Uovo Alien     Interno, giorno. Siamo in un ristorante. Al tavolo, quattro persone. Un padre biondo, due figlie bionde, una donna mora.Perché non diciamo: una madre mora, già che abbiamo usato termini parentali come padre e figlie? Perché, come spiegherebbero le figlie bionde, lei è la tipa del papi.E la tipa del papi è una commensale assolutamente terrorizzata, al primo incontro ravvicinato con le bimbe del papi.Zoom sulle mani della donna. Tentano di strozzare un tovagliolo torcendolo al ritmo delle sue budella. La donna si sente, ed è, un’aliena.Primo piano sui suoi occhi, si intuisce il suo pensiero: cosa c’entra lei con loro? E loro, la accetteranno?Carrellata sui volti dei biondi. Papi corteggia le figlie per far capire che la tipa non le spodesterà mai. Le figlie scansionano, ad alta definizione, orecchini-makeup-pushup dell’aliena.Alien si torce i capelli simulando anelli di fidanzamento intorno alle dita sudate. Poi osserva le ragazzine, una è Sigourney, l’altra è Weaver, e sono pronte per darle la caccia.La musica, con bassi in primo piano e ritmo che imita un cuore che pulsa forsennatamente, sottolinea lo stato d’animo dell’aliena. Ta tùm, ta tùm, ta tùm. Un tuffo al cuore e uno nel sorbetto, e il pranzo finisce.La macchina da presa segue i quattro che escono dal ristorante. Alien prende a braccetto la sua coda squamosa e mestamente si accompagna da sé, mentre papi e progenie, intrecciati come un cestino di vimini, la precedono.Vieni a casa nostra? chiede cortese il cestino. Alien pensa che veramente sarebbe anche casa sua, soffoca un ruggito siderale e, col passo barcollante da mostro meccanico e anche da tacchi a spillo, accetta l’invito a casa sua.Stacco. Alien si è rifugiata in bagno, e digita galassie di sms alle amiche. Ce la farò? chiede attraverso l’etere. Ce la farai, rispondono dalla rete. Il bello dello spettacolo deve ancora cominciare.Dissolvenza su nero. Al prossimo post, mogliastre.

3 commenti

beauty    In maggio sono andata a Parigi, per conoscere la fondatrice del Club des Marâtres che, per chi usasse francesismi solo per smadonnare, significa il Club delle Matrigne. Sono arrivata a Malpensa con, come unico documento, la patente, manco dovessi guidare io l’aereo, e con un beauty pieno di flaconi in netto sovrappeso rispetto ai famigerati 100 ml. Per la patente, sono stata sgridata molto. Del beauty, è sopravvissuto solo un burrocacao. Ma ne valeva la pena. Dalle ceneri di seducenti creme per il corpo e sedicenti creme anticellulite, è nato il Club delle Matrigne italiano. Di cui poi vi racconterò. Intanto vi tengo un po’ sulla corda, che non mi è ancora passata la rabbia per il beauty. Insomma, dopo varie peripezie, finalmente sono approdata in Boulevard Voltaire, al Club des Marâtres. Lì ogni primo sabato del mese, al caffé l’Ecole des Parents, le matrigne, o mogliastre per dirla con questo blog, si incontrano e si raccontano. Che belle, queste donne. Di tutte le razze, di tutti i colori e di tutte le età. Ognuna con i propri problemi di relazione con la famiglia allargata, qualcuna anche con i propri successi. Successi, sì, perché, alla fine, con molta pazienza e molto amore, ce la si fa. Lo dice anche Isabel Allende nel suo libro La Somma dei Giorni: perché una matrigna si senta finalmente serena, ci vogliono otto anni. Io lo confermo in pieno, trovandomi proprio all’ottavo di questi faticosissimi anni. La fondatrice del club parigino, Marie-Luce Iovane-Chesneau, è una donna, e matrigna, davvero piacevole. Diretta, ironica, intelligente. Insomma, due giorni dopo, appena tornata a Milano, ho fatto il gemellaggio con il club parigino, fondando il Club delle Matrigne italiano, sul web e a Milano.(www.clubdellamatrigne.it)Tra sito, incontri con le matrigne e idee varie, non ho ancora trovato il tempo per riempire il beauty. Vado a farlo ora, e del Club vi racconto dopo. Al prossimo post, mogliastre.

1 commento

5

Il torsolo d’Adamo.

torsolo.jpgMogliastre di tutto il mondo, unitevi.Sì, ma, intanto, cos’è una mogliastra? E’ una che, come me, ha trovato un marito usato, di seconda mano –nel mio caso di terza- ma con ricca dotazione di prole altrui. Insomma, è una che, pur essendo moglie a tutti gli effetti, si sente mogliastra. Perché non è la prima, perché c’è sempre una foto dell’altra sul comò, perché non è la madre dei suoi figli, perché insomma è arrivata dopo, diciamo a cose fatte.Questo blog si rivolge proprio alle mogliastre, ma in fondo anche alle fidanzastre, a tutte le donne che si sentono un po’ le Cenerentole della famiglia allargata. Quelle che, pensando di arrivare con una cassetta piena di mele avvelenate, si sono accorte che in realtà a loro, della mela, tocca il torsolo.Ma, per non avvelenarsi la vita, né avvelenare quella di mariti e figliastri, ci sono dei sistemi. E non sto parlando di noleggiare un kalashnikov o di ingaggiare un killer professionista alla Bruce Willis (che poi vien comodo per svoltare cena e dopocena). Parlo di sistemi leciti, primo tra tutti, l’ironia. Perché, come si diceva nel sessantotto, una risata vi seppellirà.Al prossimo post, mogliastre.

5 commenti