Editrice Set presenta www.food-in.it: il nuovo sito dedicato al gusto.
Tutte le novità in ambito culinario, le ricette, i segreti dei grandi chef, l’alimentazione e le proprietà dei cibi. Con tre sezioni
ricche di video, ricette ed eventi dedicati al mondo del sapore.
Navigando tra immagini colorate e sinestetiche, scoprirete tutto su Lorenzo Branchetti che, con video, immagini e post giornalieri dal suo blog, ci accompagna tra le pagine di food-in.

Un portale ricco di informazioni e curiosità di ogni genere, con la sezione speciale Piccoli Gusti dedicata ai bambini e all’importanza dell’alimentazione per crescere sani e forti, con consigli utili per i genitori.
Grazie alla collaborazione con blogger, nutrizionisti, esperti di cucina, appassionati e vip, il sito offre una panoramica completa sulla dimensione del sapore.
Segui Food-In anche su Facebook, per te tanti contenuti extra, news e fotografie. Metti mi piace!

Per informazioni info@eventiset.it

ChiaraConsiglia

3 commenti

Proprio così, come leggete nel titolo. Abbiamo trovato un prodotto di quelli che noi del Mercatino dei Piccoli tanto amiamo perchè sono di design e utili allo stesso tempo.
Stiamo parlando, in questo caso, di Minui HandySitt , un prodotto multifunzionale che è stato progettato in scandinavia, allo scopo di facilitare la vita di una famiglia, sia in casa che fuori.
Si perchè questo oggetto non si trasforma solo per essere utilizzato in vari modi dal bambino, ma può essere di grande utilità anche per i genitori. Vediamo come…
Per i bambini più piccoli può essere utilizzato come seggiolone, ma appena crescono un po’ ecco che diventa un’alzasedia. Un altro po’ di crescita e voilà uno sgabello, fino a trasformarsi anche in una scaletta per i genitori.
Ma non è finita qui perchè è dotato di una comoda sacchetta dove può essere facilmente riposto per essere portato in viaggio, al ristorante o a casa della nonna.
Ma le parole servono a poco: guardate questo video per capire meglio come Minui HandySitt sia versatile e facile da trasformare in pochi gesti. Un oggetto intelligente che per la sua multifunzionalità può essere utilizzato per moltissimi anni.
Per la vendita in Italia, ma anche in un qualunque altro posto del mondo. potete visitare questa pagina

Mercatino dei Piccoli

Comments Off

Ricordate il cubo di Rubik? Sono sicura di sì. Uno dei pochissimi giochi che non sono mai riuscita a risolvere, nonostante penso di aver passato ore e ore a cercare di fare tutte le facce dello stesso colore. Ma poi mi rimanevano sempre quei due o tre quadratini che stonavano e per metterli a posto smontavo tutto da capo….mi perdevo e alla fine  rinunciavo.
Poi c’erano quelli “i furbi” che staccavano gli adesivi e li riattaccavano al posto giusto per far vedere che avevano risolto l’impossibile gioco. Ve li ricordate?
Che ci siate riusciti, che ci abbiate rinunciato o che abbiate barato, il cubo di Rubik rimane un gioco storico, che andava di moda 40 anni fa ma che ancora oggi si trova in tutti i negozi di giocattoli.
Su quest’onda nostalgica di un gioco evergreen, mi sono imbattuta in rete in questa simpaticissima tazza, fortunatamente già risolta :D
Nessun grattacapo, nessuna soluzione, nessuna ora impiegata ad arrovellarsi il cervello per risolvere il gioco delle facce….solo un buon cappuccino o del latte da versare dentro.
Trovo che sia un bel regalo per un bambino, ma temo che sia così carino, da finire nelle mani dei genitori :D
Se l’articolo vi interessa potete prenotarlo qui (perchè in questo momento è terminato) per £ 8,99 + spese di spedizione, che vi verranno calcolate al momento dell’acquisto.

www.mercatinodeipiccoli.com

Comments Off

Diminuire le proteine (almeno quelle della fettina e dintorni) e puntare al piatto unico (che oltre ad essere consigliato per motivi di peso e salute e’ un grande alleato quando si va veloci in cucina). Ho letto entrambe le notizie in questi giorni e sono stata soddisfatta di vedere due quasi comandamenti miei supportati dalla scienza.
Lo so, in molti si preoccupano ancora che le proteine non siano abbastanza, tanto che persino all’asilo o a scuola l’apporto e’ sempre notevole nel menu’.
Eppure la stessa Societa’ italiana di Pediatria ha ribadito oggi che gli stili di vita vanno rivisti e che l’eccesso di proteine animali può causare un eccesso di peso futuro.
E quindi? Cerchiamo nel caso di modificare le nostre abitudini, proponendo la carne un paio di volte la settimana e alternando con legumi (che in abbinamento ai cereali offrono una co vi azione di alto valore biologico di proteine vegetali), pesce, formaggi e tanta frutta e verdura.
E il piatto unico? Avete mai sperimentato i piselli freschi, appena sgranati, cotti poco, poco, frullati con un cucchiaio di acqua di cottura e serviti con una pastina baby e un cucchiaio di ricotta fresca?
Formato 10 mesi.
Ingredienti: 40 gr di piselli freschi bolliti o cotti al vapore, 40 gr di ditalini baby, 1 cucchiaino di olio extravergine, 1 cucchiaio di ricotta.

Il cucchiaino

1 commento

Ovvero polpettine colorate e moooolto saporite!

Sapete che amo proporvi delle alternative alle solite pappette tristine e monocolor e questa settimana la ricetta non è da meno!

Queste polpettine mediorentali sono piccole pallette di carne di vitello e tacchino macintata due volte e insaporite da due semplici spezie: zenzero in polvere e scorzetta di limone!

Fresche e leggere queste polpettine possono essere accompagnate da un purèe di patate o da del riso pilaw (di cui abbiamo già parlato qui) come ho fatto io!

Ingredienti (per 3-4 porzioni)

100 g carne di vitello macinata

130 g carne di tacchino macinata

Scorza di ½ limone (biologico)

La punta di un cucchiaino di zenzero in polvere

Sale q.b.

2 cucchiai di olio evo

Riso pilaw

-fatevi macinare le due carni due volte dal macellaio; riunitele in una terrina e aggiungetevi lo zenzero in polvere e la scorza di limone; regolate di sale e aggiungete un cucchiaio di olio; impastate molto bene a mano e lavorate il composto in modo da ammorbidire le carni;

-formate delle polpettine  grandi come una nocciola e trasferitele mano a mano che sono pronte in una pirofila da forno unta con il restante olio;

-fate cuocere le polpettine in forno caldo a 190° fino a che siano ben cotte ma tenere all’interno; aggiungete eventualmente poco brodo vegetale caldo in modo da tenerle tenere.

-preparate il riso pilaw e servitelo con le polpettine.

-Potete prepararne in anticipo e congelare le polpettine già porzionate in sacchetti, prima di cuocerle, oppure potete formare le polpettine per il vostro bimbo e poi aggiungere all’impasto un pochino di curry o curcuma e cuocere le altre polpette in padella per voi genitori!

Shake&Bake

2 commenti

Fra qualche ora cucinerò con 14 bambini (e sto ancora tentando di capire se ce la farò:-)): l‘idea è di consentire loro di mettere le mani in pasta. Perché i più piccoli adorano mescolare acqua, farina e poco altro, stendere con mattarello e spiattellare le focaccine fra le mani. Se poi sul piano di lavoro aggiungete erbe aromatiche di stagione, qualche pomodorino ed eventuali bocconcini di mozzarella diventa un gioco di scoperta.

Non ci sono grosse difficoltà nel ripetere l’esperienza a casa col proprio figlio con tutta una serie di vantaggi: si condivide del tempo insieme, si educa il piccolo alla conoscenza di ingredienti e profumi, si soddisfa il suo desiderio di mangiare qualcosa che lui stesso ha preparato e lo si stupisce con la lievitazione.
Limiti di età? Dai 24 mesi non è difficile preparare le focaccine insieme, dubbi? Provateci e raccontate:-).
Ingredienti (per 20 focaccine circa)
300 gr di farina manitoba
100 gr di farina 00
1 bustina di lievito di birra
1 patata bollita e schiacciata
sale, zucchero, olio, acqua
rosmarino, pomodorino, crescenza o mozzarelle per farcire

Procedimento
Sciogliete il lievito in poca acqua tiepida e un cucchiaino di zucchero. Mescolate le farine, unite il lievito, 3 cucchiai scarsi di olio extravergine d’oliva, la patata schiacciata e circa 200 ml di acqua poco salata. Dovete ottenere un impasto morbido che farete lievitare per 2-3 ore in luogo tiepido. Ricavate tante piccole palle da dare al bambino perché stenda e ritagli le sue focaccine, magari con stampini delle forme più strane. Preparate una salamoia di due parti di olio, una di acqua, aggiungete sale grosso ed eventuali aghetti di rosmarino. E ora via con la pressione del pollice nel mezzo (di sicuro i più piccoli si appassioneranno) e il condimento di salamoia. Infornate a 210° per 10-15 minuti.

Il Cucchiaino

2 commenti

La notizia è di questi giorni, rimbalzata da un quotidiano all’altro, visto che a dirlo è stato il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, durante una sessione parlamentare. Vi pare impossibile? No, perché si parlava di obesità infantile e dei dati in continua crescita e il biberon sarebbe uno dei colpevoli della tendenza.
Compariva, infatti, nel decalogo delle buone abitudini stilato mesi fa dalla Sip (Società Italiana di Pediatria) e accolto a livello nazionale con la campagna “Mi voglio bene” (ne abbiamo parlato anche su mommypride qui).

Il biberon sarebbe difatti un alleato di bevande dolci e succhi di frutta (da limitare il più possibile perché ricchi di zucchero e da sostituire, quando possibile, con frullati di frutta 100% e acqua) e contribuirebbe ad alzare il rischio di sovrappeso futuro.

Voi che pensate?
In realtà io credo che vietare in maniera drastica sia un errore: c’è da considerare la frequenza d’uso, il contenuto, le abitudini del bambino. Naturalmente è cosa buona e giusta cercare di abituare nostro figlio all’utilizzo di tazza e bicchiere: dalla colazione alla merenda personalmente ho cominciato molto presto e ho fin da subito bandito la possibilità di usare il biberon come un porta-pappa (col cucchiaino è difficile mangiare? certo che sì, il pupo ha bisogno di tempo per imparare visto che ha passato gli ultimi sei mesi a ciucciare da voi o dal biberon).
Però ammetto che il biberon in poche eccezioni è rimasto, oggi gli anni sono 3, una consolazione a cui ricorrere qualche volta per la tisana della sera. E in questo senso non credo proprio sia un pericolo:-).

E il resto del dacalogo? Eccolo: dieci regole di buon senso.

Il Cucchiaino

1) Allattamento esclusivo al seno fino a sei mesi
2) Svezzamento dopo i 6 mesi
3) Nell’alimentazione meno carne e più legumi
4) No a succhi di frutta, tisane, tè e soft drink in generale
5) Stop ai biberon a 24 mesi
6) No al passeggino dopo i tre anni: i bambini devono camminare a piedi
7) Tenere sotto controllo il peso dei piccoli
8 ) Tv e giochi sedentari dolo dopo i due anni e al massimo per 8 ore alla settimana
9) Sì al movimento
10) Porzioni di cibo corrette per l’età prescolare

5 commenti

Deve essere l’aria da prima uscita quasi estiva in riva al mare: la cucina si è adattata sotto forma di ricette da pic-nic e primi piatti dal sapore fresco. Come nel caso delle stelline (ma potete anche scegliere altro formato a seconda dei mesi del bambino) al ragù bianco a base di pesce.

Variate il tipo di verdura (zucchine piuttosto che pomodoro o piselli e carote) e naturalmente il tipo di pesce: filetti di branzino o orata, bocconcini di pescatrice o merluzzo oppure sogliola a striscioline.

Per l’introduzione del pesce aspettate l’ottavo-nono mese.

piesse: se cambiate formato, triplicate le quantità, profumate con zenzero o altre spezie la ricetta fa “da pappa” anche per mamma&papà.

Ingredienti

30 gr di pesce bianco (ad esempio pescatrice)

1 zucchina

qualche fettina di cipollotto

timo (se lo avete limonato)

olio extravergine d’oliva

40 gr di stelline baby

Procedimento

Tagliate il filetto di pescatrice a cubetti, lavate e affettate la zucchina a julienne (a striscioline sottilissime), fate stufare il cipollotto con un cucchiaino di olio, aggiungete la zucchina e qualche cucchiaio di acqua tiepida. Lasciate cuocere fino a quando la zucchina  risulta morbida, a questo punto aggiungete il pesce a cubetti. Bollite la pasta, e unite al condimento (passatelo se il bambino non mastica ancora).

Il Cucchiaino

Comments Off

Ecco un prodotto semplice e geniale che ci tenevo a presentarvi.
Di solito noi del Mercatino dei Piccoli vi segnaliamo solo oggetti particolari, di design e magari in edizione limitata.
Oggi farò un’eccezione, perchè questo prodotto è della Chicco, ma merita comunque di essere presentato.
Si tratta di Chicco 360° Table Set un seggiolino da tavolo, che come tutti gli altri si aggancia ad ogni tipo di tavolo grazie a due ganci regolabili, ma che, a differenza di tutti gli altri, è in grado di ruotare di 360°.
A che serve la rotazione?
Bhè se avete bambini in età da pappa nel seggiolone lo potete immaginare facilmente.
Avete presente quelle classiche scene che si presentano al momento della pappa?
1- La mamma cucina e il bambino  è di spalle e piagnucola per attirare l’attenzione o per guardare la mamma
2- La mamma è indaffarata in cucina e il bambino, tanto per passare il tempo, inizia a buttare a terra il piatto, il bicchiere, le posate e tutto quello che trova sul tavolo
3- La peggiore delle ipotesi: la pappa è pronta ed è già sul tavolo, nel suo bel piattino. A metà pasto la mamma si alza perchè ha scordato magari di prendere l’acqua. Ecco, li è questione di due secondi. Un bel colpo al piatto e tutta la pappa si sparge sul soffitto, sul pavimento, sulle pareti…ovunque.

Ecco, qualunque di queste ipotesi si verifichi, questo seggiolino ha una soluzione per tutto.
Il bambino può essere ruotato di spalle al tavolo mentre la mamma cucina, o se deve alzarsi un attimo.
Può essere posizionato di fronte al tavolo quando il bambino mangia da solo ad esempio. E di fianco quando la mamma lo deve ancora imboccare, permettendo a tutti e due di avere una posizione più comoda.

Ovviamente il seggiolino, essendo da viaggio, si può piegare e riporre in una comoda borsa da viaggio con maniglie, e la stoffa di cui è fatto è sfoderabile e facilmente lavabile.

Non sembra geniale anche a voi? lo conoscevate? Qualcuno lo ha e può parlarci della propria esperienza?

www.mercatinodeipiccoli.com

Comments Off

Visto che il frullato di qualche settimana fa ha riscosso particolare successo, vorrei riproporlo accoppiando frutta e carote, che con il loro sapore dolciastro si prestano benissimo in queste preparazioni così come anche nei classici dolci a cui siamo abituati!

Le carote poi in questo periodo fanno già benissimo perché contenendo molto carotene aiutano già in previsione dell’estate, perché è giusto che anche i piccoli abbiano la loro dose di vitamine e rinforzo naturale per le difese e per i primi caldi.

Consiglio di utilizzare frutta e verdura biologica.

Ingredienti (per 2 porzioni abbondanti)

1 carota

½ mela golden

5-6 fragole

Succo di arancia bio

-Mondate la mela,prelevate il torsolo; elminate la buccia dalla carota e il picciolo dalle fragole;

-Riunite tutti gli ingredienti grossolanamente tagliati nel boccale del frullatore e versate mezzo bicchiere di succo di arancia; azionate fino a ottenere un frullato omogeneo;

-a piacere potete a questo punto fltrare per eliminare eventuali impurità della frutta come i semini delle fragole; aggiungete un cucchiaino di miele a gradimento.

Shake&Bake

Comments Off

Finalmente sembra che la primavera abbia cacciato la stagione fredda e piovosa! Le giornate sono più lunghe, e il caldo di questi pomeriggi merita di essere addolcito con un frullato fresco e leggerissimo!

Ingredienti (per 2 porzioni)

½ mela golden matura

100 g lamponi

100ml succo di mela biologico (si trova anche nei supermercati)

1 cucchiaino di miele millefiori o fruttosio

-Pelate la mela e prelevate il torsolo; tagliate a tocchetti; pulite delicatamente i lamponi.

-Unite tutti gli ingredienti nel boccale del frullatore e azionate fino a ottenere un frullato omogeneo;

a piacere potete filtrare il succo in un colino a maglia spessa in modo da eliminare eventuali semini dei lamponi.

-Regolate di miele se necessario e servite a temperatura ambiente.

Per i bimbi più grandi e se il pediatra lo consente potete aggiungere anche una pallina di gelato al fiordilatte o sorbetto al lampone per rendere la merenda più golosa.

Shake&Bake

Comments Off

Un manifesto per i diritti alimentari dei bambini? A qualcuno potrà anche sembrare eccessivo, in realtà così non è se, in base agli ultimi dati, i disordini alimentari crescono fra i più piccoli, e uno studio di inizio 2011 dell’Organizzazione Mondiale della Sanità conta oltre 43 milioni di bambini obesi o in sovrappeso nel mondo, uno su due in sovrappeso solo in Italia.

Riconoscere un manifesto per i diritti dei più piccoli a tavola dovrebbe aiutarci a impostare una corretta alimentazione non solo per i nostri figli fin dai primi mesi ma anche per noi.

Le 9 regole sono state stilate da Federica Buglioni, mamma, cuoca in corsi di cucina per bambini e autrice di libri per cucinare coi più piccoli. Lo trovate per esteso anche sul suo sito www.bambiniincucina.it e se volete potete sottoscriverlo anche voi! (io l’ho già fatto:-)).

1.Il diritto a un pasto sano

2.Il diritto alla convivialità

3.Il diritto ad un ampio ventaglio alimentare

4.Il diritto di accesso alla cultura del cibo

5.Il diritto a una cucina sicura

6.Il diritto di imparare a cucinare

7.Il diritto ad avere guide responsabili

8.Il diritto al rispetto delle differenze

9.Il diritto a informazioni veritiere sul cibo

Il Cucchiaino

Comments Off

Dai come si fa a non innamorarsi delle stelline? Io le trovo adorabili, sono troppo belline come formato di pasta…le facessero più grandi le mangerei anche io! E perchè non mangiarle tutti insieme? mamma,papà&bimbi?

Non sempre la pappa deve essere diversa dalla cena dei “grandi” si può preparare un primo unico per tutti in modo da non avere mille pentolini sparsi per la cucina e avvicinare i primi pasti “seri” dei più piccoli a quelli dei genitori!

Trovo che le stelline con un ragù leggerissimo possano essere una cena uguale per tutta la famiglia!

Ingredienti

30 g stelline (o pasta simile)

30 g carne macinata di tacchino (o vitello)

1 cucchiaio di olio evo

2 cucchiai di passata di pomodoro

1 foglia di basilico

Sale qb

-Portate a bollore in un pentolino abbastanza acqua salata per poter cuocere le stelline; fatele cuocere secondo le indicazioni sulla confezione;

-Nel frattempo in un altro pentolino scaldate l’olio e fatevi rosolare la carne macinata mescolandola continuamente in modo da sgranarla benissimo; dopo un paio di minuti aggiungete la passata di pomodoro e la foglia di basilico; abbassate il fuoco al minimo e fate cuocere per altri 5 minuti, aggiungendo poca acqua di cottura della pasta se necessario.

-Scolate la pasta al dente e aggiungetela al ragù, mescolate un minuto in modo da insaporire il tutto e servitela subito.

Shake&Bake

2 commenti

Frittella, zeppola, bugia, chiacchiera e … pancake! Beh, non è un’abitudine nazionale, ma altrove, nei paesi anglosassoni e negli Stati Uniti, è un vero must per il martedì grasso tanto che alla simil frittella è dedicata una giornata dove ci si sfida a giri di pancake.

Tutto molto prosaicamente pare sia nato da una donna che il giorno del martedì grasso, presa dalla preparazione delle frittelle pensò bene di finire di girare e rigirare il pancake lungo la strada che portava alla messa.

Noi ne facciamo una versione abbastanza leggera per il pupo con tocchetti di mela all’interno e se proprio volete imitare gli americani aggiungeteci un filo di sciroppo d’acero.

Ingredienti (per 6-7 pancake)

100 gr di farina 00
1 uovo

1 cucchiaino abbondante di zucchero di canna
1 mela renetta o golden sbucciata e tagliata a tocchetti
1 pizzico di lievito
scorzetta bio di limone
un paio di cucchiai di olio d’oliva molto delicato
70 ml di latte e mezzo barattolino di yogurt bianco
cannella

Procedimento

Stemperate insieme farina, zucchero e lievito. Battete gli albumi a neve, fate lo stesso con i tuorli. Mescolate il latte e lo yogurt con l’olio, unite i tuorli e lentamente gli ingredienti solidi. Quindi la mela a tocchetti e gli albumi. Riscaldate una padella unta leggermente di burro e tuffate un cucchiaio di impasto alla volta, cercando di allargarlo leggermente. Dopo qualche minuto girate dall’altra parte. Servite i pancake caldi con un filo di sciroppo d’acero e cannella in polvere.

Il Cucchiaino

Comments Off

Non il solito frullato! Niente latte ma solo frutta, tutta frutta biologica e un cucchiaino di miele per mitigare l’asprino dei mirtilli.

Uno spuntino o merenda superenergetico, ho volutamente usato dosi per due bicchieri perché anche le mamme hanno bisogno di una coccola dolce ma salutare!

Ingredienti (per 2 bicchieri)

1 banana matura ma non molle

100 g mirtilli

1 arancia rossa (succo)

1 cucchiaino di miele di arancio

Spremete l’arancia, non buttate la polpa;

Eliminate la buccia dalla banana e lavate bene i mirtilli; riunite la futta con il succo dell’arancia e la polpa nel frullatore e azionate fino ad ottenere un frullato omogeneo; aggiungete il miele e amalgamatelo;

Se desiderate il frullato più compatto come fosse una passatina, usate meno succo di arancia.

A piacere potete filtrare attraverso un colino fitto il frullato in modo da eliminare le eventuali pellicine dei mirtilli.

Hugs,kisses&cookies

2 commenti

Ci stiamo avvicinando alla settimana di Carnevale ed è giunto il momento (per chi non lo avesse ancora fatto), di mettersi ai fornelli e preparare qualche delizia.
La prima ricetta, palline colorate è di Luisa, una cara amica di Chiara Consiglia, mentre la seconda, frittelle di patate,  è di Silvana, una blogger di Naturalmente Donna. Avete indossato il grembiule? Si parteeeee

_______________________________________________________________________

PALLINE DI CARNEVALE:

Ingredienti

  • 200 gr. BISCOTTI FROLLINI
  • 250 GR. RICOTTA
  • 100 ZUCCHERO A VELO
  • UN PO’ DI CAFFE’
  • UN PO’ DI LIQUORE
  • COLORANTI ALIMENTARI.

Procedimento:
Frullare i biscotti e versare in una terrina. Aggiungere la ricotta ammorbidita con la forchetta, lo zucchero a velo, il liquore ed il caffè ed amalgamare per bene fino a che  l’impasto diventi omogeneo. A parte preparare tante scodelline a seconda dei colori che verranno acquistati. Quindi inserire in ogni scodella un po’ di impasto ed aggiungere un po’ di colorante alimentare.
Formare tante palline e mettere in frigo prima di servire.
Semplice e gustosa, specialmente per i bambini.
____________________________________________________________

FRITTELLE DI PATATE

Ingredienti:

  • hg. 3,5 di patate tipo farinoso da gnocchi pelate,
  • 3 uova,
  • 1/2 bustina di lievito vaniglinato,
  • hg. 1 di zucchero,
  • sale,
  • hg. 1,5 di farina bianca tipo 00,
  • uvetta,
  • circa 1/2 litro di olio di arachide,
  • zucchero semolato,
  • grappa.

Per il procedimento e le foto di tutti i passaggi clicca qui

Chiara Consiglia

Comments Off

1

Vellutata di carote

Una vellutata semplicissima da preparare e molto leggera che a piacere e soprattutto assecondando i gusti dei piccoli può essere addolcita con un cucchiaino di miele.

Ingredienti (per due razioni da 100g)

3 carote da 60 g

1 piccola patata

Acqua q.b.

1 pizzico di sale

1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

A piacere 1 cucchiaino di miele millefiori o di acacia

-Mondate le verdure e privatele della buccia; affettate molto sottilmente le carote e la piccola patata;

-Riunite le verdure in una casseruolina e copritele con acqua fredda; portate dolcemente a bollore e fate cuocere fino a che siano ben tenere, circa 20 minuti a fuoco dolce;

-Trascorso questo tempo, eliminate parte del liquido di cottura e frullate il tutto con un mixer ad immersione o nel boccale del frullatore con il pizzico di sale e il cucchiaino di miele (facoltativo); in ultimo unite anche l’olio extravergine a crudo.

Tips: Potete raddoppiare la dose e dopo aver frullato il tutto potete conservare metà della vellutata in un contenitore a chiusura ermetica in freezer; al momento dell’uso quando riscaldate la vellutata aggiungete il miele (facoltativo) e l’olio extravergine.

Shake&Bake

1 commento

43 milioni di bambini, nel mondo, sotto i cinque anni sono obesi o in sovrappeso. L’allarme è stato lanciato pochi giorni fa da uno studio multicentrico commissionato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.
Un dato che ha suscitato grande attenzione su un fenomeno, quello dell’obesità infantile, che sta crescendo in maniera veloce nei paesi più ricchi. Tanto da spingere l’OMS a promuovere una campagna in dodici punti per combattere la tendenza.
L’OMS punta il dito soprattutto sugli alimenti ad elevato contenuto di zuccheri, sale, acidi grassi e grassi saturi che si trovano in gran parte nei prodotti pubblicizzati in maniera forte e ossessiva dal marketing: bibite gassate, snack confezionati, e tutto quel junk food, cibo spazzatura, che rischia di crescere bambini che da adulti avranno tutta una serie di problematiche patologiche, da quelle cardiovascolari a  quelle respiratorie, al di là dell’aspetto estetico-sociale.
Consideriamo inoltre che uno dei problemi ricorrenti coi più piccoli sta proprio in quella sedentarietà consumata davanti alla televisione e registrata come complice e aggravante all’obesità.
L’idea dell’OMS? Vietare o quantomeno limitare questo tipo di pubblicità oltre alla vendita di questi alimenti a scuola, all’asilo, nei parchi o negli ospedali.  Un modo per proteggere i più piccoli dalla forza del marketing delle grosse multinazionali.
Uno sforzo di sicuro importante che però deve accompagnarsi anche all’esempio, a casa e scuola, e a un’educazione al gusto e conoscenza che si costruisce attraverso una corretta relazione fra il bambino e il cibo fin dai primi mesi di svezzamento.
E voi che ne pensate?

1 commento

Se c’è una cosa che la Befana di solito non si porta via sono gli avanzi di panettone&co. E in questo caso che si fa con i resti, non più tanto amabili? Una soluzione perfetta anche per i più piccoli è utilizzare un paio di fette sbriciolate (quindi vanno benissimo anche secche, secche di un paio di settimane) come crumble, ossia copertura per infornate a base di frutta invernale, aromatizzata con cannella o vaniglia. Basterà bagnare con un goccio di latte (ma anche un paio di cucchiai di succo di mela o arancia fresca), magari preparare delle mini porzioni in stampini da muffin, ad esempio, per avere un dolce da merenda con una buona dose di frutta fresca.

Il formato? 18 mesi.

Ingredienti (per 4 porzioni)
1 mela renetta
1 pera
2 cucchiai di succo di arancia
1 cucchiaino di limone
1 cucchiaio di granella di nocciole (se non ci sono problemi di intolleranza o allergia)
1 fetta di panettone (senza uvetta)
1 cucchiaio di zucchero di canna
cannella
Procedimento
Sbucciate mela e pera, tagliate a pezzi e disponete in ministampini imburrati o coperti da carta da forno. Bagnate con buona parte del succo di limone e arancia e spolverate di cannella. Ora sbriciolate la fetta di panettone sulla frutta, spruzzate con il succo di arancia e spolverate con la granella di nocciole. Passate in forno a 175° per 30 minuti circa.

Il Cucchiaino

2 commenti

Non sarò riconosciuta una mamma modello, agli occhi della maggioranza, quando vi dirò che Miss Tita, 5 anni a marzo, beve ancora due volte al giorno, mattina e sera, il latte direttamente dal biberon.
Ok, fa male ai denti immagino, ok, forse è un accessorio assai infantile, ma in fondo mi dico sempre che un paio di ciucciate al giorno forse non sono poi così dannose.
Quando la prima volta ho trovato questi biberon di OrganicKidz mai avrei pensato di far arrivare la mia bambina a questa veneranda età ancora con il “vezzo” del biberon. Non li ho quindi ordinati.
Grandissimo errore invece visto che, oltre ad essere esteticamente belli e curati, sono anche quanto di meglio si possa chiedere ad un prodotto “bio”.
Non contengono il dannoso BPA, di cui potete leggere qualcosa cliccando su questo link.

In più sono realizzati in acciaio inossidabile, materiale resistente alla corrosione e con riconosciute proprietà antibatteriche.

Leggerissimi, ovviamente resistenti e meno fragili  e pericolosi di quelli in vetro, i biberon di OrganicKidz si possono lavare in lavastoviglie.

Vengono prodotti in differenti misure e fantasie e hanno a disposizione una vasta gamma di accessori come tutti gli altri solitamente in commercio.

Resta solo una cosa da capire: quando riuscirò a togliere il Biberon a Miss Tita?

www.mercatinodeipiccoli.com

3 commenti