il blog delle sfilate
La moda in diretta

1

La presentazione di Celyn B

Si parla di: Sfilate in diretta

Punk baroque party

Immaginate un palazzo del 1600 con sale affrescate e arredi barocchi.

Subito vi verranno alla mente immagini di sontuosi balli e di dame elegantemente abbigliate..

E invece no! A Palazzo Visconti, nel cuore di Milano, personaggi in stile post-punk e nu rave, musica elettronica e atmosfere psichedeliche per il party di presentazione della collezione Celyn B by Elisabetta Franchi.

Un contrasto suggestivo tra lo stile barocco di una location storica e il gusto d’avanguardia degli ospiti e della collezione.

La fashion nightlife all’insegna della trasgressione.

Alan Della Noce _ 5fittingrooms

www.5fittingrooms.com

1 commento

Grande successo per l’evento di inaugurazione del flagship store Rodo in Corso Matteotti a Milano.

Durante il primo giorno della Fashion Week grande afflusso di personaggi della moda, della musica e dello spettacolo per il cocktail del marchio fiorentino nel Quadrilatero della Moda. Noi di 5fittingrooms non potevamo mancare!

Ad animare la fashion nightlife oltre a Paola Maugeri, deejay della serata, anche Vittoria Puccini e le sorelle Parodi.

Ma le grandi protagoniste dell’evento erano loro, le creazioni di Rodo, scintillanti e un po’ eccentriche, nello stile “red carpet” della maison fiorentina famosa nel mondo.

Alan Della Noce _ 5fittingrooms

www.5fittingrooms.com

1 commento

Sono sempre bellissime, al punto che in passerella non sembrano donne reali. Ma, poi, le vedi con un becco d’oca in testa e ti rendi conto che anche loro sono umane. Che hanno dei capelli veri, di quelli che per stare in piega devi fermarli con lacca fissante e phon caldo, così caldo da essere costrette a tenere per ore intere una velina sulla testa,  quasi a proteggere quel ciuffo che altrimenti si sarebbe ustionato. E poi, ascoltano  musica dai loro ipod mentre rispondono alla stylist che le sta vestendo, perchè sanno fare due cose contemporaneamente, come tutte le altre donne. E litigano con il parrucchiere, perché non si piacciono così, anche se la passerella pretende proprio quella acconciatura. Così, se ne ricordano, sbuffano e tacciono. Saranno anche modelle, ma sono donne. Donne vere con capelli veri.

Laura Pernicano

THE VOGUE ADVISOR

2 commenti

Street Style da Gucci

Si parla di: Fashion blogger

Eccoci a parlare del primo grande evento nelle nuove location di questo inizio di Fashion Week: in Porta Venezia, allo splendido Sheraton Diana Majestic, si è svolta la sfilata di Gucci.

Grande affluenza per l’evento: presenti sia alcuni fra i blogger più conosciuti, sia grandi nomi del fashion mondiale.
Vi propongo, quindi, i look che più mi hanno colpita (non necessariamente in positivo!) e sono sicura che riconoscerete qualcuno fra questi scatti.

28 commenti

Un gioco di tessuti è lo show che va in scena da Simonetta Ravizza, la leggerezza delle pelli sfilettate si sposa con materiali come il panno o il neoprene.  Il colore nero predomina e stupisce il grande pubblico, accostandosi al blu in un gioco di contrasti. Gli accessori e i bijoux  diventano protagonisti, croci e bracciali a trecce sottolineano il carattere grintoso e libero della donna che sceglie Simonetta Ravizza.

Chiara Vailati

1 commento

Foto, video, post di blogger e voci autorevoli: quest’anno puoi seguire la Fashion Week milanese con la diretta sfilate di Donnamoderna.com.

Leggi, commenta, condividi, gioca… sono tante le cose che puoi fare sul sito!

E naturalmente ti aspettiamo per un grande appuntamento con la moda nel cuore di Milano, nella bellissima struttura di piazza Liberty firmata dall’architetto Michele  de Lucchi. Ogni giorno dal 23 al 25 febbraio il team di Donnamoderna.com sarà presente dalle 10 alle 12.30 per incontrare e trascorrere la mattinata con voi!

Alle 10 si inizia con la Fashion Breakfast offerta da Donnamoderna.com per iniziare al meglio la tua giornata.

Potrete poi conoscere la Low Coach di Donnamoderna.com, Valentina Fradegrada,  che vi aiuterà a cambiare look in poche mosse grazie alle sue divertenti e utili  lezioni.

E intanto fotografa le  scarpe più fashion della settimana milanese: i migliori fotografi si  porteranno a casa regali esclusivi. Parola  d’ordine #shoeMI.

Ti aspettiamo, e mi raccomando: segui la nostra diretta sfilate!


1 commento

Tutte le cose divertenti finiscono. E anche la Mercedes-Benz fashion week si è conclusa. Da domani New York passa il testimone a Londra.

In questi giorni, trascorsi tra sfilate, locali, negozi cercando di carpire i trend della stagione, ho realizzato che il mio guardaroba ha bisogno di una rinfrescata. Per me, amante di un look minimal – total black e ballerine – non sarà impresa da poco, ma ci proverò. Ecco l’elenco dei nuovi must-have. Se ancora non li avete, correte a procurarveli!

UN PELLICCIOTTO: Poco importa se vero o meno, nuovo o vintage, purché sia corto (ce l’ho).

UN PAIO DI ZEPPONE: Agli uomini solitamente non piacciono, ma per quest’anno dovranno rassegnarsi (manca).

UN TOCCO DI ANIMALIER: Può essere una camicetta leopardata, una borsa di (finto) coccodrillo, un cintura tigrata (ce l’ho ma non qui: chiederò alla prima amica che viene a trovarmi di portarmi la borsa zebrata di Tarina Tarantino che riposa nel mio armadio a Milano).

UN CAPPELLO ESTROSO: Grande o piccolo che sia, l’importante è che si noti (manca).

UN PAIO DI SCARPE CON PLATEAU E TACCO 12: Meglio se di un colore acceso (ce l’ho, ma solo nere. Prossimo obiettivo: un paio verdi. O rosse?).

UN CAPO ROSA SHOCKING: Il nero è très chic, ma quando spunta il colore tutto diventa più glam (manca).

UN ACCESSORIO FUORI DALL’ORDINARIO: Per esempio un cerchietto vistoso, una borsa stravagante, un gioiello appariscente (ce l’ho, ma si può sempre aggiungere qualcosa al repertorio).

Consiglio: se iniziate oggi ad aggiornare il guardaroba, sarete perfette per l’inizio della settimana della moda milanese. Un caro saluto a tutte e… buono shopping!

1 commento

La città che non dorme mai raddoppia la sua energia durante la Mercedes-Benz fashion week.

Il “popolo della moda” vive giornate frenetiche, lavorando non-stop dalle 9.00 alle 21.00, correndo da una sfilata all’altra (la media è di 13 al giorno). Bisogna anche trovare il tempo per le presentazioni, per incontri di lavoro con colleghi d’oltreoceano, per telefonare in ufficio, per scrivere i pezzi…

Pensate che dopo queste “giornatine” la gente torni in albergo e collassi immediatamente? Errore! Quando si ha il privilegio di trovarsi a qui, New York la si vuole vivere fino in fondo. Una volta ho sentito dire: «Devi muoverti con la città, stare al suo passo. Altrimenti si inceppa il meccanismo». Verissimo. Ma la cosa bella è che mantenere il ritmo di Manhattan non costa fatica. La città è disseminata di locali, uno più delizioso dell’altro, tutti raggiungibili a piedi o in pochi minuti con un (economicissimo) taxi, ognuno con qualche caratteristica distintiva. Tra i ristoranti esclusivi di Meatpacking, i lounge bar di Soho e del West Village, i disco-pub del Lower East Side, non ne troverete mai due uguali.

E poi, dicerie a parte, New York è accogliente: chiunque può farla propria, anche per pochi giorni. Il “popolo della moda” lo sta facendo: dall’8 al 16 febbraio, la città è sua.

Commenta


Switch to our mobile site