Messe separate

Si parla di: interviste

messe-separate.jpgPer la chiesa cattolica, leggo sul Corriere della Sera di qualche giorno fa, ci sono queste regole: i separati e divorziati “subìti” cioè che hanno subìto la volontà del coniuge di dividersi, ma che gli rimangono fedeli, e non hanno nuove convivenze o nuovi matrimoni, possono ricevere l’eucarestia. I risposati o conviventi invece non possono ricevere l’assoluzione piena se si confessano e quindi non possono ricevere l’eucarestia. Insomma, se uno è credente e vuole  rifarsi una vita con un’altra persona, è costretto  a scegliere se rinunciare a una piena vita affettiva o se rinunciare a una piena vita religiosa.Un vero peccato, direi. Ma un certo monsignor Granara ha introdotto, a Genova, una novità: la messa per i separati che convivono o che si sono risposati. Però precisa  che la messa per i “fedeli” è una festa, mentre la messa per i separati, che avviene peraltro in separata sede, non è per niente una festa ma un momento di triste riflessione. Va be’, per vedere il bicchiere mezzo pieno, io lo considererei comunque un inizio, una piccola apertura della chiesa verso una realtà che cambia.  Il bicchiere mezzo vuoto, al momento non ho proprio voglia di guardarlo, fa troppo caldo e siamo tutte molto provate, che lavorare stanca, ma le vacanze distruggono.

41 commenti

  1. 1.

    Torno un secondo al tema Chiesa: io sono cattolica, e credo che l’educazione in questo senso sia stata per la mia vita molto positiva.
    Ritengo che credere non debba per forza voler dire condividere regole e precetti che negli anni la Chiesa ha inserito andando secondo me lei per prima contro sé stessa. Il mio compagno non si è mai sposato in Chiesa, quindi non ho mai avuto problemi in tal proposito; ma credo che tutto dipenda dal sacerdote con cui si ha a che fare e che il perdono non debba arrivare da un uomo che ha preso i voti grazie a tre ave marie, ma dentro di sé.
    Detto questo, CELLULARE??!! Mogliasta, sei tremenda..tu lo sai che io il cellulare lo guardo regolarmente. Non per sbirciare, ma perchè il compagno in questione non mi dice nulla e alle volte solo così scopro impegni che si è preso a nome mio, appuntamenti e quant’altro. All’inizio forse era per scoprire chissà cosa, ora è solo organizzazione.

  2. 2.

    Uh, ma allora…;-)

  3. 3.

    che poi, non per schifare il fuori tema, ma ritornando alla questione: se io divorziato, uccido la mia ex moglie, ma poi mi pento, sono assolto.
    Se non la uccido, per me divorziato non pentito, non c’è assoluzione mai.
    E viceversa.
    Roba da matti. (che è un pò ciò che dice il cardinale Martini ma con altra eleganza e ben altre argomentazioni)

  4. 4.

    una birra fresca a quest’ora non sarebbe mica male :D

  5. 5.

    Tutte le volte che leggo pietra, ultimamente, mi viene in mente solo la Birra corsa.. :D

  6. 6.

    Gram, qui sono appena tornati tutti i familiarastri, e la casa, da che era uno splendido eremo dove io e il gatto veleggiavamo, chi in pareo chi in pelliccia tigrata, liberi di miagolare in pace, si è trasformata in un vero rumorosissimo puttanaio. Abbi pietà. ;-)

  7. 7.

    chi è senza peccato scagli la prima pietra … :) :D

  8. 8.

    il cell del mio compagno è pieno di messaggini arrivati da una certa ; (leggi PeV) chi sarà mai? ;) comunque non c’è divertimento (MENOMALE) me li lascia sempre sotto il naso, non ha niente da nascondermi, mi ha fatto fare anche la registrazione on-line dei suoi due numeri …
    Invece con il mio ex era il contrario, menomale che lui non ha mai spiato il mio cell …

  9. 9.

    certo che, mogliastra, sei una bella testina: mi metti un post del genere, che a me mi viene su tutta la critica esegetica del vecchio e nuovo testamento, comprensivo della supercazzola dell’estetica del matrignato e delle sue deviazioni verso il peccato d’ira, e poi mi stronchi così, col fuoritema?? :-D

  10. 10.

    no, io non ho mai spiato il cellulare del mio compagno. Nemmeno osservato il display. Ho vinto qualche cosa?

Mostra messaggi precedenti

E tu cosa ne pensi?