prevalenza delle portate.

E’ fondamentale mettere comunque tutti a proprio agio: prevedere tavoli d’appoggio e sedute per almeno un 30/40 % degli ospiti alle nozze.

Per quanto concerne la tipologia di cibi da servire a buffet avete una scelta praticamente infinita: dai  prodotti tipici come salumi e formaggi ai classici fritti, per continuare con le monoporzioni di vari piatti… Se scegliere un catering di qualità con esperienza saprà consigliarvi le pietanze più adatte sulla base della stagione e delle modalità di fruizione.

Le isole tematiche sono poi una vera passione delle coppie di futuri sposi: si tratta di presentare i diversi finger food suddividendoli nei tavoli sulla base della tipologia di ingredienti, come il pesce, la carne, i vegetali e così via. Questo tipo di servizio consente di creare delle “ambientazioni tematiche” sui vari tavoli del buffet con un risultato molto scenografico.

Ecco qualche esempio di buffet dagli ultimi matrimoni:

per il tavolo del pesce

per un insolito tavolo…piccantissimo!

se invece il matrimonio è nelle tonalità del verde

e quando il matrimonio viene celebrato in zone tipiche per i formaggi

Affidatevi ad un buon catering, una brava decoratrice e liberate le fantasie culinarie!

Commenta

Da qualche anno a questa parte non esiste matrimonio senza un buffet: per l’aperitivo,  per gli antipasti, per i dolci o per l’intero banchetto, quel che conta è che ci sia un momento della festa in cui gli ospiti possano colloquiare con diverse persone e assaggiare stuzzicherie a propria scelta.

Lo scopo è proprio quello di evitare un banchetto statico dove tutti sono seduti al proprio tavolo e possono interagire solo con i vicini. Inoltre, date le numerose occasioni quotidiane di uscire, quando si banchetta si cerca di assaggiare qualcosa di nuovo e particolare che talvolta però non si può servire a tavola per paura che non tutti apprezzino: lasciando le pietanze in bella vista sul buffet, invece, ognuno si sentirà libero di provare ciò che preferisce.

A tal proposito oggi vorrei ricordare un elemento importante delle decorazioni del buffet: i food tag. Si tratta di piccoli cartoncini che descrivono la pietanza e che vengono affiancati ai vassoi di portata. Libero sfogo alla fantasia nella realizzazione dei food tag! Ecco per voi qualche esempio…

1 commento

Il menù di nozze

Quando si racconta un matrimonio normalmente sono 2 le cose che si raccontano subito: com’era la sposa e…come abbiamo mangiato!!!

Certo perchè ancora oggi possiamo fare di tutto per rendere unico ed indimenticabile in nostro matrimonio ma sono certa che se le perone non mangeranno adeguatamente tutto sarà inutile…si ricorderanno solo del cibo!

Ecco perchè con le mie spose insisto sempre nel prestare molta attenzione alla scelta del fornitore che si occuperà della ristorazione.  Non si può scegliere sulla base del prezzo!!!

Cercate quante più informazioni possibili, tramite i forum, i blog e il sempre valido passaparola…solo dopo un’attenta analisi potrete identificare il vostro fornitore ideale.

Altro step fondamentale dell’organizzazione è la scelta del menù: la sua struttura, la sua durata e, ovviamente, i piatti da servire.

Gli aspetti principali sulla base dei quali scegliere il menù sono sicuramente:

- stagione

- orario

- tipologia degli ospiti

E’ chiaro infatti che anche se adorate il formaggio eviterei i vari risotti con fondute varie a luglio, così come  le insalatine  fresche a dicembre. Cercate di inserire nei piatti gli ingredienti di stagione e sicuramente non sbaglierete!

Attenzione anche agli orari in cui avverrà il banchetto: se per esempio scegliete una cena valutate con precisione i tempi del ervizio per evitare di servire alle 23 il secondo di carne e avere a mala pena il tempo di tagliare la torta entro mezzanotte.

Sottolineo l’importanza di valutare chi saranno gli ospiti perchè, anche se divetente e di gran moda,  un banchetto di nozze totalmente a buffet non sarà gradito dagli invitati over 60.

Ultimo consiglio: evitate di chiamare in causa nella scelta del menù tutti i parenti…non ne verrete a capo e creerete solo confusione.  Non mi stancherò mai di dire che il matrimonio è degli sposi!

Buona scelta!

Commenta


Continua dopo il click...

3 commenti