2

Arriva Amazon.it, enjoy!

Si parla di: attualità

Per tutti quelli che, come me, frequentano e apprezzano le potenzialità della Rete da anni questo è un giorno un po’ speciale: Amazon, una delle più grandi e “antiche” librerie online, debutta in Italia.

Sulla home page, il benvenuto del fondatore, Jeff Bezos, ricorda il primo ordine consegnato in Italia nel 1995, lieto di poter offrire da oggi servizi “sul territorio”. Un vantaggio fondamentale per tutti gli appassionati di libri, musica e non solo e un’occasione in più di risparmio grazie a offerte e sconti.

E se questo vale un po’ per tutti, le mamme e i papà potranno trovare anche un’ampia selezione di giochi per i loro acquisti online, approfittando giusto un mese prima del Natale delle promozioni per il lancio. Tra i marchi presenti, Lego, Barbie e Fisher Price.

Ma veniamo ai libri. Ampia la selezione per bambini e ragazzi, suddivisa per fasce d’età e con la possibilità di filtrare narrativa, libri illustrati e interattivi. La vera chicca, in generale ma anche per i più piccoli, è la sezione dedicata ai libri in lingua inglese. Capolavori della letteratura per l’infanzia, nuove uscite tutte a portata di click, con il trenta per cento di sconto e con spese di spedizione gratuite per ordini sopra i 19 euro. Wow! Impossibile resistere alla tentazione di introdurre un po’ di inglese nella libreria dei vostri bambini. Sono disponibili anche libri in francese, tedesco e spagnolo ma le sezioni dedicate all’infanzia non sono altrettanto ricche.

Niente ancora per quanto riguarda il Kindle Amazon, il lettore elettronico per libri e magazine, che ha segnato la differenza per la possibilità di scaricare e leggere contenuti testuali. Al momento, quindi, non sono disponibili nemmeno e-book e mp3. Toccherà aspettare.

Se nel frattempo, però, avete voglia di una nuova macchina per il caffè su Amazon trovate pure quella. Del resto si sa: per godersi un bel libro è fondamentale una tazza a portata di mano.

Smamma

2 commenti

CaldomorbidiPiove ancora, i bimbi continuano ad ammalarsi, e certe volte i pomeriggi passati chiusi in casa possono essere una vera fonte di stress: noi siamo stanche, i bimbi litigano, dobbiamo trovare qualcosa per intrattenerli senza farli annoiare e senza piazzarli troppo davanti alla tv…

Ecco allora una piccola e dolce idea da realizzare in questi giorni: leggere insieme una favola piena di buoni sentimenti, e poi realizzare insieme i Caldomorbidi, questi bei pompom di lana che servono per parlare di emozioni e sentimenti, e per gestire in modo più sereno la rabbia.

<< C’era una volta un luogo, molto, molto, molto tempo fa, dove vivevano delle persone felici. Fra queste persone felici ve n’erano due che avevano per nome Luca e Vera. Luca e Vera vivevano con i loro due figli Elisa e Marco.
Per poter comprendere quanto erano felici dobbiamo spiegare come erano solite andare le cose in quel tempo e in quel luogo. Vedete, in quei giorni felici, quando un bimbo nasceva trovava nella sua culla, posto vicino a dove appoggiava il suo pancino, un piccolo, soffice e caldo sacchetto morbido. E quando il bambino infilava la sua manina nel sacchetto, poteva sempre estrarne un… “caldomorbido”.
>>

La favola dei Caldomorbidi, scritta nel 1969 da Claude Steiner, si può leggere online sul sito dell’autore o acquistare comodamente su Ibs.

Come scrive Claudia, sul suo blog La Casa nella Prateria (foto):
<< “La favola dei caldomorbidi” non è una favola come le altre: è una metafora del bisogno umano di contatto e riconoscimento. Un utile strumento per una prima alfabetizzazione sulle emozioni e sulla comunicazione.
Non che prima da queste parti mancassero le coccole. Ma da quando i termini “caldomorbido” e “freddoruvido” sono entrati a far parte del nostro vocabolario, le discussioni sono diventate più semplici e i diverbi più rari, o quantomeno più brevi. >>

Per questo Claudia, in un tutorial fotografato , passo passo, ci spiega come realizzare questi pompom soffici e caldi, per portare in casa, in questi giorni di pioggia, un pizzico di quella felicità.

Barbara Mammafelice
www.mammafelice.it

Comments Off