alla ricerca della felicitàChe la crisi esista o non esista, molte famiglie come la nostra la stanno percependo e anche subendo. E’ stato un anno difficile, molto difficile.
Nel momento in cui, a 30-40 anni, avremmo potuto avere di più, ci siamo trovati ad avere di meno.

 Che voglia di vacanze, dopo un anno estenuante!
Vacanze riposanti, da ricchi, senza pensieri. Di quelle vacanze rigeneranti che poi racconti agli amici per una vita, magari costringendoli anche a guardare milleduecento diapositive della stessa statua, presa da milleduecento angolazioni diverse.

O forse no.
Forse per essere felici una vacanza non è così importante. Forse per essere felici non è così indispensabile fare a gara tra chi fa la crociera più bella o chi fa l’escursione più avventurosa.

Forse per essere felici basta la speranza. L’ottimismo. Sapere che domani qualcosa cambierà, che torneranno quella spensieratezza e leggerezza che ci sono mancate in questo tempo di crisi. Forse per essere felici dobbiamo prima di tutto cambiare: cambiare noi stessi, cambiare le cose, cambiare le prospettive.

La felicità è un lungo e difficile esercizio. Ma è democratica anche in tempo di crisi: è gratis. La felicità è di tutti, e ciascuno, prima o poi, può portarsi a casa il suo pezzettino, custodirlo gelosamente e tenerlo vivo per sempre. Come?
Beh, per ognuno la ricerca della felicità è differente. Per molti sarà una ricerca estenuante, per altri sarà semplice, per alcuni, forse, anche casuale. Ma la felicità esiste e prima o poi arriva, se non si ha il timore di accoglierla a braccia aperte.

Come?
Cambiando: se la vita che facciamo non ci piace, dobbiamo cambiare qualcosa, in questa vita, che ci permetta di essere felici. Il cambiamento è il primo passo di felicità.
Ridendo: mai, mai, mai perdere la capacità di ridere e di fare cose idiote. Non tutto deve avere per forza ‘un senso’, in quello che facciamo. E una risata è molto più rilassante di un urlo a squarciagola.
Perdonandosi: tutti commettiamo degli sbagli. Non importa. Succede e basta, e se non si può rimediare è inutile sprecare la vita a piangerci su, quando si possono compiere altre azioni migliori, altri passi di felicità.
Amandosi: ad un certo punto arriva il momento di volersi bene. Le critiche dei parenti, i giudizi del capo, le intromissioni della suocera, i voltafaccia degli amici… nulla è mai così tragico come può sembrare all’inizio. Bisogna volersi bene e diventare impermeabili ai giudizi gratuiti della gente. Noi siamo alla ricerca della felicità, non di approvazione incondizionata!

E quindi, le vacanze?
No, non mi importa delle vacanze: quest’estate sono impegnata a cercare la mia felicità!
Speriamo che proprio oggi la felicità stia per bussare anche alla vostra porta! Io ve lo auguro di cuore!

Barbara
www.mammafelice.it

16 commenti

L’idea è semplice e, a tutti gli effetti, davvero geniale: munire il “solito” cordless di una funzione “baby monitor”, utile per controllare il riposo del neonato.

Si chiama Gigaset E49ed è il cordless ultra resistente dotato di una funzione di room monitoring che consente di utilizzarlo, appunto, come strumento di controllo. Un solo apparecchio quindi sia per fare e ricevere telefonate che per ascoltare quello che accade nella stanza del proprio bambino quando nell’ora della nanna o quando ci si deve allontanare per qualche tempo.

Si definisce il cordless family-friendly ed è rivestito da un anello di gomma che gli consente di resistere agli urti e alle cadute accidentali, all’ordine del giorno con i più piccoli. Inoltre, resiste allo sporco e all’acqua ed ha una modalità Eco Plus non solo è in grado di contenere i consumi ma garantisce totale assenza di emissioni quando il portatile è in stand-by.

Il prezzo al pubblico è di 89.90 euro: stavate cercando un’idea regalo per una neomamma?

www.smamma.net

Comments Off

Ho letto un articolo uscito qualche giorno fa basato sullo studio di Gordon Flett della York University canadese.

Live ScienceCon lo studio sono state seguite 100 mamme alla loro prima gravidanza per valutare il loro livello di attenzione alla perfezione ed i segnali collegati alla depressione.

E’ emerso che se la mamma percepisce dagli altri un livello alto di attese, ovvero di ciò che gli altri si aspettano da lei, e la mamma è di quelle che “ci tiene” affinchè le cose siano sempre realizzate al meglio, la probabilità che la depressione colpisca diventa molto alta.

Questo perché proprio le mamme che appaiono sicure e tranquille spesso sono semplicemente più in gamba a nascondere una profonda insicurezza e si adattano di meno alle difficoltà post-parto.

Tale situazione è potenzialmente pericolosa essendo più difficile per i familiari individuare i problemi vissuti dalla neo-mamma.

Penso che questa analisi colga nel segno di diversi aspetti veri e importanti come l’indole di ricerca della perfezione da parte delle mamme, gli atteggiamenti che spesso si tengono per proteggersi da critiche o nascondere insicurezze e la profonda solitudine che a volte ne può conseguire.

Che siano neo-mamme o meno il messaggio è: facciamo emergere le nostre difficoltà, dubbi o insicurezze verso noi stesse e gli altri!

Non esiste la donna e mamma perfetta, dobbiamo esserne consapevoli e non ricercare a tutti i costi i modelli di perfezione che ci siamo costruite mentalmente.

Cerchiamo il supporto dei nostri familiari e soprattutto del nostro compagno o marito, spogliandoci della profonda convinzione che “come lo faccio io… lui non lo saprà mai fare” e cedendo “fette di potere” nella gestione familiare.

Che ne pensate? Siete disposte a farlo, già lo fate o lo fareste ma non avete supporto in tal senso?

 

Maria Cimarelli

Working Mothers Italy

Logo di LiveScience

Comments Off

cucina per bambiniTocca un po’ a tutti: certe volte i bimbi diventano inappetenti e si rifiutano di mangiare. A volte sono semplicemente testardi, a volte hanno semplicemente caldo, o sono annoiati, o hanno brevi malattie che li rendono inappetenti…se si tratta di problemi passeggeri, si possono trovare soluzioni antistress per tutta la famiglia.

Personalmente, non amo portare i giochi a tavola per distrarre i bambini: credo che il momento del pranzo debba essere ‘cosciente’, e debba rappresentare un momento familiare, di socialità e chiacchiere. Un momento conviviale da vivere con gioia, senza distrarre i bambini con aeroplanini, canzoncine e Teletubbies, pur di fargli ingurgitare qualcosa.
Ma questo è un esercizio lungo e con molti ostacoli, che non sempre dà risultati in poco tempo: fa parte infatti di un’educazione alimentare più ampia che, col tempo, dobbiamo insegnare ai nostri bambini.

Ma se è vero che non si gioca a tavola, non è detto che la tavola non possa diventare un gioco. Per esempio coinvolgendo i bimbi nella preparazione dei cibi (facendosi una ragione dei pasticci che combineranno in cucina) e anche dando ai cibi un aspetto esteticamente migliore, nella composizione, nella scelta dei colori, nel proporre il piatto. Che tristezza il solito piattino di riso! Perché non trasformare quello stesso riso in un bel sole, come fa Natalia su Tempo di Cottura ?  La fantasia non mancherà né a noi, né ai nostri bimbi. E magari mangiare un pesciolino a forma di pesce sarà più divertente che mangiare un filetto di merluzzo anonimo e bianchiccio. Su questo blog trovate tantissime idee divertenti per rallegrare la tavola, proponendo sempre cibi sani e con tante verdure.

Sono bimbi, ma anche per loro il gusto estetico è importante.
Anche l’occhio piccino, vuole la sua parte! ;)

Barbara
www.mammafelice.it

3 commenti

LeggiLibroIl piacere della lettura con i bambini, si sa, non ha prezzo. Tuttavia, ci sono dei momenti in cui è fondamentale riuscire a impegnarli in un’attività autonoma per cucinare, sbrigare qualche faccenda o scrivere qualche post ;) Necessità che spesso aumenta nei mesi estivi quando i bambini non sono impegnati in attività scolastiche. Necessità che spesso viene “risolta” con un dvd o qualche trasmissione televisiva.

Se siete in cerca di alternative alla tv, fosse anche solo per il desiderio di variare le abitudini dei vostri figli, vi segnalo il Leggi Libro Disney. Si tratta di una “console elettronica” che permette al bambino di sfogliare le pagine di un libro e di ascoltare la lettura della storia.

Un po’ quello che già si faceva negli Anni Settanta ma senza la necessità di portarsi dietro il famoso “mangiadischi”. Compatto e funzionale, il Leggi Libro permette al bambino di seguire il racconto dei più famosi classici Disney in maniera indipendente, semplicemente girando la pagina al momento indicato da un suono preciso.

Il Leggi Libro si acquista completo di una cartuccia sonora e di un libro a un prezzo di circa 29.90. Le storie si possono acquistare poi singolarmente , con un costo di circa 14.90 euro (ma cercate bene, spesso di trovano in offerta a meno anche on line). Last but not least, esiste una serie di storie/cartucce sonore per Leggi Libro in inglese , edizioni adattate allo strumento del “celebre” corso firmato Disney Magic English.

L’età indicata è dai quattro anni in su, anche perché le pagine degli album sono piuttosto delicate. Mai quanto un iPad però ;)

www.smamma.net

2 commenti

centro botanicoLe discipline olistiche (o bionaturali) ben si accostano ad un evento naturale come è la gravidanza, e poi il parto: lo Shatzu,la reflessologia e anche il Rieki possono aiutare a mettersi in contatto con il proprio corpo e quindi vivere con più serenità e appunto “naturalezza” i 9 mesi.

Al Centro Botanico di Milano organizzano, per questo Sabato, una speciale lezione di Reiki per le future mamme.

Reiki indica l’energia vitale universale ed è un antico e semplice metodo di ricarica energetica personale, tramite il tocco delle mani.

L’autotrattamento Reiki potenzia e armonizza la circolazione energetica nel corpo, sviluppando un rilassamento profondo e stimolando i naturali processi di funzionamento del nostro organismo.

Imparare a ricaricare il proprio corpo con energia nuova produce armonia, voglia di fare, gioia, vitalità e salute.

L’obiettivo è di incrementare il livello di energia del corpo per facilitare e migliorare il naturale svolgimento della vita quotidiana durante i mesi di gravidanza.

Le future mamme imparano a mantenere alto il loro livello energetico e di conseguenza tutto il ritmo familiare e sociale ne trae un gran beneficio.

L’appuntamento per sabato 17 dalle ore 10:00, presso il Centro Botanico di via Cesare Correnti 10 a Milano.
La lezione è gratuita e durerà massimo un’ora e potranno partecipare anche i papà.

Comments Off

zebukQuest’estate la creatività non va in vacanza: vi propongo infatti di giocare con noi ad un Contest estivo molto divertente e creativo, che si chiama Felici di creare, Felici di leggere.

Si tratta di un contest dedicato ai ragazzi da 0 a 14 anni di età, che possono  vincere decine di libri per ragazzi, inviando i loro disegni, temi, poesie e filastrocche, al sito di Zebuk .
La partecipazione è libera e gratuita, e ciascun ragazzo può inviare liberamente la creazione che più lo rappresenta, fosse anche un tema scolastico scritto quest’anno a scuola e piaciuto molto ai professori.

I ragazzi verranno suddivisi in 3 categorie, per età, e si ‘sfideranno’ a colpi di disegni, poesie, filastrocche, temi o racconti:
0-5 anni = nido e scuola dell’infanzia
6-10 anni = scuole elementari
11- 14 anni = scuole medie

Partecipare è semplicissimo: collegatevi a Zebuk e leggete il regolamento. C’è tutta l’estate per spedire il proprio disegno o la propria storia, e vincere tanti bellissimi libri.
La giuria che voterà i componimenti sarà formata da alcune blogger scelte tra autrici di libri per ragazzi, disegnatrici, scrittrici…

Ci divertiremo insieme a creare e a leggere. E ci terremo compagnia durante l’estate!

Barbara Mammafelice
per zebuk.it

Comments Off

Il Mercatino va in Vacanza!

Si parla di: mamme e lavoro

 ….caldissimo…afa…. qui a Roma sembra di essere finiti in un forno in piena attività. Immagino sia la stessa cosa.. un pò ovunque.
Noi “mercatine”, tre in tutto (Arianna, Federica e Valentina), avremo il nostro bel daffare con i 5 figli in totale. Siamo abituate a passare molto tempo insieme noi tre e ci confrontiamo molto spesso sulla gestione dei piccoletti.
Ognuna di noi ha un modo e uno stile completamente diverso di vivere la vita, il lavoro e la famiglia.C’è chi non lavora fuori di casa e riesce quindi con più semplicità a gestire la fine delle scuole e le vacanze dei bambini.
C’è chi lavora in ufficio mezza giornata e dovrà dividersi tra gli impegni professionali e quelli personali magari facendosi aiutare dai nonni e raccogliendo e sommando tutte le ore di ferie e permessi accumulate si vivrà le meritate vacanze estive.
C’è poi chi, come me che scrivo il post, il lavoro lo ha appena perso e ora di tempo a disposizione ne avrà parecchie. Passare da un full time professionale ad un full time familiare è stato più semplice di quello che pensavo. Tra le altre cose, poi, ho il vantaggio che essendo estate la mia nanetta quest’anno me la godrò per davvero!  
Il bicchiere, insomma, è sempre mezzo pieno! :-)
Iniziamo con un bel pò di mare che facciamo tutte insieme con i bimbi, poi le nostre strade si divideranno. Ognuna di noi girerà le case di famiglia sparse in Italia..andrà a trovare parenti, amici e tornerà alla base tra un’ escursione e un’altra.
Ci ritroveremo in città a Settembre, pronte per un nuovo anno scolastico, pronte per mandare avanti i  nostri post, i progetti, il lavoro, la casa. Le vacanze passeranno in un soffio lasciandoci molti ricordi e uno scatolone di fotografie.
Magari non saremo proprio riposate… quando hai dei figli non stacchi veramente mai la spina..: pappe, capricci e sonnellini non vanno mai in vacanza… ma che soddisfazione però poter vedere il mondo attraverso lo sguardo felice di queste piccole pesti  ;)
Perciò BUONE VACANZE A TUTTI VOI!

www.mercatinodeipiccoli.com

Comments Off

3

In città con i bambini

Si parla di: eventi per i bambini

time4kidsLa città, in estate, sa essere affascinante e divertente. Certo, meglio sarebbe andare in Crociera sul Mar Mediterraneo, oppure in un albergo 5 stelle serviti e riveriti… ma chi non può permettersi le vacanze, non deve proprio scoraggiarsi. In città, in estate, si possono fare molte cose divertenti!

Se non avete figli, non c’è bisogno nemmeno di consigli: fate le ore piccole, bevete molto e alzatevi tardissimo. Et voilà.
Se avete figli, invece, vi toccherà bere meno e organizzarvi meglio, ma il divertimento è dietro l’angolo e alla portata di tutti.

Consultate i siti cittadini dedicati ai bambini: sul network Time4Kids , ad esempio,  avete tutta la scelta che volete: musei, centri estivi, cinema, manifestazioni per bambini, eventi gratuiti organizzati dal Comune…
Approfittatene inoltre per scoprire i paesini e le campagne vicino alla vostra città: potete organizzare gite di un giorno alla ricerca di avventure. Grandi camminate, musei, picnic, e magari una piccola piscinetta con dell’acqua con cui giocare, se avete la fortuna di avere un giardino. Più state fuori casa, meno dovrete pulire a casa.
E se il momento dei pasti vi assilla, nessun problema: spegnete i fornelli e proponete solo piatti freddi, frutta e gelati. Non c’è momento migliore dell’estate per mettersi a dieta!

Barbara
www.mammafelice.it

3 commenti

The iPhone Mom

Si parla di: internet per mamme

iphonemom.jpgLe applicazioni per iPhone dedicate alle mamme o pensate per i bambini si moltiplicano. Come fare per non perdere nemmeno un’apps di quelle che cambiano la vita? Seguite The iPhone Mom , mamma blogger che sul suo sito recensisce quasi quotidianamente giochi e utilities disponibili sull’Apple Store .

Una mamma tecnicamente “consapevole” (è su Facebook, ha un blog, usa iPhone) ma che mette nelle sue reviews il suo sguardo di mamma prima di tutto. Quel che lei fa, secondo quanto dichiara, è di andare a spulciare in quell’immensa scatola di cioccolatini che è il negozio online della Apple per scovare le applicazioni nascoste, a cui spesso non si arriva mai in un giro “superficiale”.

Spesso, sono gli stessi programmatori a inviarle direttamente la segnalazione di un nuovo rilascio, riconoscendo la qualità del lavoro di recensione che ha intrapreso. Pratiche e squisitamente soggettive le sue segnalazioni sono esattamente quello che promettono di essere, rapprensentano perfettamente il suo intento: I review iPhone apps for moms.

Inutile perdere tempo altrove, aggiungete questo indirizzo alle fonti che consultate e approfittate delle segnalazioni per crearvi una library perfetta per voi. E, come dice The iPhone Mom, se poi invece è una scusa per trattenervi al computer quella che vi serve, continuate pure a surfare in cerca delle applicazioni che fanno per voi ;)

www.smamma.net

Comments Off

La notte rosa dei bambiniLa Notte Rosa è un evento che coinvolge tutta la riviera romagnola, ogni anno,ed è proprio questo weekend: ogni località, dalle Valli di Comacchio a Cattolica, interpreta il tema in modo creativo e originale per regalare al pubblico una notte di intense emozioni.

La Notte Rosa è il Capodanno dell’estate in Riviera. E’ una notte unica, irripetibile altrove: 110 km di costa con oltre 300 spettacoli, concerti, performance, appening, installazioni, fuochi d’artificio, musica, luci, scenografie, sport e solidarietà.

Nella Notte Rosa tutti sono protagonisti, anche i bambini!

Proprio questa sera verrà infatti dedicata ai più piccoli, nella località di Bellaria e Igea Marina: le città diventeranno un allegro paese dei balocchi con ludobus, spettacoli e occasioni di divertimento fino a tarda notte.

Tantissimi gli eventi organizzati: spettacoli di burattini e illusionismo, animazione, musica, corso di addestramento con i pompieri, favole, teatri e concerti!

E per tutto il weekend la festa non si ferma, per bambini e genitori!

Per maggiori informazioni: La notte rosa dei bambini

Comments Off