il-piatto-piange.jpg

Lo so che tanto, se non è un agnello è un vitello o un maialino, e che mica vale di più un agnello solo perché è bellino.

Però, siccome anche noi mogliastre siamo un po’ agnelli sacrificali, non è che per una volta facciamo le vegetariane e non contribuiamo alla strage alimentare?  (Oddìo, ma com’è che oggi scrivo tutto in rima?)

Anche perché un agnello che mangia un agnello è cannibalismo. Adesso, va be’ che siamo matrigne, che siamo quellelà e tutte quelle robe lì, ma cannibali no. Certo, se l’agnellino fosse figlio di una ex pecora del nostro, uhm,  montone, ecco, magari un morsino in quel caso ci scapperebbe.

Ma gli agnelli sono figli di pecore che non hanno mai sposato nessuno dei nostri mariti, quindi lasciamoli stare e sostituiamoli con un bell’uovo di cioccolato. Che, Natale con i tuoi (o, nel nostro caso, con i suoi) ma, Pasqua, con chi vuoi. E noi, questa volta, un agnellino sul piatto non lo vogliamo. Vero?

5 commenti

  1. 1.

    so’ paragnosta.. poco poco… ma so’paragnostissima… a me gli occhi! :D

  2. 2.

    Infatti, Carlastra-Holmes. Era da lì che mi era venuta voglia di scrivere questo post. :-)

  3. 3.

  4. 4.

    Beee, grazie, Koshka.

  5. 5.

    No, noi non lo vogliamo.

Mostra messaggi precedenti

E tu cosa ne pensi?