Ogni volta che vesto mia figlia in una tonalità di colore che non è pastello, pop-color o semplicemente non tendente al bianco, mia nonna e non solo, ha da ridire. I bambini sono puri quindi non vanno vestiti di nero. Ma chi l’ha detto scusate?

Qualcuno deve crederci davvero molto a questa cosa, perché vestire un bambino under 3 in totalblack è praticamente impossibile. Così non resta che ripiegare sul marrone, il porpora, il vinaccia o al massimo sul grigio.

Poi qualche giorno fa la scoperta. Sul sito del Mercatino dei Piccoli, viene segnalata la LUDD. Una linea di abbigliamento svedese ma prodotta in Spagna, che utilizza esclusivamente cotone bio e che ha come caratteristica particolare quella di puntare sul total white e sul total black per le sue collezioni. I capi sono semplici e  minimal e puntano a quelli che sono i pezzi basic del guardaroba dei piccoli. Body, pantaloni e t-shirt non solo bianchi ma anche e soprattutto neri.

ludd

Ho trovato da subito di grande effetto le proposte dell’e-shop e tocca assolutamente provare con mano l’eleganza che sprigiona anche da tutto il sito, sopratutto perché le collezioni sono solo under 3 e alla rana manca ormai poco prima di varcare tale soglia.

E voi come la pensate in merito al nero nel guardaroba dei più piccoli. Siete dalla mia parte o da quella di mia nonna?

Marlene TRN

1 commento

Ho da poco fatto la prima esperienza di shopping on-line, probabilmente arrivo tardi rispetto a molte di voi, ma non mi sentivo ancora pronta. Ho valutato mille aspetti e su incoraggiamento di un amica, che mi proponeva un acquisto cumulato per ovviare alle spese di spedizione, mi sono lanciata. Non l’avessi mai fatto. è un po’ come prima di fare l’amore, finché non ci provi hai paura e ti fai mille domande, poi dopo ti si apre un mondo tutto da esplorare.

Quindi ho pensato di condividere con voi le mie ultime scoperte in materia di abbigliamento baby, da acquistare rigorosamente on line:

- La Redoute: alzi la mano chi non la conosce, anche io la conoscevo pur non avendo mai aperto il sito. Hanno una vastissima offerta di abbigliamento per bambini, ma anche un sezione molto molto fornita dedicata all’abbigliamento pre-maman

la rodoute

- Forever21: qui ci sono arrivata per fare acquisti per me, ma ne sono uscita con un carrello di roba per lei, la nana. Unico neo e che solo la sezione bambina. Quindi astenersi se avete figli maschi o neonati. La trovo un po’ sciocca come cosa però le loro offerte sono davvero appetibili.

- Outlebambini.it: questo sito non l’ho ancora provato personalmente ma mi ispira molto. ci sono capi di diverse marche a prezzi scontati e infatti ho trovato un paio di vestitini che avevo, proprio di recente, visto in negozio e che qui mi vengono a costare anche meno. Magari c’è proprio quello che avete visto anche voi e per il quale non avete trovato la taglia o il colore giusto. Un ottima risorsa in questo senso.

e voi su quali siti preferiti fare acquisti per i vostri piccoli, ma anche per voi? ormai sono entrata nel mood è ho proprio bisogno di scovare siti interessanti e convenienti. Fatevi avanti.

Marlene.

è

4 commenti

Poudre de Perlimpinpin, non lo conoscete? Bhè dovreste!

E’ un marchio di fabbricazione Francese, nello specifico i designer di questa linea per bambini provengono dal sud della Francia. I vestiti da loro proposti, sono tra i più divertenti che io abbia mai trovato sul in giro. Tessuti ricercai, linee divertenti e sempre molto colorati. La modo viene interpretata in maniera scherzosa e soprattutto a misura di bambino.

I bambini vestiti, Poudre de Perlimpinpin, sembrano tanti folletti scappati da un bosco incantato o artisti circensi usciti da un libro di fiabe.

poudre poudres

Le collezioni di questo marchio in Italia le potete trovare solo in due punti vendita uno a Milano e uno a Bologna, mentre oltralpe sono molto più numerosi e ben distribuiti in tutta la nazione dal nord al sud della Francia.

Non ho trovato molto altro in merito, ma quel poco che si trova è bastato ha catturare la mia attenzione. Adoro quest’abbigliamento un po’ kitsch e un po’ alternativo, con il quale è davvero impossibile passare inosservati.

Se ne sapete di più in merito a Poudre de Perlimpinpin , non esitate e raccontatemi cosa ne pensate.

Marlene.

Comments Off

Lunedì la rana comincia l’asilo. Mamma che emozione, non so se sono più emozionata o spaventata, sinceramente credevo fosse più semplice, invece.
Tra le innumerevoli cose che ci hanno raccomandato, l’accento è stato posto sull’abbigliamento dei bambini. Semplice e il più comodo possibile. Niente salopette, abitini sofisticati e jeans complicati da aprire, con cinture o quant’altro.

Bene mi sono detta, la rana a parte un paio di leggins e una tuta rosa che mette in casa, ha solo roba vietata. Pantaloni, che ovviamente, non sa sbottonare da sola e vestitini poco pratici per l’asilo. Urgeva un rifornimento di capi basici. Tute, tute, tute.

Cade a fagiolo, che siamo in tempi di saldi, quindi per rifornire la rana non ho dovuto vendere un rene e sono andata da iDo.

Do di petto, propone un abbigliamento per bambini, attuale, disinvolto e grintoso, con una collezione fortemente orientata alla coordinabilità e capi adatti a tutte le occasioni di svago. Sul sito si legge che : “Le collezioni sono caratterizzate da un eccellente rapporto qualità prezzo e sono progettate per rispondere alle esigenze di un bambino vivace e sempre in movimento”  Praticamente quello che cercavo. Praticamente quello che ho trovato. In più il marchio è tutto italiano, bello, no?!

ido

Infatti, al posto dei soliti coordinati pantalone a felpa che tanto mi fanno tristezza, ho trovato una reinterpretazione del comodo formato bimbo. Completi leggins e maxi pull, super colorati e super trandy. Pantaloni con molla in vita e t-shirt abbinate, con gusto e ricercatezza. Materiali ottimi e credo anche di ottima resa, non appena li avrò messi in lavatrice vi dirò che tenuta hanno. Intanto voi date un occhiata alla nuova collezione 2010/2011, magari c’è qualcosa che vi piace e la trovate anche in saldo.

Un monito speciale poi va riconosciuto al set fotografico, della nuova collezione, veramente fantastico e divertentissimo. Una splendida idea per presentare un prodotto per bambini e dedicato ai bambini. Un catalogo che sprizza gioia e felicità in ogni pagina. Se vi va di sfogliarlo lo trovate  in formato pdf, sul sito.

Ps: per la cronaca il completo bimba che vedete in foto e uno degli acquisti che ho fatto per la Rana.

A presto e buono shopping.

Marlene – Tra Rock e Ninna Nanne

2 commenti

2

Shopping for baby: Catimini

Si parla di: abbigliamento, design

Quando sono Stata in Spagna qualche mese fa, mi sono imbattuta in un store della Catimini.

Rapita, totalmente rapita, dalla collezione di questo brand spagnolo. Super colorata, molto street, poco chic e very pop.

Le collezioni di Catimini, sono una vera e propria esplosione di colori ed allegraria, e poi, non so, hanno quel qualcosa in piu, che le contraddistingue. Sarà la linea spagnola che in italia va davvero tanto, vedi gli infiniti store di brand spagnoli che spopolano da noi, sarà il gusto un po’ carioco che mettono nel disegnarle, ma ha me piacciono tanto e mi piace tutto della Catimini.  Era impossibile non avere tra i souvenir riportati in patria alcuni pezzi della Catimini per la Rana. Che ha decisamente apprezzato, sopratutto in fatto di colori.

catimini

Purtroppo in Italia non ci sono dei veri e propri store di questo marchio ma lo si trova comunque. A Milano ad esempio è nella linea di vendita dei franchising de La casa di Pepa. Fantastici e di cui vi parlerò al più presto. Oppure potreste trovarli in alcuni punti vendita della Coin, in ogni caso sul sito c’è un elenco facilmente consultabile. Io li ho tutti lontanissimi, ma se voi li avete nei paraggi fateci un giro, sono sicura che vi rapiranno.

In quanto a costi non so dirvi come siamo messi qui in Italia, in spagna sono medi e compensano bene il rapporto qualità prezzo.

Allora che ne pensate, vi piacce questa linea?

Marlene.

2 commenti

Shopping for Baby: Papermoon

Si parla di: abbigliamento, attualità

Dopo qualche settimana di latitanza torna la vostra rubrica preferita.

Tempo di Natale. Non so voi ma a me vedere già tutto addobbato in giro, un po’ intristisce, cioè voglio dire, cominciamo a decantare il natale da un mese prima che arrivi e poi quando veramente arriva e dovremmo festeggiare e già tutto bello che finito.

Il bello di questo periodo pre-natalizio però e proprio lo shopping. Per i regali, per noi, per i nanetti che vestiranno a festa per 24 ore, sempre che non si sbrodolino il brodo dei tortelli sulla gonna nuova o sulla camicia bianca, per lo spirito in se. In odor di natale andare per negozi io lo trovo meraviglioso, sempre che non ci sia folla e calca, che quella invece mi innervosisce e mi stizzisce parecchio. La sosta per la cioccolata calda e poi di nuovo in giro per vetrine addobbate e luccicose sotto le lucine che addobbano i viali. Si sto esagerando lo so ma il natale mi rende romantica, anche troppo per certi versi.

Tornando a noi, conoscete PAPERMOON?

Vi avviso subito che come brand è di fascia medio-alta, nel senso che qui parliamo di vera e propria griffe. Io non ho ancora avuto il piacere di acquistare nulla, ma sono letteralmente innamorata della collezione invernale che potete vedere su sito da dove potete scaricare anche il catalogo completo e dè per questo che ve ne voglio parlare.

La produzione e tutta italiana, e l’azienda IDEA s.pa. prima di arrivare sul mercato con PAPERMOON ha prodotto e distribuito capi per Tru Trussardi Junior, Rifle, Harley Davidson e Think Pink, ricoprendo così tutte le necessità dell’abbigliamento ragazzo e bambino, dal casual, al fashion fino allo sportivo.

papermoon

Sul sito potete trovare tutti i punti vendita che ci sono in Italia ma aimè io vicino non ho granchè e purtroppo non esiste uno shop on-line ufficiale.

Che ve ne pare, bella la collezione NewbornChild ? Magari trovate proprio l’abbinamento perfetto per le festività in arrivo.

paper2

Io con una figlia femmina sono diventata matta e stavo con la bava alla bocca, anche perché il vero danno e che molti capi non li facciano anche della mia taglia.

Buon fine settimana a tutti. Marlene.

Tra Rock e Ninna Nanne

Comments Off

Oggi è venerdì e Shopping for baby, vi propone una cosa diversa. Più che un suggerimento sull’abbigliamento per i più piccoli volevo infatti conoscere il vostro parere su una riflessione che mi è sorta spontanea cercando il tema per questo nuovo post.

Dopo una serie di brand di fascia medio/bassa adatti alla vita tutti i giorni, comodi per andare a scuola, giocare al parco, pratici e resistenti, volevo proporvi qualcosa di più raffinato. Magari adatto ad un occasione speciale, un matrimonio o una serata importante.

Solitamente sono contraria a vestire i bambini in maniera eccessivamente elegante e complicata, ma ci sta che erte volte tocca farlo. Girando per il web, sono cos’ì incappata nella nuova collezione di Patrizia Pepe Bambina e neonata. Ok, le fasce di prezzo sono decisamente alte, la collezione carina e ricercata, ma quello che mi ha stupito sono le foto del catalogo.

Guardatele, voi cosa vedete? Riuscite a vedere, magliette o pantaloni in maniera da decidere se comprarli o meno? Riuscite ad individuare la vestibilità di certi capi?

pp1

IO NO.
Io vedo BAMBINE in atteggiamento lasciavo e apatico, tristi e assenti, che posano davanti all’obbiettivo in maniera asettica e semi sensuale. Io non credo che queste bambine debbano stare qui, in queste foto. Dovrebbero sorridere, giocare, fare la ruota nelle loro gonnelline  preziose, dondolarsi nel cappottino nuovo e saltellare. Invece. Invece imitino un ruolo che non le compete e non rendono affatto glam un linea di abbigliamento, anzi a mio avviso la incupiscono come sono cupi i loro occhi.

pp2

Fortuna che ai neonati non puoi negargli di ridere ed essere felici di stare al mondo, infatti sono solo due le foto con neonata. Non so ma a me ste foto fanno troppo tristezza. Da mamma non condivido a fatto questa campagna pubblicitaria e come questa tutte quelle che utilizzano i bambini come mezzi di seduzione o esca per gli adulti.

MARLENE

TRA ROCK E NINNA NANNE

8 commenti

5

Shopping for baby: Z-enfant

Si parla di: abbigliamento

logo

Comincia qui una mia nuova avventura in collaborazione con Mommy  Pride.
Non so voi ma io ogni tanto beandomi di quei pochi minuti di libertà dal full-time mammesco vago per il web alla ricerca di qualche soluzione  o suggerimento pratico, da applicare nella vita reale, quella lontana dalla grande agorà di internet.
Tra le varie question che mi pongo e che vanno dalla “ricette con le zucchine” al “locale carino“, da “come lavo il frigo” a “cosa mi metto stasera” ce né sempre una che rimane unresolved. Irrisolta, inascoltata e senza soluzione. Come vesto il nano? Anzi nel caso specifico, la nana?
Voglio dire, non è che proprio non so come vestire mia figlia, però mi piacerebbe avere degli spunti per delle idee un po’ più fuori dal coro, o no? Voi che dite? Io dico che le fashion blogger si buttano, ma una che proponesse outfit per bambini, magari segnalando promozioni, sconti o vendite promozionali, no? Forse ci sono ma io non le ho trovate, se voi ne conoscete qualcuna presentatemela.

Intanto io comincio da qui: Brand baby, low cost e soprattutto sconti e promozioni in corso. Tutto quello che solitamente cerco io.

Iniziamo subito. Il brand della settimana è Z-Enfant.

bebe filles

bebe filles

bebe garson

E’ un marchio di origine  francese che veste da 0 a 14 anni. Io ne sono affezionata cliente e quasi il 60% del guardaroba della nana lo rinnovo qui, la qualità dei materiali è ottima e i prezzi sono veramente accessibili a tutti. Lo stile poi è spettacolare, moderno, versatele è underground. Alle varie collezioni che cambiano di stagione in stagione proponendo sempre capi nuovi e alla moda, è abbinata una linea BASIC che permette di realizzare outfit per tutti i giorni ha prezzi bassissimi. Provare per credere.


garson

garson

In questo periodo presso i punti vendita Z-enfant è in corso la promozione “acquista 2 capi e quello meno costoso lo paghi solo 1 euro ”. Conveniente no?
La promozione è valida solo su alcuni capi che però fanno parte della nuova collezione. Io ho acquistato un completo maglia e pantalone a 15.00 e una tuta per lo stesso prezzo.
In piu con una spesa minima di 30.00 euro è possibile avere la Z-card, che registra tutti i propri acquisti e periodicamente permette di usufruire di promozioni personalizzate e sconti fedeltà.
La Z-card però viene rilasciata solo su richiesta del cliente, pertanto non aspettate che ve la propongono, richiedetela voi!

L’unico neo di questo franchising è che è poco diffuso in tutta Italia. Io ho la fortuna di averlo in città, ma voi  potete cercare qui il punto vendita più vicino, altrimenti potete sempre utilizzare lo shop on-line.

Marlene

Tra rock e ninnananne

5 commenti