E’ dedicata al mondo dei bambini la nuova community lanciata da United Colors of Benetton e raggiungibile all’indirizzo kids.benetton.com. Uno spazio aperto, internazionale, in cui coltivare la libertà di esprimersi e il gioco in un contesto sicuro.

Nella Benetton Kids Community i bambini possono condividere le proprie foto preferite e i loro disegni, giocare, leggere, esprimere la loro creatività anche in cucina con le ricette biologiche da cucinare con mamma e papà.

Perché uno spazio sicuro? Rivolto a bambini fino a 12 anni, prevede che siano i genitori a registrarsi, compilando l’apposita form o con la Facebook login. Un modo sicuro per avvicinarsi alla Rete, tappa obbligata per tutti i nostri “nativi digitali”, e allo stesso tempo la garanzia per i genitori di poter monitorare l’esperienza su Internet dei propri figli, o, ancora meglio, di condividerla con loro.

Quali contenuti disponibili? Si passa dai disegni da colorare, alle ricette biologiche da preparare e gustare coi genitori, fino ai giochi online per mettere alla prova memoria e intuito – come Memory, Puzzle, Trova le differenze. E poi ancora wallpaper da scaricare, cornici divertenti per decorare foto, fiabe e racconti. Molti dei contenuti presenti, inoltre, sono originali e frutto della collaborazione con importanti case editrici e di animazione per bambini, a ulteriore garanzia di qualità.

Un progetto da scoprire insieme ai propri bambini, per avvicinarli al bello che la Rete può offrire e, perché no, divertendosi insieme. La community, infine, ospiterà anche la seconda edizione del casting online per bambini, I’m unique The next generation 2012, per trovare i protagonisti della prossima campgana pubblicitaria. Si comincia domani, 18 maggio, stay tuned

Smamma

Comments Off

Domenica è la Festa della Mamma e quest’anno abbiamo organizzato un’iniziativa speciale perché il messaggio d’augurio nascesse e crescesse prima in Rete e poi in libreria, con il libro “La mamma è sempre la mamma“.

Ma non siamo i soli, ça va sans dire, ad aver pensato a un omaggio speciale a tutte le mamme per il 13 maggio e di alcune iniziative si è parlato molto. Una, ad esempio, riguarda Procter & Gamble che proprio per la Festa della Mamma ha prodotto un video che è girato di profilo in profilo. Il regista è Alejandro Gonzalez Inarritu, quello di 21 grammi, Babel e Amores Perros, per intenderci e quindi uno che sa decisamente come creare emozione con le immagini. Provate voi stesse a guardarlo senza commuovervi qui.

Non sarebbe bello poter regalare un messaggio così a ogni mamma? Certo, improvvisarsi registi non è così semplice ma magari cantanti… Nell’ambito delle iniziative pensate per la Festa della Mamma, infatti, è partita su Facebook l’iniziativa “Mamma, che concerto!”: un’applicazione per cantare in versione Karaoke e regalare alla propria mamma una videodedica unica e personale, intonando per lei “Viva la mamma” di Edoardo Bennato, canzone scelta dai fan di P&G nel sondaggio sanremese “Mamma, che canzone”.

Cosa dite? Ce la potete fare? Tutti quelli che contribuiranno parteciperanno al concerto digitale in programma proprio il 13 maggio sulla pagina Facebook P&G e sul canale YouTube di P&G. Non vi serviva anche un programma per la giornata?  ;-)

Smamma

1 commento

Siamo partiti proprio da queste pagine, alcune settimane fa, per lanciare l’iniziativa Mamma in sei parole. Un progetto per raccogliere in Rete, sia attraverso la nostra community che su Twitter con l’hashtag #twittamamma, i contributi più autentici e sinceri sulla mamma e sulla maternità.

Dediche, frasi, esclamazioni e tormentoni che rappresentano per ciascuno di noi la mamma, personaggio fondamentale che si celebra proprio il prossimo week end. Tra tutti i contributi pervenuti sono stati scelti, a cura di Daniela Cerrato, quelli più rappresentativi, originali, emozionanti e sono diventati un libro, La Mamma è sempre la Mamma, in libreria proprio in questi giorni e disponibile su BOL con uno sconto del 15 per cento!

Come sapete, la Festa della Mamma cade quest’anno il 13 maggio, non vi resta molto tempo per il regalo! Cosa ne direste di un bel volume dove trovare i commenti di tante persone, tra cui magari “amiche di Rete”? Il gioco suggerito è leggerle ad una ad una con la mamma, potrebbe nascerne un bel momento “da mamma a figlia”.

Se state pensando “A proposito di regali, ma non dovevate regalare due copie?”, vi ricordate bene. Come preannunciato nel nostro post, tra tutti i commenti pervenuti sono stati selezionati due contributi e saranno Elena e Cadia a ricevere in omaggio le copie cartacee.

E adesso correte ad acquistare il libro e a ritrovare vostra mamma nelle “sei parole” più belle della Rete!

Smamma

Comments Off

6

La tua mamma in sei parole

Si parla di: eventi

Continua l’iniziativa lanciata da DonnaModerna.com e Mondadori Libri per una Festa della Mamma… sincera? realistica? priva di luoghi comuni? vissuta in prima persona?…

Scegliete voi quale aggettivo corrisponde meglio al progetto e, già che ci siete, scegliete le sei parole che descrivono la vostra mamma e/o il vostro concetto di maternità per contribuire a  Mamma in sei parole, la form realizzata per raccogliere i vostri pensieri più spontanei.

Tra tutti i contributi pervenuti, 360 saranno selezionati e faranno parte di un libro pubblicato da Mondadori Libri in occasione della Festa della Mamma. Non sarebbe bello esserci?

Non sarebbe anche bellissimo poter regalare alla propria mamma un libro che contiene una citazione personale dedicata a lei? Dopo aver contribuito, potete lasciare un commento sul nostro post precedente per ricevere in regalo una copia cartacea del libro. Volete aumentare le vostre chance? Giveaway collegati a questa iniziativa sono disponibili sui blog e sulle pagine di Bismama, ChiaraConsiglia e Smamma.

Racconta tua mamma in sei parole, un pensiero, un tweet“. Sbirciate i contributi già inseriti e scoprite come le donne (ma anche gli uomini) “riassumono” la loro mamma in sei parole. E se prediligete Twitter, ricordate che l’hashtag di riferimento è #twittamamma.

L’iniziativa continua fino al 15 aprile ma si sa come vanno queste cose, ci si dimentica, passa di mente e poi… Cosa regalerete alla Festa della Mamma? ;-) Pensateci subito, partecipate e… siate sincere ma anche buone ;-)

6 commenti

Coriandoli e cuori di San Valentino scandiscono febbraio e, come tutte le mamme, sarete prese anche voi dall’entusiasmo dei vostri bambini per stelle filanti e dolci golosi. “Come tutte le mamme”. Ma come sono, davvero, le mamme? Come le raccontereste? E, soprattutto, com’è la vostra di mamma?

Per realizzare un ritratto delle mamme, DonnaModerna.com e Mondadori Libri ti invitano a raccontare in sei parole la tua mamma o il tuo concetto di maternità. Una dedica virtuale, un messaggio per dire quello che tante volte sentiamo ma non abbiamo mai il tempo di esprimere.

Sei parole per ricordare e ringraziare oppure per soffermarsi a descrivere quel che l’essere mamma rappresenta per voi. I contributi saranno raccolti attraverso questa form e con l’hashtag #twittamamma su Twitter.

I contenuti più particolari, scelti dalla redazione, saranno raccolti in un libro che Mondadori pubblicherà in occasione della Festa della Mamma. C’è tempo fino al 15 aprile per partecipare e per contribuire con i vostri pensieri a questo progetto collettivo che nasce in Rete per una Festa della Mamma che sia un vero tributo alla maternità, privo di cliché e proprio per questo sincero e autentico.

Registratevi, se ancora non lo siete, compilate la form per lasciare il vostro contributo e poi tornate qui a lasciare il vostro commento a questo post. Perché? Tra tutti i commenti, i due più intriganti riceveranno in regalo una copia del libro.

Vostra mamma in sei parole: ce la farete? Siamo certe di sì :-)

6 commenti

1

Un albero di Natale… è per sempre

Si parla di: eventi

lightreeL’albero di Natale reciso non vi piace? L’idea di quello sintetico non vi convince? Allora provate con questo: è l’albero in polietilene riciclabile al 100% prodotto da Slide, un’azienda di Buccinasco che sta esportando nel mondo i suoi prodotti.

Un albero che non si butta mai via e che può restare anche passate le feste a far parte dell’arredamento di un angolo di casa.

E’ una lampada, si chiama “Light Tree”, si trova in diversi colori, è disegnata da Letizia Censi e si trova nel temporary Store di Slide, da 96 euro in su, a seconda delle dimensioni.

Sì, non si può abbellire con le palline, ma perché non tornare allo stile minimale?

L’ho scoperto a Milano: tre ampie e colorate vetrine affacciate sul grigio e caotico centro storico cittadino, tra le Colonne di San Lorenzo e l’affollata Via Torino, raccontano un Natale fatto di luci e colori, attraverso l’assortimento di prodotti Slide, in vendita a prezzi promozionali.

Oltre all’albero di Natale si trovano anche stelle e palle luminose,  pensata per arredare gli spazi contemporanei, Slidedomestici o pubblici, al chiuso e all’aperto.
La collezione in vendita comprende sedute, tavoli, lampade, vasi e complementi d’arredo in cui la presenza discreta della luce e la vivace scelta dei colori si combinano in maniera forte e distintiva, in grado di creare un’atmosfera suggestiva
Slide è poi un’eccellenza tutta italiana che vanta la collaborazione di designer emergenti come Paola Navone e Karim Rashid, Marcel Wanders, Paola Navone e Marc Sadler.

Dove: il Temporary Store Slide è aperto fino al 24 dicembre (orario: 10-14 e 15-19.30) a Milano in via della Chiusa 3, Zona Colonne di San Lorenzo, nella sede dello showroom milanese dell’azienda.

1 commento

4

Mamme… sotto l’albero!

Si parla di: internet per mamme

Dal blog alla carta, dal web alla libreria, le mamme blogger sono delle antesignane in questo senso. Sarà perché i temi che propongono conquistano? ;-) Se le seguite e le apprezzate in Rete, quale regalo migliore da fare e da farvi in vista del prossimo Natale?

Il cucchiaino di Alice diventa un libro edito da Gallucci. Grafica accattivante e ricette golose per un connubio, quello tra Miralda Colombo e Cecilia Viganò che ha conquistato tante di noi online. Dal primo brodino alle torta di compleanno, una guida passo passo all’alimentazione del tuo bambino nei primi anni di vita, con suggerimenti utili e pagine da tagliare e prsonalizzare. Perché ogni bimbo possa crescere nel segno del suo, personalissimo, cucchiaino.

Da uno dei baby food blog più famosi d’Italia a una delle food blogger più note in Rete, Ilaria Mazzarotta che, invece, racconta l’avventura della sua gravidanza e della maternità. Due cuori e una culla, Kowalski, tra liste e consigli, è il racconto brioso e divertito dei nove mesi di una donna autoironica che si prepara ad essere mamma e dell’avventura che si intraprende quando il test di gravidanza non lascia dubbi e ci si deve confrontare con un co-protagonista di tutto rispetto il “Convivente”. E se una famiglia è in primo luogo una coppia affiatata, si troverà un accordo su tutto ;-)

La mia mamma sta con me, Il Leone Verde, è invece una guida  per conciliare famiglia e lavoro grazie a Internet che parte dall’esperienza personale di Claudia Porta. Raccontando passo passo il suo percorso ma anche le sue giornate, Claudia offre un utilissimo vademecum per valutare le possibilità effettive di lavorare in modo più flessibile ed eventualmente intraprendere una nuova strada più soddifacente. Dalle liste per obiettivi, ai tips per muoversi su Internet alle interviste a chi, in modo diverso, ha “cambiato vita” un libro perfetto per iniziare il nuovo anno con entusiasmo.

Sono quindici invece le autrici di Hai voluto la carrozzina?, Fabbri, manuale pratico per mamme contemporanee. Una vera e propria chiacchierata tra donne che non hanno niente da insegnare ma tanto da condividere, anche online. Un parto collettivo i cui diritti d’autore sono devoluti in beneficenza. Prefazione di Barbara Sgarzi.

Ho dimenticato qualcuna? Spero proprio di no… Nel caso, segnalatevi :-)

Smamma

4 commenti

Quando andate a Genova? Perché ci andate presto vero? Beh, se siete mamme, quando ci andate, non potrete fare a meno di fare tappa all’Acquario di Genova. Se siete mamme, forse a Genova ci andate proprio per quello :-)

Da pochi giorni è disponibile l’applicazione ufficiale per iPhone, iPod e iPad che renderà la vostra visita all’Acquario “speciale”. Una vera e propria guida audio e video non solo alla struttura ma a tutto il mondo marino. Oltre ad informazioni per organizzare la visita, con orari e prezzi, infatti, vi permetterà di conoscere tutti i segreti delle diverse specie ospitate nelle vasche e di approfondirne la conoscenza grazie a foto e video.

Semplice da consultare e immediata, l’applicazione è suddivisa in quattro sezioni: info, gallery, audio ed extra.

Nella sezione audio sarete guidati da una voce nel corso della vostra visita che vi racconterà tutte le curiosità sulle specie che incontrerete nel percorso. Inoltre, potrete ascoltare i suoni del mare e quelli degli animali presenti.

Con gli Extra, potrete invece trovare informazioni sulle altre strutture gestite da Costa Edutainment a Genova, come il museo Galata, la “palla” Biosfera, la Città dei bambini e dei ragazzi, e nel resto d’Italia.

L’applicazione costa 2,99 euro ed è disponibile qui. Potete iniziare a usarla adesso così programmate meglio la visita, no? :-)

Smamma

Comments Off

Le “nuove” mamme evolvono e non propongono solo narrazioni ma anche servizi, come abbiamo visto al MomCamp.

Quale servizio è più utile a una mamma di un vero e proprio database di tate da consultare direttamente online?

Dimenticare i biglietti al supermercato, le telefonate sconnesse, i passaparola con le amiche per sapere se “la cugina della tua babysitter che forse tra tre mesi rimane senza lavoro torna nel suo Paese o potrebbe venire da me“… Non sarebbe fantastico?

Oggi è possibile grazie a Oltretata. Di cosa si tratta?

Oltre Tata è il motore di ricerca geolocalizzato che agevola l’incontro tra famiglie ed educatrici atte alla cura e alla formazione dei bambini.

Il motore di ricerca consente di avere facile accesso ad una rete di persone con diverse esperienze e competenze.

Ogni famiglia potrà trovare l’educatrice più vicina e adeguata alle proprie necessità e le educatrici potranno finalmente avere un luogo dove promuovere la propria professionalità potendo farsi conoscere da famiglie che abitano a pochi passi.

Come funziona? Le educatrici si iscrivono gratuitamente e inseriscono i loro dati in una scheda abbastanza articolata da dare un’idea di sé al genitore che sta consultando il suo profilo. In futuro, le educatrici potranno sottoscrivere servizi premium per valorizzarsi. I genitori godono al momento della promozione per il lancio del servizio e possono registrarsi liberamente ma in seguito dovranno sottoscrivere un abbonamento per avere il contatto della tata, babysitter, animatrice o aiuto per i compiti che hanno selezionato. Per fare un esempio, l’abbonamento per un mese costerà 35 euro: un prezzo accessibile se la ricerca ha buon esito.

Oltretata si propone come punto d’incontro tra genitori ed educatrici ma non si occupa di selezionare gli iscritti: il suo ruolo è solo quello di creare un canale privilegiato di interazione tra due realtà che si cercano spesso con fatica. Una fatica non sempre giustificata se si considera che, secondo gli ultimi dati ISTAT, quattro milioni di famiglie italiane con bambini hanno un computer con accesso alla Rete.

Oltretata ci cambierà la vita come CliccaIlPomodoro? Provare per credere.

Smamma

Comments Off

Dopo Reoose, continua il viaggio tra i servizi pensati dalle mamme per le mamme (e i papà e i nonni e gli zii) presentati al MomCamp del mese scorso.

Come recita il comunicato stampa, MumsUp.com nasce dall’esperienza e dall’entusiasmo di due mamme blogger molto conosciute e attive in rete. Jolanda Restano è fondatrice di FattoreMamma e di molti popolari siti per mamme e bambini, tra cui Filastrocche.it e Blogmamma.it. Chiara Cecilia Santamaria è autrice del blog Machedavvero.it, tra i mommyblog più letti in Italia, e del libro ‘Quello che le mamme non dicono’.

Avevano forse bisogno di presentazioni? :-)
Doveroso, invece, raccontare il progetto che si propone come un luogo virtuale in cui aggregare in modo organico i consigli su prodotti e servizi che ogni mamma condivide con chi le è vicino.
Quante di voi si sono affidate al suggerimento o alla segnalazione di un’amica nella scelta del passeggino o del biberon? Soprattutto agli inizi, l’opinione di altre mamme è un ottimo punto di partenza per costruirsi un proprio giudizio.

MumsUp.com offre alle mamme un posto dove condividere i propri giudizi sui prodotti che hanno scelto, comprato, usato. Recensioni interessate solo a fornire un parere oggettivo a beneficio di altre mamme che si trovassero a dover valutare lo stesso prodotto per l’acquisto.

Su MumsUp.com si incontrano gli utenti che hanno già provato un articolo e vogliono dire la loro, con quelli che vorrebbero provarlo e sono in cerca di opinioni.

Grazie alle recensioni inserite da mamme, papà, nonni, zii il sito diventa quindi anche una guida ai prodotti e ai servizi migliori presenti sul mercato. Come per ogni guida che si rispetti, ogni anno MumsUp.com stilerà una classifica per eleggere i prodotti migliori per ogni categoria, a partire dal giudizio degli utenti.

Avete trovato particolarmente scomodo uno scaldabiberon? Il passeggino che avevate prima era sbilanciato? O viceversa, un tiralatte vi ha salvato l’allattamento? Un marsupio vi ha permesso di riconquistare un po’ di indipendenza?

Registratevi su MumsUp.com e raccontate i prodotti che avete amato e quelli che avete odiato. C’è da scommetterci: qualche mamma, là nella Rete, vi sarà grata per il vostro contributo.

Smamma.net

Comments Off

Vi ho già raccontato di come al MomCamp di quest’anno ci sia stata l’occasione di scoprire tanti nuovi progetti online nati da idee o bisogni delle mamme. Non solo blog, quindi: sono rimasta davvero colpita dalla quantità di servizi presentati, servizi che configurano il web sempre più come un vero e proprio strumento di aiuto alle mamme e, più in generale, ai genitori.

Così ho pensato di raccontarveli a uno a uno. Si comincia con Reoose, il primo eco-store del riutilizzo e del baratto asincrono, dove gli oggetti non si vendono e comprano ma si scambiano per iniziare una seconda, terza, vita.

Come ha raccontato Irina, ideatrice del progetto e mamma di due bambini, “in Italia ben 1,6 miliardi di euro ogni anno vengono spesi in acquisti inutili, che finiscono in cantina o peggio in discarica. Non lo facciamo consapevolmente, me ne sono accorta io stessa qualche tempo fa. Luca ed io avevamo comprato un materasso, ci siamo accorti poi che non faceva al caso nostro e così abbiamo iniziato a chiedere agli amici e poi agli amici degli amici se a loro serviva. Niente. Dopo 3 mesi ci siamo visti costretti a chiamare l’AMSA per farlo portare via”.

Così è nato Reoose, luogo virtuale dove garantire una seconda vita a oggetti che non si usano più e dove le cose valgono per quello che sono. Una borsa è una borsa, non importa se firmata o no.

Come spiega Irina: “Le cose che non usi più possono servire a qualcun’altro. Se hai delle cose che non usi, gli scatti una foto, fai un account gratuito su Reoose e pubblichi l’annuncio con i particolari dell’oggetto. Se qualcuno è interessato ti contatterà e dallo scambio otterrai dei crediti che a tua volta potrai barattare con altri oggetti di altri utenti quando vuoi o donare i tuoi crediti alle Onlus partner. Quante tutine hai che tuo figlio ha messo solo una volta prima che gli andassero troppo strette? E il passeggino è in soffitta? Quanti scaldalatte hai avuto in regalo? Li usi tutti? Perché continuare a comprare cose nuove spendendo denaro quando queste cose sono ancora nuove e ri-utilizzabili?”

Liberarsi delle cose inutilizzate è una necessità per tutte le famiglie. Farlo scegliendo una soluzione green e, volendo, solidale è un’opportunità oggi possibile grazie a Reoose. Scopritela ;-)

Smamma

Comments Off

1

Mom Camp, un giorno non basta

Si parla di: eventi

Sabato 24 settembre è stata una giornata speciale per le mamme blogger riunite al Mom Camp. Una giornata intensa, fatta di grandi entusiasmi raccontati nelle slide e nei sorrisi sinceri nel ritrovare o incontrare per la prima volta quelle amiche “virtuali” sì ma così presenti nelle nostre vite.

La location del Quanta Village si è prestata bene alla mirabile organizzazione di FattoreMamma e Hagakure: sala per il cambio, sala per la nanna, intrattenimento bambini, tanto verde in cui scorazzare… Molto spazio anche per gli stand della diretta di Mamme In Radio e per il tavolo che ospitava i biglietti e i volantini delle mamme presenti e non solo.
Un tavolo che cresce con gli anni, per fortuna :-)

Jolanda ha dettato il tempo con fermezza ma le mamme sono state molto disciplinate. Solo qualche brusio dal fondo della sala lasciava intendere l’incrocio di donne che avevano molte cose da dirsi. Ma tra donne, si sa…
Difficile racchiudere qui le diverse considerazioni suscitate dagli speech, ognuna il suo stile, ognuna il suo progetto, il suo messaggio… Grande entusiasmo per MammaFelice, accolta con una vera e propria ovazione; grandi risate per la verve di Machedavvero che ha raccontato la sua personalissima versione di Fai sta c*zzo di nanna; grande solidarietà per tutte le iniziative sociali, di conciliazione, di scambio e accrescimento, come quella portata da una graffiante Marlene.

Da ricordare anche la frase di Silvia e Silvia di Genitori Crescono “Noi siamo mamme OGM perché siamo mamme che stanno cambiando. Il web è lo strumento per farlo”. La sensazione era in effetti proprio un po’ quella. Donne imperfette, ironiche, consapevoli, disponibili, lucide, intraprendenti, sognatrici, realistiche. La maggior parte con un nick che aveva a che vedere con la parola “mamma” ma nemmeno poi tutte. E come osservava MammaInCorriera, molte indossavano i tacchi :-)

Si respirava una bella aria, sabato al Mom Camp. L’aria di uno spazio per crescere e incontrarsi più che per tirarsela, per intenderci. Sarà così anche il prossimo? Per il momento, ho già letto di qualcuno che proponeva un week end perché una giornata non basta più…

Smamma

1 commento

Lo swap delle mamme nella domenica della Moda

Si parla di: eventi

Avete mai vissuto Milano nei giorni della moda? Città congestionata, gente che corre da un evento all’altro, capannelli di persone appena passa un vip e, diciamocelo, un’invasione di modelle che ti va di traverso la brioche al bar sotto l’ufficio.
Ecco diciamo che la settimana della moda non è esattamente family friendly e forse è anche giusto così. Però, però, però…
Nella settimana dell’Instaglam di Donna Moderna volete che non si sia pensato a qualcosa anche per mamme e bambini?

Venite a trovarci domenica 25 settembre da Sephora, in Corso Vittorio Emanuele 24/28. Dalle 11 alle 18, le mamme potranno scambiare vestiti e accessori nei due corner allestiti appositamente da NewToYou e l’Atelier del riciclo.

Tutine e vestiti per i piccoli di casa ma anche qualcosa di sfizioso e vintage per le mamme ;-)
Portate abiti e accessori che non usate più purché ancora in ottime condizioni. Lo scambio avverrà tramite un valore espresso in stelline ad ogni capo da scambiare.
Non state facendo il cambio dell’armadio? Ci vediamo lì ;-)

Smamma

Comments Off

1

Pronte per il Mom Camp? Via!

Si parla di: eventi

Mom Camp. Due anni fa non si sapeva di cosa si trattasse e oggi le mamme della blogosfera, quelle che hanno investito in un progetto, quelle semplicemente incuriosite, non aspettano altro! E per fortuna il fatidico giorno è arrivato :-)

Così mentre aumenta la lista degli sponsor (bravi!), aumenta anche la lista delle mamme che interverranno a parlare.
La lista si è chiusa con 34 interventi in programma su un tema caro a tutte noi: Il futuro delle mamme online e non solo. C’è chi è più interessato all’”online”, chi al “non solo” ma una cosa è sicura: tutte le donne presenti avranno qualcosa di bello da condividere e da raccontare.

La scaletta è densissima. Ci sarà Jolanda, Mammafelice, GenitoriCrescono, GenitoriChannel, BilinguePerGioco, VivereSemplice, YeniBelqis, TraRockENinneNanne, Maddalena di FarmaciaSerraGenova, Flavia Rubino, MacheDavvero che parlerà anche di pupi e nanna e molti altri ancora. Volete la lista completa? La trovate qui.

Scorrendo la stessa pagina, troverete anche tutte le persone (molte di più) che si sono registrate per partecipare, fare network come si dice adesso, insomma incontrarsi e conoscersi di persona magari dopo tanti commenti, tweet o e-mail. Spulciate bene: magari c’è la vostra blogger preferita oppure qualche mamma che ha realizzato un progetto simile a quello che vorreste realizzare voi (speriamo non proprio lo stesso!)…

E’ bello esserci, per quel riconoscersi in viso dopo essersi già dette tante cose, magari anche molto personali… Ma, ovviamente, non sempre ce la si fa. Magari abitate lontano, magari il sabato lavorate, magari andate alle sfilate di moda, magari siete timide ma incuriosite.
Beh: è la Rete, no?

Se proprio non riuscite a fare nemmeno un salto al Mom Camp, potete seguire la diretta video su BlogMamma o in diretta radio su MammeInRadio. Oppure potete seguire la discussione su Twitter leggendo tutti i commenti che conterranno #momcamp
C’è da scommetterci, se ne leggeranno delle belle ;-)

Ma voi non scommettete: venite se potete!!!
Smamma

Foto | Filastrocche.it

1 commento

I Puffi per iPhone e iPad

Si parla di: giochi per bambini

E’ un gradito ritorno quello che vedrà protagonisti i Puffi, quelli tutti blu alti due mele e poco più, sui grandi schermi a partire dal 16 settembre. Nati quasi per scherzo nel 1958, i Puffi sono i protagonisti di un mondo fantastico che ha saputo incantare più di una generazione, dal fumetto originale all’animazione in 3D.

Un rilancio pieno di effetti speciali per questi simil folletti che parlano un linguaggio tutto loro, già pregustato in America dove, a dir la verità, il film non ha goduto di un pieno successo. Ma la partita è ancora tutta da giocare da noi ;-)

Soprattutto, il ritorno dei Puffi al cinema ha significato un’esplosione di gadget, abbigliamento dedicato, oggettistica come non se ne vedeva dagli anni Ottanta (per chi c’era, ovviamente) e, d’altra parte, un nuovo mondo tutto da esplorare, quello dei nativi digitali appassionati ed esperti di apps e touch.

Ecco allora che, in attesa del film, potete ritrovare Grande Puffo, Puffetta, Gargamella, Birba e tutti gli altri direttamente sul vostro iPhone o sul vostro iPad. Smurfs’ Village è disponibile gratuitamente su iTunes ma prevede delle features aggiuntive da acquistare di volta in volta nel corso del gioco. Anche se è consigliato dai 4 anni, quindi, è bene fare attenzione ;-)

Smamma

Comments Off

2

Settembre, Momcamp!

Si parla di: eventi

Settembre. Fine delle vacanze. Rientro in città. Accenni d’autunno. Back to school. Qualsiasi scusa è buona per tirarsi su. Quest’anno l’occasione ghiotta è offerta dal Momcamp, il barcamp dedicato a tutte le mamme.

L’appuntamento è a Milano, la data il 24 settembre, la location il Quanta Village. Come sempre, il momcamp è un laboratorio in progress, di cui potete seguire l’evoluzione sul sito web o sulla pagina Facebook. Quel che è certo è che sarà pieno di mamme: blogger, imprenditrici, eco, geek, fashionistas, grasse e magre tutte accomunate dal desiderio di incontrarsi, raccontarsi, conoscere altre donne che della maternità hanno fatto un’avventura e non un limite.

Un’altra certezza è che le iscrizioni sono aperte e che potete registrarvi qui. Il tema del momcamp, scelto nelle scorse settimane attraverso un sondaggio, è Il futuro delle mamme online e non solo: se volete dire la vostra e preparare un intervento, seguite le istruzioni e ricordatevi che deve durare al massimo dieci minuti.

E il resto della famiglia? Nessun problema. Il Momcamp del 24 settembre sarà una giornata per tutti. In programma, intrattenimenti e attività anche per bambini e papà. A voi scegliere se portarli o meno ;-)

Smamma

2 commenti

“Un blog che raccoglie dal web, i libri e gli  eBook gratuiti per i bambini, genitori, educatori ed insegnanti”. Una bella idea, non vi pare?

Perfetta per fare scorta virtuale di “materiali” per il tempo libero e anche per trovare contenuti utili a mamma e papà. I libri, tutti rigorosamente in libero download, sono categorizzati sia per fascia d’età che per area d’interessa, in modo da semplificare la navigazione e la scelta di titoli utili.

Bimbook è un progetto nato di recente ma di grande interesse. Per farlo crescere e sostenerlo, segnalate libri disponibili gratuitamente online che conoscete e votate quelli che “testate” per aiutare i futuri utenti a orientarsi.

Per il momento, io mi sono scaricata il quaderno per le osservazioni degli insetti: tanto non facciamo altro, magari diventa un’attività più “strutturata” :-)

Smamma

Comments Off

Il “caso” è nato dai tristi recenti fatti di cronaca che hanno visto protagonisti bambini dimenticati in auto dai genitori. Bambini piccoli, addormentati e genitori sempre di corsa, come tutti noi. Il dibattito che è nato online a riguardo, lungi dall’assumere toni polemici o accusatori, è diventato una vera e propria domanda: “Cosa possono fare le case produttrici di seggiolini per offrire una soluzione?”.

Uno spunto lanciato da Chiara, nota in Rete come MacheDavvero, che ha raccolto i contributi e le opinioni di molte mamme che, diciamocelo, queste tragedie ci lasciano tutti sgomenti. Oggi alle 12.30 Chiara sarà in diretta web per portare questo tema direttamente a un’azienda che produce e commercializza seggiolini auto, la PegPerego. Una tavola rotonda su cui siederanno mamme (oltre a Chiara anche io e Jolanda) e progettisti, uniti nell’intento di cercare una soluzione che tuteli i nostri bambini anche in questo senso.

Un evento che trovo significativo e importante e che mi fa piacere segnalarvi. Certo, io sono presente e conosco bene l’azienda che si propone come interlocutore. C’è di più però io credo: questo mi sembra proprio un caso esemplare di come, anche in Italia, si possa far crescere, grazie all’influenza e agli spunti delle mamme online, un dialogo serio e costruttivo con le aziende. Un dialogo che non sia sempre “unidirezionale” per avere la recensione di un prodotto ma si proponga come momento di confronto e che renda possibile, in futuro, immaginare delle soluzioni nate davvero dalle esigenze delle mamme e, più in generale, dei genitori.

La diretta web è alle 12.30 sul blog di PegPerego. Spero di avere occasione di segnalarvi in futuro iniziative analoghe.

Smamma

Comments Off

1

Timbuktu Magazine

Si parla di: giochi per bambini

Ne ha parlato Mashable, ne ha parlato Wired: è Timbuktu, il primo iPad magazine per i più piccoli. In inglese ma made in Italy, gratuito ma di altissima qualità, uno strumento prezioso per scatenare l’immaginazione dei bambini e per far “toccare con mano” tutte le potenzialità espressive ed educative di un iPad.

Perché, diciamocelo: un conto è tradurre un contenuto e adattarlo a un nuovo device, un conto è progettare qualcosa di nuovo pensato proprio per esaltarne le possibilità. E chiunque abbia visto un bambino maneggiare un iPad se ne rende perfettamente conto.

Ideato e curato da un team tutto femminile (Elena Favilli, Ollimpia Zagnoli, Francesca Cavallo), Timbuktu propone un modo nuovo di fare informazione per i più piccoli, sia sfruttando la ricettività dei nativi digitali che proponendo una grafica di carattere e spunti di approfondimento originali. “Perché ai bambini non interessano solo draghi e principesse”.

Un prodotto pensato per coltivare la curiosità e l’immaginazione, proprio a partire da Timbuktu, da sempre sinonimo di esotismo, viaggio, scoperta. Un prodotto di grande qualità, realizzato da un team di professionisti, già vincitore di premi e di riconoscimenti dai “guru” di settore.

Ma se questo non vi bastasse mettetela così: è gratis, il tempo è ballerino, le scuole stanno finendo. Non indugiate oltre e scaricatelo qui.

Smamma

1 commento

Le applicazioni dedicate ai bambini per iPhone e iPad sono molte, ormai lo sapete ;-) Oggi sono contenta, invece, di segnalarvi un’applicazione educativa per Android, tanto per bilanciare un po’.


Sviluppata con il supporto di educatori e psicologi, Farm Animals For Kids si propone di accompagnare i bambini di età prescolare nella conoscenza degli animali della fattoria.

Tra le varie attività proposte, l’ascolto in più lingue delle descrizioni di quindici animali della fattoria, filastrocche in italiano, i versi degli animali stessi, ricerca e riconoscimento di un animale in mezzo agli altri, confronto tra immagini reali degli animali e illustrazione degli stessi. Non poteva mancare la possibilità di colorare gli animali della fattoria con una sorpresa in più: se il bambino colora in maniera corretta può ascoltare il verso dell’animale stesso.

Quali sono le abilità cognitive interessate? Pensiero logico, linguaggio e comunicazione, memoria ed attenzione, conoscenza dell’ambiente, creatività ed immaginazione. Un dettaglio importante da sottolineare perché spesso si dimentica che, sebbene pensati per device di vario genere, i giochi educativi si limitano a traslare in un linguaggio innovativo e amplificato esercizi precedentemente proposti in altro modo. Non parliamo di videogiochi, insomma. E in ogni caso, Wemotic che ha lanciato la linea educHappy di cui fa parte anche Farm Animals For Kids, ha previsto un timer per tenere sotto controllo il tempo di utilizzo e ha inserito una serie di suggerimenti, giochi e spunti per proseguire l’esperienza “dal vivo”, in casa o all’aperto.

Potete farvi un’idea con la versione free oppure scegliere direttamente la versione completa al costo di 1.49 euro.
Inutile resistere dal momento “nella vecchia fattoria” in qualche modo bisogna pur passare ;-)

Smamma.net

Comments Off