il blog delle sfilate
La moda in diretta

Donna Moderna non mi ha dato solo l’opportunità di partecipare a quante più sfilate possibili durante la fashion week milanese, mi ha dato di più, molto di più: grazie alla visibilità avuta da uno dei giornali e siti più importanti in Italia, ho avuto l’opportunità, il piacere e soprattutto l’onore di partecipare ai Press Day (le giornate in cui gli show room sono aperti solo ai giornalisti) e io blogger di My World in a Bag e collaboratore del blog di Donnamoderna.com due giorni fa ho avuto il piacere di assistere alla presentazione della nuova collezione Dirk Bikkembergs tenutasi nello show room di Via Burlamacchi 5 a Milano.


Continua dopo il click...

2 commenti

Gli occhiali da vista sono diventati un vero e proprio accessorio di moda. Di diverse forme e colori, oltre a correggere la vista, sono assoluti oggetti di design, non più usati solo da chi deve portarli per bisogno, ma anche da chi vuole indossarli solo come oggetto di moda. Sono lontani i tempi in cui chi li portava era solo un quattrocchi! Quante di voi da bambine li odiavano? Io mi metto in prima fila! E adesso sono un vero e proprio must. Anche se c’è chi ha sempre visto gli occhiali come qualcosa di poco bello, in realtà sono sempre stati un oggetto misterioso, da molti reputati sexy e intriganti. Gli stilisti propongono vari colori e modelli, per cercare di soddisfare le esigenze di tutti.Il classico modello dei ray ban wayfarer è certamente quello più in voga, ma non mancano le alternative. Prevalgono, in questo momento della moda, i modelli grandi e squadrati. Attrici, modelle e soprattutto le fashion blogger più famose della rete, amatissime e ormai vere e proprie icone fashion che dettano legge in fatto di moda, li adorano e ci mostrano come abbinarli.

Ecco a voi qualche immagine da cui poter prendere spunto!



Vanessa Ventura

2 commenti

5

Intervista a Andy Torres

Si parla di: La moda su internet

Mi piace il look di Andy Torres e mi piacciono le foto sul suo blog, StyleScrapbook.

Le ho scritto una mail convinta che mai mi avrebbe risposto, che fosse ormai troppo famosa per rispondere. E invece, con grande gentilezza ed entusiasmo, si è lasciata intervistare. Ecco cos’ha risposto.


Continua dopo il click...

5 commenti

Ho scoperto il brand E-vasiva per caso e mi è subito piaciuto: è quel modo unico di pensare, quell’originalità che crea la differenza.

La differenza che nel panorama della gioielleria ha portato dal 2008 ad oggi 3 ragazze a creare gioielli e bijoux divertenti da materiali poveri.


Continua dopo il click...

1 commento

La donna presentata da Dsquared2 è ancora una volta una donna energica, dotata di forza, carattere e sicurezza. Una donna che rimanda al XIX secolo, più precisamente al periodo in cui pionieri e minatori colonizzarono il territorio americano. L’ambientazione è quella delle montagne innevate e inospitali e il paesaggio è quello polveroso e freddo del Canada, luogo di nascita dei due stilisti.

Le modelle personificano la parte delle mogli, delle fidanzate o delle figlie dei pionieri. Quindi vestono il ruolo di donne capaci di sfidare l’ignoto, valicare montagne e attraversare paesaggi inospitali con i loro carri trainati da bestiame.

La parola che maggiormente caratterizza la collezione è strati! Infatti, per far fronte alle temperature invernali sotto lo zero, è necessario indossare sovrapposizioni di vestiti.

Per una donna sempre in movimento è stata pensata una silhouette comoda, un look casual ma ricercato che non rinunci alla sensualità. Le giacche e le camicie hanno le spalle accentuate, il punto vita è sempre ben definito da una lunga serie di bottoni che rimandano ai corsetti e conferiscono un tocco femminile.

Per la prossima stagione invernale i due stilisti canadesi propongono colori scuri, come nero, grigio e marrone, in contrasto con il bianco ottico delle camicie. Tocco di colore è conferito invece dagli accessori in pelle e maglieria, che spaziano dal rosa antico al bordeaux.

Il denim, tessuto simbolo del marchio, è caratterizzato da un aspetto logoro con dettagli di pelliccia. Elementi caratteristici della collezione sono le mantelle in lana di grandi dimensioni, i guanti con polsini oversize e le cinture borchiate che diventano più eleganti con l’inserimento di fibbie gioiello.

Per una donna che vuole stupire Dsquared2 propone stivali di diversa altezza che richiamano pattini vintage di cuoio invecchiato, chiusi con lacci in cotone. Tacchi e plateau sono sostituiti da lame affilate che ricordano i paesaggi ghiacciati canadesi. Il mondo maschile contamina quello femminile, ne sono un esempio i classici pattini bianchi spesso sostituiti da quelli di colore nero. Bracciali e collane sono fatte di pietre colorate e cristalli. Colli, scialli e gilet sono di pelliccia di coyote o di volpe, mentre i cappelli a tesa larga sono in panno di lana. I cappotti molto lunghi sono da indossare con camicie, pantaloni di cotone o gonne. Per la sera, invece, ai guanti pesanti da lavoro si sostituiscono guanti più eleganti, e lunghi abiti stretch avvolgono il corpo conferendo eleganza e sensualità.

Suggestioni West per il prossimo inverno, un inverno che si preannuncia rigido e ghiacciato, ma dal quale noi ora sappiamo come proteggerci!

Federico Panarello

1 commento

Il nuovo must have per le Fashion Blogger di tutto il mondo si chiama Su-Shi bag! La famosa borsa è stata avvistata al braccio delle nuove icone del web che dettano legge in fatto di stile. Ma cosa avrà questa cartella di tanto speciale? Innanzitutto, è amata per il suo retrogusto vintage e per i materiali ricercati.  Il suo nome esotico si scontra con l’anima latina del brand spagnolo, che la propone in una vastissima gamma di colori e di modelli, tra cui spicca la collezione Old Skool. Un vero e proprio oggetto del desiderio che si impone tra le borse feticcio più importanti, tanto che per averla bisogna addirittura mettersi in lista d’attesa e aspettare pazientemente il proprio turno, così come avviene per la facoltosa “collega”  Birkin di Hermès.

Laura Pernicano

2 commenti

L’ho trovata girovagando sul web, alla ricerca dei migliori blog esteri. E in effetti non è niente male.

Non è americana o francese, ma addirittura slovena. Credete che lo stile sloveno sia noioso e grigio? Leggete qui: lei si chiama Eva Domijan e il suo blog, Dressful, contiene news di moda e tendenza.

Quando e come mai hai deciso di aprire un blog?

Ho aperto Dressful nell’agosto 2010. Avevo già un altro fashion blog prima, ma ne ho aperto un altro perché avevo bisogno di una nuova partenza. Sul mio blog analizzo e interpreto ciò che succede al di là dei vestiti, delle collezioni e dei trend. Scrivo di ciò che gli altri non vedono al primo sguardo.

Come la tua città, Ljubljana, influenza il blog e il tuo stile?

A volte esco in jeans, soprattutto per andare in università, ma poi penso subito che avrei dovuto indossare qualcosa di più interessante! Dall’altro lato, mi vesto anche spesso in modo molto elegante, senza una vera ragione. Le persone mi chiedono dove sto andando e io rispondo che sto solo facendo delle commissioni! Amo gli abiti e il miglior uso che puoi farne proprio indossarli!

Come descriveresti lo stile sloveno?

Un sacco di persone diranno che è noioso e che non osiamo abbastanza, ma non sono d’accordo. Almeno a Ljubljana, la mia città natale, che poi è quella che conosco meglio, ci sono un sacco di persone stilose. Amo vedere la varietà di stili per strada ogni giorno… casual, punk, gothic, classico, c’è di tutto!

Il blog è il tuo lavoro?
Sono una giornalista di moda freelance, lavoro online. E intanto studio letteratura all’università.

Raccontami una tua giornata tipo

Al mattino solitamente sono online, rispondo alle mail, leggo news di moda e i blog per trovare l’ispirazione per i miei post, oppure vado all’università. Al pomeriggio incontro i miei amici per un caffè in centro. La sera è il momento in cui riesco a concentrarmi meglio sul lavoro, quindi è il momeno in cui di solito scrivo, spesso fino a molto tardi, quando tutti dormono!


Viaggi per lavoro?

Sono stata a Milano e a Parigi per le settimane della moda di febbraio e marzo. Sto programmando di partecipare alle 4 maggiori fashion week la prossima stagione. Se ami la moda, la fashion week è il miglior posto dove trarre ispirazione. Tutto è al culmine lì.

Cos’è la moda per te?

Un soggetto affascinante da analizzare e allo stesso tempo un modo per esprimere me stessa. La moda permette di essere una persona diversa ogni giorno e cambia in continuazione, quindi impari costantemente… di te, del tuo stile, di quello che vuoi essere. Le possibilità della moda sono infinite.

2 commenti

In questi giorni la pioggia bagna le nostre finestre e noi abbiamo bisogno di primavera!

Mi sono fermata allora a guardare un po’ le idee degli stilisti per la primavera estate 2011-2012 e ho notato che la femminilità è una costante, come anche la grazia e leggiadria è un luogo comune.

Ma chi lo dice che una donna audace e prorompente non lo sia altrettanto e, forse, anche di più? E’ proprio nelle passerelle della moda milanese che questo mito viene sfatato; nella culla della moda, questi due tipi di donna s’incontrano per essere brillantemente interpretate dalla stile romantico di Blugirl e da quello tutt’altro che soft di Byblos, per la P/E 2011.

Tonalità chiare, gonne a ruota, sandali allacciati alla caviglia, fiocchi e fasce per capelli, sono da sempre tratti caratterizzanti della linea giovane di Blumarine, disegnata da Anna Molinari, prèt a porter per ragazze e donne, caratterizzato da un’influenza fresca e ironica.

Byblos ha dato il via alle passerelle con una donna decisa e sofisticata, di ispirazione wild-chic, il tutto percorso dalle tonalità safari del beige e del marrone.
L’ambientazione della sfilata ha generato l’effetto di una donna immersa nella natura selvaggia, senza lasciare da parte la femminilità che l’ha contraddistinta e arricchita con tacchi vertiginosi, leggins, cinture borchiate, maglie fluttuanti e gonne molto corte.
Insomma, che sia tinta di rosa o fasciata di pelle, la sensualità di queste splendide muse è saltata fuori, a prescindere da cosa avevano addosso, della serie, a proposito di luoghi comuni, l’abito non fa il monaco.

Vanessa Ventura

3 commenti


Switch to our mobile site