il blog delle sfilate
La moda in diretta

Punk baroque party

Immaginate un palazzo del 1600 con sale affrescate e arredi barocchi.

Subito vi verranno alla mente immagini di sontuosi balli e di dame elegantemente abbigliate..

E invece no! A Palazzo Visconti, nel cuore di Milano, personaggi in stile post-punk e nu rave, musica elettronica e atmosfere psichedeliche per il party di presentazione della collezione Celyn B by Elisabetta Franchi.

Un contrasto suggestivo tra lo stile barocco di una location storica e il gusto d’avanguardia degli ospiti e della collezione.

La fashion nightlife all’insegna della trasgressione.

Alan Della Noce _ 5fittingrooms

www.5fittingrooms.com

2 commenti

  1. 1.

    I simply want to mention I am just new to blogging and really savored you’re web blog. Almost certainly I’m planning to bookmark your site . You certainly come with fantastic articles. Many thanks for revealing your website page.

  2. 2.

    Ciao a tutti, proprio ieri sera mi sono atrocca di quanto la mia comunicazione spesso sia veramente poco efficace. Ero con una mia amica in discoteca e si sono avvicinati due ragazzi che hanno attaccato bottone, a parte qualche parola e qualche battuta per non sono riuscita a comunicare davvero con loro e pensare che sarebbe bastato fare qualche domanda in pi ma come al solito mi blocco! Poi chiaro che perdono l’interesse. E pure in palestra ci sono un sacco di ragazzi carini ma oltre il ciao non vado mai! Perlomeno adesso ne sono consapevole e posso esercitarmi a migliorarex Gianfranco: mi spiace che tu abbia questa opinione delle donne immagino che avrai avuto delle esperienze negative che ti abbiano portato a vedere le cose in questo modo ma ti assicuro che ci sono tante donne che cercano una persona da amare e basta, non fare l’errore di generalizzare, anche noi donne lo facciamo molto spesso nei confronti degli uomini (tipo: gli uomini pensano solo a portarti a letto ) e cos creiamo un muro che ci impedisce di comunicare e scoprire davvero l’altra persona.

Mostra messaggi precedenti

E tu cosa ne pensi?


Switch to our mobile site